Sono 20 milioni i pirati in Italia fra streaming e P2P: 669 milioni di volte nel 2016

Sono 20 milioni i pirati in Italia fra streaming e P2P: 669 milioni di volte nel 2016

Fapav ha commissionato un'indagine di mercato per meglio comprendere la diffusione e l'evoluzione della pirateria in Italia. I numeri non sono molto confortanti

di pubblicata il , alle 16:41 nel canale Web
 

Sono oltre 20 milioni gli italiani che nel 2016 hanno visto almeno un "contenuto piratato". È il dato stimato da Ipsos che ha realizzato un'indagine per la Federazione per la tutela dei contenuti audiovisivi e multimediali (Fapav): il 39% degli intervistati ha risposto di aver illecitamente fruito di contenuti pirata l'anno scorso, per un totale di circa 669 milioni di atti di pirateria compiuti nei 12 mesi. Dall'ultima ricerca sono passati circa 6 anni, e da allora il quadro della pirateria è cambiato radicalmente: sono quasi scomparsi i DVD e tutto si fa principalmente online.

La fascia di età del campione utilizzato dalla società di analisi è dai 15 anni in su, ma quest'anno si è posta particolare attenzione anche nei confronti degli utenti dai 10 ai 14 anni, ormai anch'essi capaci di fruire di contenuti illegali pubblicati online. La pirateria, secondo Federico Bagnoli Rossi di Fapav, si sta evolvendo insieme alle nuove tecnologie di streaming audio-video, così come il livello di competenze di cui propone i contenuti contraffatti sul web o sugli altri vettori di diffusione. Nella presentazione dell'indagine si fa riferimento anche all'impianto normativo vigente in Italia.

"È ancora valido", sottolinea il dirigente della Fapav, "va solo applicato e implementato con forza da tutti quanti: Autorità, Forze dell'Ordine, Magistratura e Operatori". Mario Catania, Presidente della Commissione d'inchiesta sulla contraffazione e la pirateria commerciale della Camera dei Deputati, ha aggiunto: "La ricerca conferma che contraffazione e pirateria sono in crescita nel lungo periodo. Siamo passati dai prodotti materiali (abiti, VHS), a quelli immateriali, digitali, offerti in rete". Secondo Catania non è sufficiente la semplice azione penale.

Questo perché l'opinione pubblica più diffusa non considera reato il fruire di contenuti divulgati illecitamente online: "Sarebbe utile avere un sistema sanzionatorio non penale per contrastare il fenomeno, magari tramite un sistema di illeciti amministrativi", è stata la proposta di Catania, che comunque ammette che l'iter amministrativo in passato si è verificato poco efficace. Sulla stessa lunghezza d'onda Nicola Borrelli, Direttore generale Cinema del Ministero dei Beni e le Attività Culturali: "La scarsa comprensione del danno della pirateria all'intera industria audiovisiva, culturale e creativa, va gestita da una parte con la sanzione amministrativa potenziata, dall'altra promuovendo offerta legale", ha dichiarato.

La strategia dei pirati che diffondono il materiale online si è evoluta drasticamente nel corso degli anni in termini di catena distributiva illecita organizzata con server transfrontalieri e conti off-shore che consentono ai criminali di realizzare strategie inattaccabili e aumentare i profitti. Da una parte Fapav vuole stanare i criminali (è stato il primo ente per numero di istanze anti-pirateria presentate all'Agcom, promuovendo il blocco di 94 siti in tre anni), dall'altra sensibilizzare i giovani circa i danni commessi con la fruizione di contenuti illeciti all'industria artistica e creativa.

Se da una parte la pirateria sembra ancora in crescita, dall'altra lo sono anche le piattaforme di streaming perfettamente legali con musica, giochi, film e serie TV. In Italia sono tre le principali tipologie di pirateria: digitale, fra cui download, condivisione via peer-to-peer e streaming; e indiretta, possibile ottenendo le copie fisiche dei DVD o Bluray contraffatti. I prodotti piratati più ricercati nel nostro paese sono i film (il 33% della popolazione adulta ne ha almeno visto uno nel 2016), anche se dal 2010 la pirateria cinematografica è in calo del 4%.

Sono invece aumentate drasticamente le altre tipologie di pirateria, fra cui in prima posizione quella ai danni di serie TV e programmi, passati dal 13 e 11% al 22 e 19%. Le tecniche dirette e fisiche sono in netta diminuzione, tutto a vantaggio degli atti di pirateria digitale che crescono del 78% negli ultimi anni, così come la qualità dei contenuti sparsi online. Fra le fonti preferite per il download di Serie TV e film troviamo BitTorrent e siti Cyberlocker. Chi scarica, inoltre, non è per forza chi non può permettersi di acquistare o noleggiare legalmente i contenuti.

Il profilo emerso del pirata medio è quello di un uomo (nel 55% dei casi) con un titolo di studio mediamente elevato e che lavora, spesso in posizioni dirigenziali o autonome. Al tempo stesso rispetto a 6 anni fa i pirati sembrano più inclini ad utilizzare anche alternative a pagamento, fra cui visione al cinema o acquisto o noleggio di copie fisiche delle opere artistiche. Il danno all'industria cinematografica italiana è quindi di circa 107 milioni di fruizioni legali perse, per un impatto finanziario stimato in circa 518 milioni di euro.

Nel complesso le ripercussioni per l'economia italiana sono di circa 1,2 miliardi in termini di fatturato per le aziende, con una perdita per il PIL di circa 427 milioni di euro e 6.540 posti di lavoro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
PeK07 Giugno 2017, 17:06 #1
"La ricerca conferma che contraffazione e pirateria sono in crescita nel lungo periodo. Siamo passati dai prodotti materiali (abiti, VHS), a quelli immateriali, digitali, offerti in rete". Secondo Catania non è sufficiente la semplice azione penale.


VHS?

https://www.youtube.com/watch?v=031vKBPk5eA
xxEmilioxx07 Giugno 2017, 17:12 #2
Premesso che non voglio difendere la pirateria etc però su queste stime sono un po' scettico: danni al PIL? Posti di lavoro persi? Se consideriamo la pirateria "digitale" , quindi non parliamo di merce contraffatta acquistata dall'ambulante di turno, a x posti sottratti al settore intrattenimento si sostituiscono x posti legati al settore informatica in senso lato (produzione, vendita, providers etc.) a mio parere... quindi le stime lasciano il tempo che trovano
alexbilly07 Giugno 2017, 17:18 #3
mi sembrano numeri esagerati. Ormai un abbonamento netflix smezzato in 4 costa 3 euro, per i film al cinema ci sono varie offerte. Chi scarica materiale pirata lo fa anche per tenersi una sorta di archivio, magari li per li non se li guarda nemmeno ma li tiene per puro "collezionismo", roba che anche volendo nemmeno si trova facilmente in giro nei negozi... chi invece sta a scaricarsi l'ultimo filmone senza spendere nemmeno 3 euro di netflix o 6 euro di cinema e preferisce guardarselo sgranato e con l'audio ignobile mi sa che difficilmente si convertirebbe alla legalità se la pirateria sparisse, è solo un taccagnone
ronin78907 Giugno 2017, 17:22 #4
se un film mi piace mi compro il dvd
e che io sappia, non c'era neanche un film italiano del 2016 che valesse la pena di essere visto e quindi piratato o comprato
quindi non vedo tutto questo danno al pil
poi dire che 20 milioni di italiani piratano i film, mi sembra una assudità
il danno al pil sono le schifezze che fanno e che nessuno è disposto a comprare
ninja75007 Giugno 2017, 17:32 #5
sono più pirati:

a) gli utenti che scaricano
b) quelli che applicano bollini SIAE qua e la
c) quelli che inseriscono l'equo compenso sui supporti vergini

?
DIDAC07 Giugno 2017, 17:35 #6
Originariamente inviato da: ronin789
che io sappia, non c'era neanche un film italiano del 2016 che valesse la pena di essere visto


"lo chiamavano jeeg robot"
se non lo hai visto te lo consiglio, davvero un gran bel film!

a parte questo:
"La strategia dei pirati che diffondono il materiale online si è evoluta drasticamente nel corso degli anni in termini di catena distributiva illecita organizzata con server transfrontalieri e conti off-shore che consentono ai criminali di realizzare strategie inattaccabili e aumentare i profitti."
[B][U]con il peer to peer non si arricchisce proprio nessuno pirata.[/U][/B]
E' chiaro come la nostra classe politica non sa nemmeno di che parla.

Peccato nessuno parli nell'articolo dell'aumento delle tasse sui supporti di memoria per compensare le perdite di guadagno...questa è l'ennesima manovra per foraggiare che in Italia non lavora, ma vive sulel spalle degli altri, altro che posti di lavoro persi porca pupazza...
roccia123407 Giugno 2017, 17:44 #7
E ancora si parla di 1 copia piratata = 1 mancata vendita .
TheMonzOne07 Giugno 2017, 17:47 #8
YAARRRRRR!
Klontz07 Giugno 2017, 18:38 #9
Originariamente inviato da: roccia1234
E ancora si parla di 1 copia piratata = 1 mancata vendita .


Per forza.. altrimenti come fanno a giustificare/chiedere l'ennesimo aumento per equo compenso ?!?!
"La realtà non è come ci appare", dice Carlo Rovelli, ma si riferiva a cose più serie e concrete.
giovanbattista07 Giugno 2017, 19:07 #10
raga se volete farvi 2 risate andate sul loro sito

http://www.fapav.it/2/osservatorio/...stantiquot.html

riporto solo una chicca



Come pensa la FAPAV di combattere il download illegale di cinema?

dopo quella mi sono fermato

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^