Rivoluzione in vista per la privacy in USA: gli ISP potranno vendere informazioni degli utenti agli inserzionisti

Rivoluzione in vista per la privacy in USA: gli ISP potranno vendere informazioni degli utenti agli inserzionisti

Dal Senato il primo via libera alla nuova norma che sovverte le regole di privacy stabilite nel 2016. Dati come la situazione economica, le condizioni di salute e la history di navigazione potranno essere venduti a terzi senza il consenso degli utenti

di Andrea Bai pubblicata il , alle 10:01 nel canale Web
 

Il Senato degli Stati Uniti d'America ha espresso voto favorevole alla rivoluzione delle regole di privacy istituite dalla Fedeal Comunications Commission nel 2016. Se la nuova proposta dovesse riuscire a superare il vaglio della Camera dei Rappresentanti, permetterà ai fornitori di servizi internet di vendere informazioni dei clienti ad inserzionisti pubblicitari senza che il pubblico possa esprimere il proprio consenso o dissenso. Il voto del Senato ha visto 50 Repubblicani a favore e 48 Democratici contrari, con due Repubblicani assenti.

Le precedenti regole stabilite dalla FCC determinavano che i provider di servizi internet dovessero ottenere il consenso prima di condividere informazioni sulla località, sulla salute, sui figli, la situazione economica o lo storico di navigazione, se per i pubblicitari o se per marketing interno. Questa impostazione ha trovato l'oppsizione non solo degli ISP, ma anche di esponenti politici repubblicani che andavano sostenendo come tali regole cressero un terreno di gioco non equo, ostacolando la concorrenza, l'innovazione e gli investimenti, dando modo a realtà come Google e Facebook di raccogliere molte più informazioni rispetto ai provider di servizi internet e per questo di avere un vantaggio asimmetrico nel campo della pubblicità.

Ad orientare il voto vi sarebbe stato comunque una certa pressione e un "aiutino" da parte delle lobby, in quanto il gruppo di senatori repubblicani che hanno portato avanti l'iniziativa avrebbe ricevuto donazioni pari a 1,7 milioni di dollari. Tra gli esponenti politici più noti -e ad aver ricevuto le donazioni più consistenti- vi sono i senatori texani John Cornyn e Ted Cruz, il senatore della Florida Marco Rubio e il senatore del South Dakota John Thune. Dall'altro lato, le principali aziende "benefattrici" sarebbero AT&T, Comcast e Verizon che hanno contribuito rispettivamente per 357, 309 e 273 mila dollari.

Non è ancora possibile sapere quando la proposta di legge approderà alla Camera dei Rappresentanti per il voto.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
adelage27 Marzo 2017, 10:20 #1
In America sono davvero avanti, hanno risolto il problema della corruzione, basta chiamarle donazioni et voilà, problema risolto, altro che da noi in Italia..."è il mondo che è diventato italiano..." https://www.youtube.com/watch?v=tGqYpMg0zZo
Jammed_Death27 Marzo 2017, 10:31 #2
trump è un imprenditore è sta gestendo gli usa esattamente come un'azienda. Il problema è che lo scopo primario di uno stato non dovrebbe essere il profitto.
hackaro7527 Marzo 2017, 11:36 #3
sempre peggio!

ma quando riconosceranno alle persone il loro diritto [B][I][U]inviolabile[/U][/I][/B] alla privacy?

Se può esser violato deve esserlo solo dall'utente stesso, ed a questo e solo a lui vanno riconosciuti tali diritti. E se lui decide di alienarli va pagato!
ScaNicky27 Marzo 2017, 13:17 #4
(nel caso dell'approvazione)si prevede un'impennata di richieste per servizi vpn...
ComputArte27 Marzo 2017, 19:07 #5

Facile fare i commercianti con la privacy degli altri

...certo che in America la sanno luuuuuunghissima......
Così lunga che fa quasi il passo alla corruzione di chi sta nella stanza dei bottoni della Commissione Europea e chi sta nei singoli statiarelli come in Italia , dove la vergogna sta diventando un valore positivo , visto l'abuso che ne fenno i governanti....
Mi riferisco alla carne di porco che è concesso fare alle OTT con i nostri dati... e di come sono avallate e giustificate piattaforme che sono ingegnerizzate per spiare tutto e tutti come i SMARTphone e tutto quello che "smart" ....naturalmente per chi spia....
Fare commercio con la privacy altrui è cosa facile vista la tecnologia attuale....oramai o ci si svegli in maniera seria e si inizia ad utilizzare tecnologia SW e HW indipendente e su fonte aperta oppure ci troveremo a fare tutti da lustrascarpe a chi si fregia di produrre tecnologia....laidi parassiti! Una chiave assolutamente "innovativa" è rendere i consumatori consapevoli che i loro dati VALGONO e che quindi ci si possono "fare soldi"....unica soluzione, perchè se aspettiamo i nostri governanti o organi di controllo, è una battaglia persa in partenza!
s0nnyd3marco27 Marzo 2017, 22:54 #6
Mi chiedo quanto manchera' alla vendita dei dati personali degli utenti dei sistemi operativi... Microsoft, Google, sto parlando con voi.
s-y28 Marzo 2017, 06:24 #7
vedremo se passa, non è scontato, anche per questioni collegate
bio.hazard28 Marzo 2017, 07:46 #8
Originariamente inviato da: hackaro75
ma quando riconosceranno alle persone il loro diritto [B][I][U]inviolabile[/U][/I][/B] alla privacy?


Diritto alla privacy a gente che si vende il deretano per i punti fragola dell'Esselunga?
Jack.Mauro28 Marzo 2017, 09:30 #9
Bisognerà usare TOR anche per leggere le news...

Vent'anni fa ero un ottimista della tecnologia, cinque anni fa ho avuto la sensazione di superare il limite della decenza, oggi mi chiedo se il gioco vale la candela.....
matteop328 Marzo 2017, 11:14 #10
Originariamente inviato da: Jack.Mauro
Bisognerà usare TOR anche per leggere le news...

Se fossi inglese o americano l'avrei già reso il mio browser di default sia da desktop che da mobile.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^