PhotoDNA a disposizione della Polizia Postale e delle Comunicazioni

PhotoDNA a disposizione della Polizia Postale e delle Comunicazioni

Un accordo a livello mondiale mette a disposizione degli organi di polizia le tecnologie PhotoDNA di Microsoft. Ieri è stata presentata anche l'emanazione italiana di tale iniziativa intrapresa tra Microsoft e Polizia Postale e delle Comunicazioni

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Web
Microsoft
 

Pochi giorni fa abbiamo segnalato un importante iniziativa di Microsoft in merito alla lotto contro la pedopornografia: l'azienda di Redmond ha deciso di mettere a disposizione degli organi di polizia le tecnologie di PhotoDNA. Nella giornata di ieri Polizia Postale e delle Comunicazioni e Microsoft hanno presentato l'iniziativa che risulta valida anche sul territorio italiano.

PhotoDNA è una tecnologia di corrispondenza delle immagini, sviluppata da Microsoft Research in collaborazione con il Dartmouth College, in grado di creare una firma univoca per un'immagine digitale che può essere confrontata con le firme di altre immagini al fine di trovare copie dell'immagine specifica. PhotoDNA è in grado di rilevare correttamente una firma anche se l'immagine stessa è stata in parte modificata, ridimensionata, rinominata etc.

Molti provider di servizi online utilizzano attualmente PhotoDNA per ricercare, segnalare ed eliminare alcune delle peggiori immagini conosciute di pedopornografia online. Le medesime tecnologie ora sono a gratuitamente a disposizione di Polizia Postale e delle Comunicazioni.

Siamo lieti di poter mettere a disposizione di una causa importante come la lotta alla pedofilia una tecnologia nata inizialmente per una maggiore sicurezza dei provider online”. ha dichiarato Pietro Scott Jovane, AD e Presidente Microsoft Italia.

Entrando più nello specifico dell'accordo la tecnologia PhotoDNA sarà disponibile gratuitamente alle forze dell'ordine tramite lo strumento Sistema Child Exploitation Tracking System (CETS), un sistema di tracciamento contro la pedopornografia  messo a disposizione da Microsoft alle forze dell'ordine a livello mondiale, che consente di eliminare la duplicazione, aumentando in tal modo l'efficienza nel proseguimento delle attività investigative nonché nella raccolta delle prove e nella preparazione dei casi contro i soggetti sospetti di pedopornografia. Il sistema CETS viene attualmente utilizzato dalle forze di polizia in Australia, Brasile, Belgio, Canada, Italia, Regno Unito e Stati Uniti.

Per alcuni organi investigativi dotati delle necessarie competenze è prevista anche la disponibilità di licenze dirette per gestire in modo autonomo l'integrazione del codice sorgente di PhotoDNA.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Riccardo8230 Marzo 2012, 15:37 #1
peccato che questa tecnologia non permetta di far esploedere il pc mentre uno di questi indefinibili esseri le guarda...
fraussantin30 Marzo 2012, 15:41 #2
Originariamente inviato da: Riccardo82
peccato che questa tecnologia non permetta di far esploedere il pc mentre uno di questi indefinibili esseri le guarda...


[SIZE="7"]*[/SIZE]

cmq imho con un po di impegno si acchiapperebbero.


cioè hanno preso terroristi talebani , spie , ecc ecc.............
paranoic30 Marzo 2012, 15:53 #3
Non riesco a capire come funziona questa tecnologia...a me sembra pericolosa per qualunque persona che detenga materiale fotografico, fosse anche porno per adulti che legalmente non mi risulta essere illegalmente detenibile o consultabile. Non conosco il mondo delle foto digitali (e nemmeno mi interessa) quindi ci saranno tecniche di output specifiche che indicizzeranno la foto...ma come si riesce a capire, tracciando la foto, se questa è di minore o di un panorama o di un cane per es?? Forse dovrei chiedere a qualcuno esperto di fotografia digitale, però visto l'argomento si potrebbe correre anche il rischio di essere frainteso, e visto che in questi casi qualcuno potrebbe anche avere interesse a fraintendere. Inoltre, se uno avvista una foto od un avi intitolato in modo sospetto, su una rete locale, nel momento in cui lo dovesse selezionare potresti anche correre il rischio di essere accusato di detenzione di materiale pedopornografico, ma se avvisi la polizia postale corri il rischio di beccarti una denuncia per diffamazione..nel caso in cui la foto od il materiale fossero legali. Insomma come spesso succede, mi auguro che le forze dell'ordine abbiano anche buon senso nell'applicare il metodo. Adesso sicuramente qualcuno intravederà in questo testo un qualche strano piano o discorso, tale non è...io dico solo che il reato è obrobrioso, quindi prima di accusare bisogna averne una matematica certezza...cosa che ovviamente non dubito, in quanto sono certo che la ns. magistratura è certamente attenta, certosina nelle indagini, così come le ns. forze dell'ordine...così come qualsiasi altro comune cittadino. Penso che se fossi accusato di un reato del genere, ingiustamente, avrei nessuna pietà per l'accusatore...e penso che lo vorrei vedere sul lastrico nel giro di qualche ora. Nel caso in cui mi riconoscessi penso che riterrei adeguata non solo la castrazione chimica. Mio parere
paranoic30 Marzo 2012, 16:03 #4
cmq imho con un po di impegno si acchiapperebbero.


cioè hanno preso terroristi talebani , spie , ecc ecc.............


Come detto sopra, le ns. forze dell'ordine e la ns. magistratura sono assolutamente attentissimi ed impareggiabili nel incarcerare deliquenti di ogni specie...ancora di più se lo "vogliono" fare a tutti i costi.

Tuttavia come scivevo sopra, quando decidi di accusare qualcuno devi avere prove inattaccabili, ancora più con questo tipo di reati...perchè, parlando per me ovviamente, se mi accusi di qualcosa mi devi dire, o meglio lo devi dire al mio legale, sempre che me ne forniscano uno...ma se non me ne forniscono uno il procedimento non può essere portato avanti..e dopo qualche tempo mi devi rilasciare e quindi il mio legale intenterà causa allo stato per danni morali, materiali etc..Quindi dicevo mi devi dire 1) quali prove hai 2) come le hai ottenute (se legalmente od illegalmente) 3) in quale circostanza etc..Se non ci sono prove rischi di perdere tempo e fare perdere soldi ai cittadini nonchè di vederti comunque richiedere un bel risarcimento per danni d'immagine. Insomma bisogna stare molto attenti. Sempre imho ovviamente. Ciauu
soulinafishbowl30 Marzo 2012, 16:26 #5
Originariamente inviato da: paranoic
Non riesco a capire come funziona questa tecnologia... [CUT] ...ma come si riesce a capire, tracciando la foto, se questa è di minore o di un panorama o di un cane per es?? Forse dovrei chiedere a qualcuno esperto di fotografia digitale [CUT]


E' scritto nell'articolo: la firma digitale serve a sapere se, date due foto, una e' la copia dell'altra. Per cui, con in mano una foto pedoporno, gli agenti possono ricercare dove altro sia presente online.

Inoltre, avvisare la polizia postale che "sul sito/forum xyz ho visto del materiale che potrebbe essere pedofilo" non espone assolutamente al rischio di diffamazione.
rb120530 Marzo 2012, 16:29 #6
post errato.
RR230 Marzo 2012, 17:04 #7
Originariamente inviato da: paranoic
Non riesco a capire come funziona questa tecnologia...


Mai usato tineye.com o anche lo stesso google? Prova google -> immagini -> fai click sul disegnino della macchina fotografica e puoi cercare un'immagine simile ad un'altra. PhotoDNA credo sia simile ma immagino molto più raffinato e potente.

L'unico dubbio, ma microsoft da in uso il "programma" alle varie forze dell'ordine giusto? E in Italia su cosa lo facciamo girare? Ricordo male o il sistema tutor, per fare un esempio, è acceso poche ore al giorno perchè altrimenti non riesce ad elaborare i dati abbastanza velocemente? E ce ne sarebbero di cose da trovare incrociando dati...
piererentolo30 Marzo 2012, 17:06 #8
Originariamente inviato da: soulinafishbowl
Inoltre, avvisare la polizia postale che "sul sito/forum xyz ho visto del materiale che potrebbe essere pedofilo" non espone assolutamente al rischio di diffamazione.


Io sinceramente se c'è una cosa che non capisco è il pedofilo su internet, anche solo scaricare un'immagine è impensabile per una persona con almeno 1 neurone, il rischio è troppo elevato. Questo perchè se la cosa peggiore a questo mondo è la pedofilia, al secondo posto ci metto l'essere accusato di pedofilia, basta un sospetto e come ai tempi del maccartismo sei già colpevole, con gente pronta a darti fuoco e castrarti chimicamente, per non parlare del trattamento che si riceverebbe in carcere.
Mi vengono i brividi solo a pensarci!
amagriva30 Marzo 2012, 20:06 #9
.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^