Le VPN sono adesso illegali in Cina

Le VPN sono adesso illegali in Cina

Le Autorità nazionali hanno dichiarato che verrà applicato il pugno duro soprattutto nei confronti dei provider di VPN

di pubblicata il , alle 11:11 nel canale Web
 

Le autorità cinesi bloccano l'accesso ai siti web occidentali di grossa portata, come Twitter, Facebook o YouTube fra i tanti, e per aggirare tali restrizioni molti residenti dell'enorme stato asiatico utilizzano le VPN, acronimo di Virtual Private Networks. Si tratta di reti private che utilizzano un protocollo di trasmissione pubblico, come internet, e che sono spesso utilizzate per avere i vantaggi di una rete privata con le reti condivise pubbliche: quindi per navigare in totale anonimato senza offrire informazioni sulla propria provenienza.

La novità è che a partire da questa settimana l'uso non approvato di una VPN può essere inteso come un crimine in Cina. L'uso della VPN verrà considerato illegale per ogni cittadino privato, tuttavia alcune realtà possono richiedere l'approvazione del governo per l'uso di reti virtuali private o connessioni speciali via cavo. Definite un "lavoro di pulizia" della situazione delle connessioni internet locali, le nuove regole saranno valide fino al 31 marzo 2018 e sono state annunciate dalle autorità locali la scorsa domenica. 

La Cina non è mai stata molto indulgente per quanto concerne l'uso delle VPN, che sono già soggette a controlli e interferenze da parte del governo cinese. Lo scorso marzo 2016 erano stati applicati severi provvedimenti in tal senso durante il National People's Congress a Pechino e la situazione sembrerebbe inasprirsi con le nuove regole, definite "volutamente vaghe" dal Washington Post. Non è chiaro come i governi implementeranno le nuove restrizioni e come le faranno rispettare, tuttavia pare che la repressione verrà applicata soprattutto ai provider di VPN.

Saranno le aziende che forniscono i servizi VPN ad essere presi di mira, anche se non sappiamo ancora in che modo e in che misura. Il leader cinese Xi Kinping la scorsa settimana aveva difeso i principi della globalizzazione in un discorso tenuto al World Economic Forum di Davos, in Svizzera, in netto contrasto con le nuove regole sulle VPN cinesi: "Dobbiamo raddoppiare gli sforzi per sviluppare la connettività globale e consentire a tutti i paesi di ottenere la crescita e condividere la prosperità. Praticando il protezionismo è come chiudersi in una stanza buia".

Continuando poi: "Anche se così teniamo fuori il vento e la pioggia, la stanza buia blocca anche la luce e l'aria". La Cina non è l'unica nazione che applica censure sul web: fra le tante troviamo Egitto, Russia, Cuba, Bahrain, Turchia, Vietnam, che spesso bloccano del tutto la connessione ad internet per prevenire la diffusione di notizie in momenti cardine (ad esempio durante le lotte politiche). Il Consiglio per i diritti umani delle Nazioni Unite ha condannato lo scorso luglio questo tipo di blocchi dichiarando la privacy online un aspetto essenziale della libertà d'espressione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

43 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
gd350turbo24 Gennaio 2017, 11:13 #1
Ovviamente...
Il traffico che vi scorre non può essere controllato !
Sandro kensan24 Gennaio 2017, 11:28 #2
Non mi pare che la privacy on line sia rispettata da nessun paese, USA in primis.
Gundam.7524 Gennaio 2017, 11:28 #3
Noi la VPN la facciamo direttamente col nostro firewall aziendale. Dubito potranno fare qualcosa...
paolodekki24 Gennaio 2017, 11:29 #4
Ma dico... sono oltre un miliardo... perché non si ribellano?? Possibile che amino a tal punto il dominio...? Non credo proprio.
Liberatevi fratelli cinesi. Liberatevi.



_________________________________________________________

Ultimo post di Paolo De Chirico prima che scomparisse misteriosamente.
biagicus24 Gennaio 2017, 11:30 #5
Cercano di reprimere la rete. Non vogliono proprio capire che la rete non è censurabile in nessun modo
gd350turbo24 Gennaio 2017, 11:37 #6
Bè mi risulta che pure Google e YouTube, non siano accessibili dalla Cina...
Quindi ovviamente vietano anche le VPN.
Poi se a due miliardi di persone sta bene..
paolodekki24 Gennaio 2017, 11:43 #7
Originariamente inviato da: gd350turbo
Bè mi risulta che pure Google e YouTube, non siano accessibili dalla Cina...
Quindi ovviamente vietano anche le VPN.
Poi se a due miliardi di persone sta bene..


E' quel che mi chiedo io... è un poco come se in Europa ci fossimo tenuti i fascisti invece di combattere fino all'ultimo uomo. Sarà il sangue mediterraneo ma a noi certe cose fanno girare le biglie.
Bestio24 Gennaio 2017, 11:53 #8
Originariamente inviato da: paolodekki
Ma dico... sono oltre un miliardo... perché non si ribellano?? Possibile che amino a tal punto il dominio...? Non credo proprio.
Liberatevi fratelli cinesi. Liberatevi.

_________________________________________________________

Ultimo post di Paolo De Chirico prima che scomparisse misteriosamente.




Purtroppo i forconi possono poco contro i carri armati...
Tienanmen insegna.
A meno che non si ribellino anche quelli che guidano i carri.
Spawn758624 Gennaio 2017, 11:58 #9
Originariamente inviato da: paolodekki
E' quel che mi chiedo io... è un poco come se in Europa ci fossimo tenuti i fascisti invece di combattere fino all'ultimo uomo. Sarà il sangue mediterraneo ma a noi certe cose fanno girare le biglie.


Paragone improprio. In Italia è ancora pieno di fascisti. Inoltre "combattere fino all'ultimo uomo"? Li abbiamo messi noi al potere i fascisti, non cerchiamo di cambiare la storia in "paese liberato". Abbiamo perso e ci siamo rigirati la frittata per essere vincitori.

Quello che è scritto nell'articolo è impreciso a dir poco quanto le informazioni sulla nuova legge. Più che impreciso è spiegato male. Le VPN servono per sembrare in rete locale con il fornitore del servizio, per cui risulti come se ti connettessi dal paese del server dove risiede la VPN. Se il mio fornitore ha un server in Turchia, io mi connetto a quella VPN e risulto turco.Non è che non si capisce da dove mi connetto, è più un "raggiro" che un "nascondersi".

Edit: Sia ben chiaro, ad un certo punto, quando tutto andava a rotoli, si pativa la fame e si era stanchi dell'oppressione ci siamo ribellati. Nulla da togliere ai partigiani, ma non tutti gli italiani erano partigiani.
s-y24 Gennaio 2017, 12:14 #10
a prescindere dai motivi
non chiaro come faranno, nel senso che se un fornitore di vpn (in questo caso direi per definizione) non sta nel territorio cinese, l'unica strada e' bloccare il traffico all'origine verso di lui, come fanno verso i siti gia' blacklistati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^