Google Maps con informazioni per i ciclisti in Europa

Google Maps con informazioni per i ciclisti in Europa

Google Maps integra ora alcune informazioni utili alla pianificazione di un tragitto in bicicletta e offre la navigazione turn-by-turn su dispositivi Android

di pubblicata il , alle 14:31 nel canale Web
AndroidGoogle
 

Google aggiorna il servizio Google Maps in alcuni Paesi europei e mette a disposizione anche indicazioni dedicate a chi utilizza per i propri spostamenti la bicicletta. Questa opzioni si affianca alle modalità auto, mezzi pubblici o pedestre e per il momento coinvolge  GermaniaFranciaPoloniaIrlanda, Lussemburgo e Liechtenstein.

Google Maps è in grado di ottimizzare il percorso per i ciclisti considerando i dati relativi a piste ciclabili, itinerari popolari e arterie stradali meno trafficate. Utilizzando Google Maps da Desktop per cercare un itinerario ciclistico in uno dei Paesi in cui il servizio è disponibile è sufficiente inserire i nominativi delle località di inizio e di partenza e cliccare sull'icona che riproduce una bicicletta.

Il servizio è disponibile anche da dispositivi Android e in questo caso si può usufruire della navigazione assistita: utilizzando gli auricolari si riceveranno le necessarie indicazioni per giungere a destinazione. Sarà ovviamente necessario mantenere attivo il ricevitore GPS del telefono e avere a disposizione una costante connessione dati lungo tutto il percorso.

Come mostra lo screenshot precedente al ciclista viene offerta una visione di massima del percorso con indicazioni relative alla distanza totale e alla stima del tempo necessario a compiere il tragitto. Per la valutazione della durata di percorrenza Google prende in considerazione una serie di variabili tra cui il tipo di terreno, il tipo di strada e il numero di svolte; ipotizziamo che venga presa in considerazione anche la pendenza dei singoli tratti ma questa informazioni non è riportata dal blog ufficiale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

56 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
deggial28 Maggio 2013, 14:48 #1
Potrebbero farlo subito anche per l'Italia, tanto ci mettono mezza giornata a inserire le tre piste ciclabili che abbiamo.
nickmot28 Maggio 2013, 14:50 #2
Originariamente inviato da: deggial
Potrebbero farlo subito anche per l'Italia, tanto ci mettono mezza giornata a inserire le tre piste ciclabili che abbiamo.


Infatti ero convinto che fosse compresa di già...
Basta mettere paesi coperti "Italia" nelel caratteristiche e non inserire alcun dato.
Bivvoz28 Maggio 2013, 15:42 #3
In Italia fare le piste ciclabili non serve a nulla.
Tutti i giorni per andare a lavorare faccio una strada con accanto la pista ciclabile e mi tocca fare lo slalom tra le teste di cazzo in bici che stanno in mezzo alla strada perché sono troppo fighetti e professionali con il loro caschetto e le scarpette con i i ganci per stare nella pista ciclabile.

Altre volte invece vado in bici e mi sento scemo ad essere l'unico nella pista ciclabile.

Il sabato e la domenica invece è peggio ancora, stormi di asini in fila per 5 in mezzo alle strade extraurbane, automobilisti incazzati che gli bestemmiano dietro e quelli se ne sbattono.

La versione italia dovrebbe comprendere il messaggio "stai nella pista ciclabile coglione!"
deggial28 Maggio 2013, 15:47 #4
Originariamente inviato da: Bivvoz
In Italia fare le piste ciclabili non serve a nulla.
Tutti i giorni per andare a lavorare faccio una strada con accanto la pista ciclabile e mi tocca fare lo slalom tra le teste di cazzo in bici che stanno in mezzo alla strada perché sono troppo fighetti e professionali con il loro caschetto e le scarpette con i i ganci per stare nella pista ciclabile.

Altre volte invece vado in bici e mi sento scemo ad essere l'unico nella pista ciclabile.

Il sabato e la domenica invece è peggio ancora, stormi di asini in fila per 5 in mezzo alle strade extraurbane, automobilisti incazzati che gli bestemmiano dietro e quelli se ne sbattono.

La versione italia dovrebbe comprendere il messaggio "stai nella pista ciclabile coglione!"


da quel punto di vista non hai tutti i torti
Oppure un bell'incentivo a usare la pista ciclabile: nel caso di strade con accanto la pista ciclabile, mettere un bel divieto di transito per le bici nella corsia principale (poi servono le multe, altrimenti non serve a nulla).

I ciclisti sono i peggior pirati della strada, seguiti da vicino da quelli in scooter (parlo da utilizzatore di scooter e ex utilizzatore di bici )
Bivvoz28 Maggio 2013, 15:50 #5
Originariamente inviato da: deggial
da quel punto di vista non hai tutti i torti
Oppure un bell'incentivo a usare la pista ciclabile: nel caso di strade con accanto la pista ciclabile, mettere un bel divieto di transito per le bici nella corsia principale (poi servono le multe, altrimenti non serve a nulla).

I ciclisti sono i peggior pirati della strada, seguiti da vicino da quelli in scooter (parlo da utilizzatore di scooter e ex utilizzatore di bici )


Guarda che questo:
Link ad immagine (click per visualizzarla)
è un cartello di prescrizione, quindi quando c'è questo cartello non vuole dire "guarda che c'è la pista ciclabile e se vuoi puoi usarla" vuole invece dire "obbligo di usare la pista ciclabile"

Il problema come il solito in Italia è che tutti se ne fottono altamente, sia i ciclisti sia chi dovrebbe far rispettare la legge.

P.S: e mi sono dimenticato di parlare dei semafori... perché si sa: per i ciclisti il rosso non conta.
jerry7428 Maggio 2013, 16:05 #6
Dimenticate un piccolo, insignificante particolare: le piste ciclabili sono spesso occupate dalle auto in sosta

P.S.: state fermi per un po' vicino ad un semaforo e guardate quante macchine passano con il rosso e soprattutto cosa stanno facendo in quel momento i guidatori, poi ne riparliamo.
nickmot28 Maggio 2013, 16:08 #7
Originariamente inviato da: Bivvoz
Guarda che questo:
Link ad immagine (click per visualizzarla)
è un cartello di prescrizione, quindi quando c'è questo cartello non vuole dire "guarda che c'è la pista ciclabile e se vuoi puoi usarla" vuole invece dire "obbligo di usare la pista ciclabile"

Il problema come il solito in Italia è che tutti se ne fottono altamente, sia i ciclisti sia chi dovrebbe far rispettare la legge.

P.S: e mi sono dimenticato di parlare dei semafori... perché si sa: per i ciclisti il rosso non conta.


Per non parlare di quelli che girano contromano!
Situazione tipo: classica griglia di strade a 90°, auto parcheggiate lungo la strada (strisce blu, tutto in regola), svolti a SX di 90° in un astrda a senzo unico e ti ritrovi la bicicletta davanti contromano, puntualmente non vista perché hai un angolo cieco.
Bivvoz28 Maggio 2013, 16:15 #8
Originariamente inviato da: jerry74
Dimenticate un piccolo, insignificante particolare: le piste ciclabili sono spesso occupate dalle auto in sosta

P.S.: state fermi per un po' vicino ad un semaforo e guardate quante macchine passano con il rosso e soprattutto cosa stanno facendo in quel momento i guidatori, poi ne riparliamo.


Si a volte capita, ma ti garantisco che nella strada che percorro tutti i giorni non c'è mai una singola auto parcheggiata (mica perchè sono tutti bravi li, semplicemente perchè non c'è un cavolo e non c'è nessuno che deve parcheggiare) eppure i somari a pedali sono sempre in mezzo alla strada a rischiare di farsi stirare dai camion.
E poverini poi, tirati sotto dei pirati della strada


Ma il più imbecille di tutti lo becco tutti i giorni.
Puntualmente questo si fa 6 chilometri in mezzo alle palle (poi io giro, magari ne fa altri 10 lui) quando c'è la pista ciclabile e me lo becco tutti e 6 i chilometri perché continuo a sorpassarlo e mi risorpassa ai semafori perché passa con il rosso.
Ma la cosa più imbecille di tutte la fa ad un grosso semaforo molto trafficato dove non può passare con il rosso o lo stirano.
Questo si mette davanti alle 3 colonne di auto (è un semaforo grosso e ha le tre corsie) ferme per il rosso e si mette a girare in tondo per non sganciare le scarpette dai pedali!
Spero che un giorno qualcuno lo stiri al verde!
jerry7428 Maggio 2013, 16:21 #9
basta segnalare ai vigili tali comportamenti che manderanno una pattuglia per verificare il corretto utilizzo delle corsie di marcia.
Ovviamente questo vale se parliamo di ciclabili praticabili perchè in alcune parti d'italia ci sono ciclabili definibili tali solo sulla carta perchè piene di immondizia, buche, sassi, vetri, pali della luce!, etc.
jerry7428 Maggio 2013, 16:25 #10
Originariamente inviato da: Bivvoz
Ma il più imbecille di tutti lo becco tutti i giorni.
Puntualmente questo si fa 6 chilometri in mezzo alle palle (poi io giro, magari ne fa altri 10 lui) quando c'è la pista ciclabile e me lo becco tutti e 6 i chilometri perché continuo a sorpassarlo e mi risorpassa ai semafori perché passa con il rosso.
Ma la cosa più imbecille di tutte la fa ad un grosso semaforo molto trafficato dove non può passare con il rosso o lo stirano.
Questo si mette davanti alle 3 colonne di auto (è un semaforo grosso e ha le tre corsie) ferme per il rosso e si mette a girare in tondo per non sganciare le scarpette dai pedali!
Spero che un giorno qualcuno lo stiri al verde!


Purtroppo quella è una categoria particolare di ciclisti, pericolosi anche in ciclabile perchè sempre pronti a strappare il record dell'ora infischiandosene se ci sono di mezzo pedoni, bambini, altri ciclisti.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^