Facebook, in arrivo i nuovi (non) mi piace: ecco quali saranno le 5 Reazioni

Facebook, in arrivo i nuovi (non) mi piace: ecco quali saranno le 5 Reazioni

Le nuove Reaction arriveranno a breve. È questione di settimane secondo il Bloomberg che ha intervistato un portavoce della compagnia

di pubblicata il , alle 17:09 nel canale Web
Facebook
 

Lo scorso settembre Zuckerberg annunciava l'arrivo del tasto "Non mi piace". Ma non sarà un modo per esternare un sentimento di "hating", di odio, nei confronti del contenuto, ma diversamente un'emozione diversa da quella tipica di allegria a cui si può facilmente associare il pollice in su. Insomma, se adesso può sembrare fuori luogo mettere Mi piace ad un terremoto o ad un attentato, le nuove 5 Reazioni (Reaction) saranno in grado di trasmettere la giusta empatia.

Facebook, nuove Reaction

"Non vogliamo portare altra negatività nel mondo", dichiarava a settembre Zuckerberg durante una sessione di domande e risposte presso le sedi ufficiali di Facebook: "Credo che la gente stia richiedendo il tasto Non mi piace ormai da troppi anni". Al nuovo piace si aggiungeranno le cosiddette Reazioni, condensate in cinque emozioni diverse conosciute come: Love, Haha, Wow, Sad e Angry. Queste si aggiungeranno al tradizionale Mi piace presente oggi.

Dopo un periodo di testing iniziale iniziato lo scorso anno, Facebook ha intenzione di rilasciare la funzionalità, almeno negli Stati Uniti, a breve. Arriveranno "presto, nelle prossime settimane", ha dichiarato un portavoce della compagnia a Bloomberg Businessweek. Su mobile le Reazioni verranno nascoste sotto il tasto Mi piace tradizionale: servirà infatti una pressione prolungata su di esso per poterne scegliere una specifica fra le cinque sopra menzionate.

In origine Facebook aveva aggiunto una sesta opzione, definita Yay, che tuttavia non è stata ben compresa dai primi tester. Le novità sono attese per le prossime settimane negli USA e in Regno Unito. Non abbiamo comunicazioni ufficiali in merito, tuttavia è probabile che le nuove Reazioni non tarderanno ad arrivare nemmeno nei restanti mercati internazionali, con gli utenti che potranno finalmente mostrare empatia nei confronti di quegli articoli dove un normale Mi piace potrebbe non bastare.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

9 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7728 Gennaio 2016, 18:04 #1
Manca "ma che idiozia"
credo sia la più utile.
io7828 Gennaio 2016, 19:32 #2
Sono un po' come le icone presenti sugli articoli del Corriere dove esprimi il sentimento rispetto all'argomento trattato nell'articolo.

Certo così potranno fare indagini statistiche un po' più precise invece di cercare la semplice Smile all'interno dei commenti

Curioso se alla fine hanno implementato la funzionalità per far comparire le nuove emoticon solo su determinate categorie di Post
DarkNiko28 Gennaio 2016, 19:58 #3
Chissà quand'è che la gente inizierà a pensare a cose più serie e intelligenti....
thunder_bolt9628 Gennaio 2016, 20:27 #4
Mi immagino già la home di Facebook invasa dalle emoticon..
HIVE mind29 Gennaio 2016, 09:57 #5
una ne serviva... sono riusciti a metterne 5 che non mi permettono di esprimere il mio disappunto verso l'idiozia di certi post.


Link ad immagine (click per visualizzarla)
matteop329 Gennaio 2016, 10:15 #6
Dio, che imbarazzo.

Ma poi che cacchio sarebbe Yay?
VVale29 Gennaio 2016, 11:54 #7
Al di là di tutto, cerchiamo di vedere le cose da una prospettiva più ampia.

I social network ci hanno portati al punto per cui un'azienda privata può decidere quali sentimenti possono esprimere le persone nelle loro interazioni sociali. Perché su Facebook, per quanto sia uno spazio virtuale, le interazioni sono reali. Solo che avvengono in uno spazio privato, appunto, in cui l'azienda decide cosa puoi esprimere e cosa no.

Follia.

Detto questo, per me fanno benissimo a non mettere il tasto mi piace e a non includere l'odio nelle emozioni che si possono esprimere. Diventerebbero armi nelle mani degli hater e si vedrebbero orde di persone assetate di sangue scagliarsi contro il bersaglio di turno (la compagna di classe con qualche chilo in più o la ministra con la pelle nera).

Ma la follia di tutto questo rimane.
biffuz29 Gennaio 2016, 13:13 #8
Immaginiamo una scenario classico: la bufala razzista. Cosa dovrei fare, secondo Mark?
VVale02 Febbraio 2016, 10:14 #9
Originariamente inviato da: biffuz
Immaginiamo una scenario classico: la bufala razzista. Cosa dovrei fare, secondo Mark?


Segnalarla?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^