DJI aggiorna il firmware di Mavic Mini: si possono sbloccare le GEO Zones

DJI aggiorna il firmware di Mavic Mini: si possono sbloccare le GEO Zones

DJI aggiorna il firmware del piccolo drone: oltre a nuove funzionalità di sicurezza è stata inserita la possibilità di sbloccare l'accesso a zone ristrette

di pubblicata il , alle 09:01 nel canale Web
DJI
 

L'annuncio del piccolo drone Mavic Mini da parte di DJI, che grazie al peso contenuto permette nella maggior parte dei casi di aggirare gli impicci burocratici e normativi, è stato accolto con entusiasmo dal pubblico, anche se una piccola parte di esso ha espresso disappunto per la mancanza di alcune funzionalità importanti.

Una, in particolare: l'impossibilità di sbloccare l'accesso alle GEO Zones. Si tratta, per chi non fosse a conoscenza dell'argomento, di zone sensibili o vietate al volo di droni che sono automaticamente salvate nel sistema di navigazione dei droni DJI. L'accesso a queste zone è di norma interdetto, ma possono essere sbloccate solamente in particolari situazioni (ad esempio se si è in possesso delle effettive autorizzazioni ad operare in quell'area).

L'ultimo aggiornamento per la DJI Fly app di iOS e Android, rilasciato nei giorni scorsi, permette ora di sbloccare le GEO Zones. Quando si tratta di GEO Zones, sbloccare un'area a basso rischio richiede pochi passaggi. Le zone ad alto rischio richiedono invece un'approvazione e una dimostrazione di credenziali, ma non è possibile comunque accedervi tramite la Fly App. Di base non è consigliabile sbloccare una zona ad alto rischio, specialmente in prossimità di aree sensibili come gli aeroporti, a meno che si sappia cosa si stia facendo.

DJI ha inoltre aggiunto una funzionalità che evita il decollo quando il segnale GPS è debole e la luce ambiente non è sufficiente per poter pilotare il drone in sicurezza. Un'altra novità inserita con l'aggiornamento firmware è la necessità di calibrare la bussola prima del decollo se la luce ambientale è bassa o se la bussola è soggetta ad interferenze magnetiche, una eventualità che rappresenta la prima causa di "dirottamenti" accidentali. Del resto bisogna considerare che Mavic Mini è un drone che, proprio per le sue caratteristiche, si rivolge ad un pubblico entry level o comunque con poca esperienza per quanto riguarda il pilotaggio di droni e che quindi è più facilmente esposto alla possibilità di perdere il proprio piccolo compagno volante.

Tra le altre novità vi è la regolazione dell'altitudine di volo e della distanza in modalità payload, l'aggiunta di un segnale di avvertimento per i cicli di batteria e la riduzione del rumore durante le operazioni di auto-diagnostica dopo l'accensione. DJI osserva inoltre che l'aggiornamento potrebbe andare a reimpostare le opzioni personalizzate dei controller, come ad esempio l'altitudine RTH e la massima distanza di volo, alle condizioni di fabbrica. Come precauzione prima dell'aggiornamento si consiglia di annotare le impostazioni personalizzate e di verificarle dopo l'aggiornamento.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
joe4th05 Gennaio 2020, 15:03 #1

Active track?

Sapete se il nuovo aggiornamento firmware aggiunge il supporto per l'Active Track?
Pkdrone05 Gennaio 2020, 21:23 #2
Niente, la cpu non ce la fa a gestirlo correttamente.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^