Chiusa una clickfarm con 400 iPhone e 300 mila schede SIM in Thailandia

Chiusa una clickfarm con 400 iPhone e 300 mila schede SIM in Thailandia

Le autorità thailandesi hanno chiuso una clickfarm che operava per conto di un'azienda cinese al fine di creare Mi piace, seguaci e traffico online

di Nino Grasso pubblicata il , alle 08:01 nel canale Web
 

Diverse compagnie pagano società di terze parti perché utilizzino le proprie botnet per rilasciare mi piace, valutazioni, scrivere commenti di spam. L'obiettivo? Spingere in maniera artificiosa il traffico web in modo da guadagnare visibilità, popolarità nel mondo online, soldi. Di recente le autorità thailandesi hanno effettuato un raid infliggendo un duro colpo all'industria delle cosiddette clickfarm, vere e proprie "fabbriche di click" alla base di queste operazioni fraudolente.

Secondo quanto riportato dal Bangkok Post, le forze dell'ordine thailandesi sono entrate in questi giorni in una casa in affitto vicino al confine con la Cambogia, scoprendo una clickfarm illecita di un gruppo composto da 3 uomini cinesi: Wang Dong, Niu Bang e Ni Wenjin. Gli strumenti utilizzati: centinaia di iPhone, fra 5S, 5C e 4S, collegati a monitor per PC. Nello specifico nella clickfarm erano presenti 474 iPhone e 347.200 schede SIM non utilizzate di diversi operatori.

Fra la strumentazione non mancavano 10 computer portatili e diversi prodotti elettronici che sono stati sequestrati dalle autorità. Inizialmente si credeva che la casa fosse impiegata come sede di call center fraudolenti, tuttavia i sospetti hanno ammesso di operare con un'ampia rete di account bot su WeChat, il corrispettivo di WhatsApp in Cina in termini di popolarità, nonché uno dei social network più celebri ed utilizzati nel paese asiatico. 

A finanziare le attività era una compagnia cinese rimasta anonima, che offriva circa 5 mila dollari al mese per consentire ai tre di aumentare l'engagement su WeChat su prodotti venduti online in Cina. Le operazioni venivano svolte in Thailandia per via del costo inferiore sull'uso dei vari dispositivi. Il problema dei bot su WeChat non è certamente nuovo, e nasce per via dell'enorme base d'utenza dell'app in Cina, pari ad oltre 700 milioni di utenti attivi ogni mese.

I chatbot sono utilizzati legittimamente dai vari brand per interagire con i clienti, e al loro fianco troviamo chatbot illegittimi che creano spam nei gruppi, gonfiando i mi piace e i seguaci dei vari brand. Diverse le accuse per i tre uomini, fra cui lavoro senza permesso, uso di schede SIM non registrate, contrabbando. Le condanne in questi casi potrebbero prevedere un massimo di cinque anni di prigione in combinazione a multe di un massimo di 3 mila dollari americani.

La polizia sta attualmente indagando sulle modalità utilizzate dai tre per introdurre un numero così elevato di smartphone nel paese e per ottenere le centinaia di migliaia di schede SIM illegittime. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
frankie14 Giugno 2017, 10:45 #1
centinaia di iPhone, fra 5S, 5C e 4S, collegati a monitor per PC

Non sapevo fosse possibile
aleardo14 Giugno 2017, 10:53 #2
Non capisco perché utilizzassero degli iPhone invece che dei cellulari meno costosi, che dovrebbero andar bene comunque per questo tipo di attività.
pingalep14 Giugno 2017, 11:13 #3
forse perchè gli iphone li puoi comprare e rivendere facilmente sotto un certo rpezzo senza ulteriori deprezzamenti?
domanda non retorica
Sunburp14 Giugno 2017, 13:22 #4
Secondo me non facevano solo quello, probabilmente facevano anche qualche frode nel mondo dell'advertising online, in cui i click e le installazioni su ios pagano meglio rispetto ai corrispettivi android.
francesko9414 Giugno 2017, 15:48 #5
Originariamente inviato da: frankie
Non sapevo fosse possibile


è possibile da sempre con qualsiasi iPhone :P. il supporto al adattatore composito è nato prima del iPhone con l'iPod video del 2005. il supporto all'adattatore digitale (HDMI) dal 2010 con iPhone 4.
vidal198615 Giugno 2017, 11:12 #6
Credo utilizzassero iPhone semplicemente perché operavano sull'app store di Apple.
Mindphasr16 Giugno 2017, 15:23 #7
Originariamente inviato da: frankie
Non sapevo fosse possibile


https://www.youtube.com/watch?v=agQzm4Vc3qY


Fin da iPhone 4 e iPad 1
infoland17 Giugno 2017, 12:41 #8

Possibile

Niente di nuovo.

Ci sono luoghi dove si affittano botnet di tutti i tipi e per svariati utilizzi.

5000$ Sono tanti solo per il solo "servizio" offerto, secondo me facevano anche altro. E non solo da un unico cliente.

I costi variano dai 20$ ai 150$ al giorno, dipende da cosa deve fare.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^