Blackout Wind del 13 giugno: il rimborso ci sarà, ma non per tutti

Blackout Wind del 13 giugno: il rimborso ci sarà, ma non per tutti

Lo scorso 13 giugno Wind e Infostrada riportavano un grosso disservizio diffuso a macchina di Leopardo in tutta Italia. Sull'argomento hanno contrattato le società coinvolte insieme alle organizzazioni dei consumatori, pattuendo un rimborso per gli utenti colpiti. Il rimborso, tuttavia, sarà solo per chi ha effettuato un reclamo formale

di pubblicata il , alle 15:31 nel canale Wearables
WIND
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

24 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
demon7717 Luglio 2014, 17:18 #11
Originariamente inviato da: Marcodj85
Non è proprio come la racconti...non era solo internet non funzionante, e ci sono aziende e persone che hanno arrecato dei danni da quella "mezza giornata". se tu usi lo smartphone o il cellulare solo per chiamate semplici e di poca importanza non è detto che sia l'uso standard di tutti. pensa a un medico reperibile con un numero wind sia a casa che sul cell, senza linea con la reperibilità è un grandissimo problema (si rischia il penale).


Come ti è stato già detto da altri:
se il telefono è una questione VITALE professionalmente ti affidi almeno a due servizi differenti e indipendenti.
E comunque vada avere due euro di risarcimento è tutto tranne che rilevante no?

Mi chiedo a sto punto cosa dovrebbe succedere quando va via la corrente per quattro o cinque ore in ampie zone.
Pier220417 Luglio 2014, 17:33 #12
L'organizzazione dei consumatori farebbe meglio ad andare a bussare la porta al parlamento Italiano per i debiti che ha la pubblica amministrazione nei confronti di aziende private, cosa per cui esiste una mora dal consiglio europeo per inadempienze, mora che verrà pagata con i soldi dei contribuenti tra l'altro, se è capace.

Dovrebbe pure andare a vedere sprechi e ruberie sempre della pubblica amministrazione a danno dei contribuenti, (quindi anche consumatori) che tolgono sistematicamente potere d'acquisto agli stessi sotto forma di imposizioni fiscali e che oggi non consumano più.... te credo.

Mezza giornata di interruzione Wind, per quanto seccante, non è nulla in confronto ai fatti di cui sopra.
Sste17 Luglio 2014, 20:54 #13
In pratica non saranno contenti fino al fallimento di Wind .
Fossi in loro chiederei un rimborso pari a tutto il fatturato annuo della compagnia, per almeno 3 anni .
Siam proprio in Italia... ingordi!
KuWa17 Luglio 2014, 21:10 #14
cmq alla fine ho saputo che diavolo e' successo veramente... un pirla ha redistribuito bgp in ospf e ha buttato giu la rete in un men che non si dica... 500.000 rotte in protocollo come ospf sono troppe
v1doc17 Luglio 2014, 21:14 #15
Logica perfetta:
l’Italia è andata a “donnine”, quindi Wind può anche non fornirti il servizio per cui hai pagato.
Come se non bastasse il ridicolo rimborso verrà elargito solo a chi ha perso tempo con FAX e associazioni di consumatori per richiederlo.
maxmax8017 Luglio 2014, 22:39 #16
Originariamente inviato da: andbad
Se per la tua azienda Internet e Telefono sono vitali, pena l'impossibilità di svolgere il tuo lavoro, allora ti devi dotare COME MINIMO di due connessioni internet, per lo meno di aziende differenti e (magari) tecnologie differenti.
Se non lo fai, non ti puoi lamentare per essere rimasto fermo mezza giornata (o anche una o due intere...).
Una delle connessioni più costose, l'SHDSL, ha tempi di intervento standard di 8 ore lavorative, 4 ore con costi aggiuntivi. E parliamo di una connessione di 150-200€ per 2Mbit simmetrici.

Quindi, prima di lamentarsi per un disservizio rientrato in meno di mezza giornata, per una connessione da magari 30€ al mese, pensateci su.


straquoto.
a sto giro la wind è stato il capro espiatorio di turno..
Aenil18 Luglio 2014, 08:03 #17
insomma mi ricordo quel pomeriggio, ho perso qualche chiamata e non riuscivo a contattare due clienti wind.. però son cose che possono succedere dai.. pensate a operatori come noverca dove è la prassi avere disservizi di questo tipo in alcune zone.
Lateo18 Luglio 2014, 08:30 #18
Originariamente inviato da: Redazione di Hardware Upgrade
un grosso disservizio diffuso a macchina di Leopardo in tutta Italia


Scusate il palese off topic, ma questa è veramente troppo spassosa. Non potevo non evidenziarla, visto che sembra essere sfuggita a tutti.
Cloud7618 Luglio 2014, 08:55 #19
Originariamente inviato da: Nino Grasso
Esatto, bisognava sottoscriversi alla petizione (o inviare il reclamo formale a Wind) prima dell'ufficializzazione del rimborso. Adesso è troppo tardi. Ti rimando al comunicato di Altroconsumo.


E perché non avete riportato la notizia PRIMA che scadesse la petizione, così da informare gli utenti e dare la possibilità di iscriversi?????
andbad18 Luglio 2014, 09:31 #20
Originariamente inviato da: KuWa
cmq alla fine ho saputo che diavolo e' successo veramente... un pirla ha redistribuito bgp in ospf e ha buttato giu la rete in un men che non si dica... 500.000 rotte in protocollo come ospf sono troppe


Questa frase è, per me, peggio di una supercazzola alla Vendola
Me la farò spiegare da un mio sistemista, sono curioso

By(t)e

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^