WhatsApp sotto accusa, le chat non sono così segrete come dice Facebook

WhatsApp sotto accusa, le chat non sono così segrete come dice Facebook

Secondo Facebook l'accusa è infondata, dal momento che le modalità con cui riceve gli estratti delle conversazioni consentono all'azienda di rendere più sicuro il servizio di messaggistica

di pubblicata il , alle 15:41 nel canale Telefonia
WhatsApp
 

Le conversazioni su WhatsApp sono protette da crittografia end-to-end, così come la maggior parte degli elementi condivisi. Tuttavia, secondo un nuovo lungo articolo redatto da ProPublica, non tutti i messaggi scambiati sul client, oggi di proprietà di Facebook, sono al sicuro da occhi indiscreti. Facebook o consulenti di terze parti ingaggiati dall'azienda, infatti, possono leggere alcuni estratti delle conversazioni che avvengono nella piattaforma.

La pesante accusa viene mossa dalla fonte per mezzo di un lungo articolo in cui si legge come Facebook sponsorizzi da anni l'uso della crittografia end-to-end su WhatsApp come strumento fondamentale per mantenere al sicuro qualsiasi scambio di dati che avviene sul servizio. Nonostante ciò, l'azienda può ottenere accesso ad alcune parti della conversazione, e ProPublica può affermare ciò sulla base delle osservazioni compiute su circa mille consulenti a contratto dell'azienda che hanno esaminato milioni di dati.

WhatsApp, l'accusa: contrattisti pagati per leggere parti di conversazioni

Questi contrattisti hanno accesso a un software dedicato di Facebook che serve proprio a monitorare messaggi privati su WhatsApp, immagini e video, che sono stati segnalati da altri utenti: "Questi contrattisti hanno il computo di analizzare tutto ciò che viene visualizzato sul loro schermo - affermazioni su qualsiasi cosa come frodi, spam o materiale pedopornografico, o anche potenziali complotti terroristici - in meno di un minuto", si legge in un estratto del rapporto.

E' da precisare che i contrattisti non hanno la possibilità di leggere le conversazioni degli utenti per intero, ma solo le ultime cinque righe di una conversazione one-to-one che è stata segnalata da uno dei due partecipanti. Questo modus operandi è indicato anche sullo stesso client quando si cerca di segnalare una conversazione come inappropriata. I lavoratori contrattualizzati da Facebook per monitorare le conversazioni WhatsApp operano ad Austin, Dublino, in Singapore e in Texas, e svolgono l'attività di monitoraggio come unica mansione per il colosso di Menlo Park.

Se da una parte quindi è vero che consulenti pagati da Facebook possono accedere a parti delle conversazioni, dall'altra è anche vero che si tratta di chat sensibili segnalate come inopportune e potenzialmente pericolose dagli utenti. Questo potrebbe cozzare con la narrativa "pro-privacy" diffusa da Facebook relativamente al fatto che l'azienda non può in alcun modo accedere ai contenuti delle chat per via della crittografia end-to-end, ma in questo caso lo scopo è di rendere sicure le conversazioni per tutti gli utenti.

Carl Woog, direttore delle comunicazioni per WhatsApp, ha ammesso che i diversi contrattisti hanno anche la possibilità di identificare e rimuovere i "peggiori" abusatori. Lo stesso monitoraggio viene fatto, inoltre, anche su Facebook e Instagram, dal momento che l'Intelligenza Artificiale da sola non può essere efficace al 100% per proteggere gli utenti più indifesi da contenuti inappropriati, pericolosi o anche solo fastidiosi.

La risposta di Facebook

Facebook ha prontamente risposto alle accuse mosse da ProPublica, e riportiamo di seguito un estratto della nota diffusa:

"Abbiamo sviluppato WhatsApp in modo da limitare i dati che raccogliamo per ottenere strumenti di prevenzione dello spam e delle minacce, potendo così rimuovere gli utenti che compiono abusi, anche in base alle segnalazioni che riceviamo da parte degli utenti. Questo lavoro richiede uno sforzo straordinario da parte dei nostri esperti di sicurezza e dei team affidabili di cui ci serviamo, che lavorano instancabilmente per aiutarci a fornire al mondo una comunicazione privata sicura".

L'azienda ha inoltre precisato che "sulla base del feedback ricevuto dagli utenti siamo certi che le persone capiscano che quando ci viene segnalata una conversazione riceviamo un estratto della stessa per poterla analizzare".

25 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
egounix08 Settembre 2021, 15:51 #1
ma non è rilevante...

a tutte, proprio tutte le persone a cui ho detto che passavo ad altre chat oppure preferibilmente di contattarmi sul mio server #irc - con la conseguente domanda "cosa è irc?", ma era giusto per sfottere... -, mi han detto "ma io non ho nulla da nascondere"...

ma io sì...

non è rilevante, non frega nulla a nessuno della propria privacy, non hanno nulla da nascondere, e penso sinceramente che tutte le chat di tutta italia dovrebbero essere rese pubbliche

una speciale "green chat", per rendere pubbliche le chat anche le piu' sconce #sìgreenchat
demon7708 Settembre 2021, 16:29 #2
Originariamente inviato da: egounix
ma non è rilevante...

a tutte, proprio tutte le persone a cui ho detto che passavo ad altre chat oppure preferibilmente di contattarmi sul mio server #irc - con la conseguente domanda "cosa è irc?", ma era giusto per sfottere... -, mi han detto "ma io non ho nulla da nascondere"...

ma io sì...

non è rilevante, non frega nulla a nessuno della propria privacy, non hanno nulla da nascondere, e penso sinceramente che tutte le chat di tutta italia dovrebbero essere rese pubbliche

una speciale "green chat", per rendere pubbliche le chat anche le piu' sconce #sìgreenchat


E' sempre il solito discorso. Da una parte la famigerata privacy e dall'altra la sicurezza.
Come in tutte le cose non c'è il bianco e non c'è il nero.

Benvenga la criptatura delle chat per avere una buona sicurezza che nessuno venga a sbirciare i fatti miei, indipendentemente che abbia "da nascondere" o no.
TUTTAVIA
Credo sia più che giusto che esista una backdoor a cui il gestore può eventualmente accedere magari su richiesta di una autorità giudiziaria.
La Paura08 Settembre 2021, 16:40 #3
Originariamente inviato da: demon77
E' sempre il solito discorso. Da una parte la famigerata privacy e dall'altra la sicurezza.
Come in tutte le cose non c'è il bianco e non c'è il nero.

Benvenga la criptatura delle chat per avere una buona sicurezza che nessuno venga a sbirciare i fatti miei, indipendentemente che abbia "da nascondere" o no.
TUTTAVIA
Credo sia più che giusto che esista una backdoor a cui il gestore può eventualmente accedere magari su richiesta di una autorità giudiziaria.


Io non capisco per quale motivo la gente continua ad usare WhatsApp!
Al di là dell'aspetto privacy che lascia il tempo che trova, Telegram ad esempio fa le stesse cose di WhatsApp meglio, fa molte cose in più, è sufficientemente diffuso e gli archivi media e chat sono in cloud.

Veramente io non capisco, vi prego spiegatemi perché la gente non va dove è meglio per fare una cosa. E' come dire che sotto casa hai un bar che fà il caffè buonissimo, non usi un bicchierino di carta o paletta ma comunque preferisci andare al distributore automatico a 5 metri prima!
demon7708 Settembre 2021, 16:50 #4
Originariamente inviato da: La Paura
Io non capisco per quale motivo la gente continua ad usare WhatsApp!
Al di là dell'aspetto privacy che lascia il tempo che trova, Telegram ad esempio fa le stesse cose di WhatsApp meglio, fa molte cose in più, è sufficientemente diffuso e gli archivi media e chat sono in cloud.

Veramente io non capisco, vi prego spiegatemi perché la gente non va dove è meglio per fare una cosa. E' come dire che sotto casa hai un bar che fà il caffè buonissimo, non usi un bicchierino di carta o paletta ma comunque preferisci andare al distributore automatico a 5 metri prima!


Perchè la gente non usa Google+ al posto di Facebook?
E guardando al passato: perchè la gente sua le pessime VHS al posto del migliore betamax?

Qui quanto è bella e completa l'applicazione in sè conta praticamente zero.. anzi 9 utenti su dieci non hanno neanche idea delle opzioni avanzate, sono solo utonti che mandano messaggi. STOP.

Qui quello che conta è quanta gente usa WA.
Più gente usa WA più la gente intalla WA.
Perchè? semplice: a te interessa messaggiare coi tuoi contatti, se tutti o la maggior parte hanno WA allora installi WA.
Tedturb008 Settembre 2021, 17:15 #5
Originariamente inviato da: La Paura
Io non capisco per quale motivo la gente continua ad usare WhatsApp!
Al di là dell'aspetto privacy che lascia il tempo che trova, Telegram ad esempio fa le stesse cose di WhatsApp meglio, fa molte cose in più, è sufficientemente diffuso e gli archivi media e chat sono in cloud.

Veramente io non capisco, vi prego spiegatemi perché la gente non va dove è meglio per fare una cosa. E' come dire che sotto casa hai un bar che fà il caffè buonissimo, non usi un bicchierino di carta o paletta ma comunque preferisci andare al distributore automatico a 5 metri prima!


Perche' e' la gggente.
Come vedi qui la gggente pensa che sia bene che le proprie chat possano viaggiare con dietro una backdoor.
Ovviamente la stessa gggente non tiene minimamente conto di problemi quali https://en.wikipedia.org/wiki/STM_K...ational_history
E se poi la giustificazione e' che la backdoor e' solo per "i buoni", ecco che basta uno un po piu matto di Trump per ridefinire la categoria.

Credo che tutto questo sia la dimostrazione di come la razza umana meriti l'estinzione.
Un branco di scimmie che segue la moda, che si diverte a guardare i suoi simili dare calci ad un pallone, che si ammazza e si abusa da millenni, che cerca di opprimere, in un modo o nell'altro, il prossimo.
E il voler infilare il naso nelle chat altrui e' esattamente questo.
!fazz08 Settembre 2021, 17:24 #6
siete sicuri che avete compreso l'articolo?
l'articolo non parla di eventuali backdoor nella cifratura end to end ma dice semplicmente che se un utente segnala una chat tre puntini-->altro-->segnala

una copia della chat viene inviata al sistema di supporto che la analizza sia utilizzando sistemi di nlp che utilizzando personale dedicato


e mi pare logico che se chiedi assistenza per la chat qualcuno possa leggere il contenuto sei tu stesso che lo stai condividendo
Nui_Mg08 Settembre 2021, 17:27 #7
D'altronde il chatcontrol è già stato approvato lo scorso 6 luglio per tutti i cittadini della EU (nonostante un sondaggio tra gli europei, commissionato proprio da Bruxelles, avesse dato responso del 70% contro tale provvedimento)
andbad08 Settembre 2021, 17:36 #8
Originariamente inviato da: demon77
TUTTAVIA
Credo sia più che giusto che esista una backdoor a cui il gestore può eventualmente accedere magari su richiesta di una autorità giudiziaria.


E invece no. Perché magari domani un politico diversamente libertario decide che l'omosessualità è un reato e chiede a Facebook di usare la backdoor per stanarli tutti.

Originariamente inviato da: !fazz
siete sicuri che avete compreso l'articolo?
l'articolo non parla di eventuali backdoor nella cifratura end to end ma dice semplicmente che se un utente segnala una chat tre puntini-->altro-->segnala

una copia della chat viene inviata al sistema di supporto che la analizza sia utilizzando sistemi di nlp che utilizzando personale dedicato


e mi pare logico che se chiedi assistenza per la chat qualcuno possa leggere il contenuto sei tu stesso che lo stai condividendo


Infatti, mi sembra una polemica sterile: se c'è una funzionalità per segnalare un messaggio, è ovvio che chi deve gestire la segnalazione debba poter leggere il messaggio. Non c'entra la crittografia: se una delle due persone non è affidabile, crittografare la comunicazione non serve a nulla. Banalmente, se anche non esistesse questa funzionalità, ad uno dei due basterebbe fare uno screenshot e mandarlo a chicchessia.

By(t)e
andrew0408 Settembre 2021, 18:19 #9
Originariamente inviato da: La Paura
Io non capisco per quale motivo la gente continua ad usare WhatsApp!
Al di là dell'aspetto privacy che lascia il tempo che trova, Telegram ad esempio fa le stesse cose di WhatsApp meglio, fa molte cose in più, è sufficientemente diffuso e gli archivi media e chat sono in cloud.

Veramente io non capisco, vi prego spiegatemi perché la gente non va dove è meglio per fare una cosa. E' come dire che sotto casa hai un bar che fà il caffè buonissimo, non usi un bicchierino di carta o paletta ma comunque preferisci andare al distributore automatico a 5 metri prima!


Questi sono punti di vista ed esigenze, non la verità assoluta, le chat in cloud hanno pro e contro.
Pro che puoi accedere ovunque, contro che potrebbero accedere anche altri, cosa che non può avvenire con una chat salvata localmente.
demon7708 Settembre 2021, 18:20 #10
Originariamente inviato da: !fazz
siete sicuri che avete compreso l'articolo?
l'articolo non parla di eventuali backdoor nella cifratura end to end ma dice semplicmente che se un utente segnala una chat tre puntini-->altro-->segnala

una copia della chat viene inviata al sistema di supporto che la analizza sia utilizzando sistemi di nlp che utilizzando personale dedicato


e mi pare logico che se chiedi assistenza per la chat qualcuno possa leggere il contenuto sei tu stesso che lo stai condividendo


Si si, il mio era un discorso generale sulla questione delle chat criptate, non mi riferivo in particolare alla news.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^