Vehicle Homepage, la gestione dell'auto elettrica secondo Smart

Vehicle Homepage, la gestione dell'auto elettrica secondo Smart

L'avvento dei veicoli elettrici porta ad un mutamento nelle abitudini dell'uso del veicolo: lo smartphone sembra essere sempre più uno strumento chiave per gestire queste novità, come nella nuova Smart ForTwo Electric Drive

di Andrea Bai pubblicata il , alle 15:24 nel canale Telefonia
 

Che lo smartphone sia diventato un elemento preponderante nella vita di tutti i giorni è ormai un dato di fatto: basti pensare che solamente in Italia vi sono 21 milioni di individui che possiedono uno smartphone, che rappresentano il 44% circa dei 48 milioni di utenti in possesso di almeno un generico telefono cellulare.

Sono molte le varie attività quotidiane che lo smartphone ha contribuito a semplificare o a trasformare radicalmente. In ottica futura un interessante connubio sarà quello tra lo smartphone e il mondo automobilistico, dove il telefono intelligente sembra destinato a diventare uno strumento chiave per la gestione di alcune funzioni delle automobile di prossima generazione, specie quelle a propulsione elettrica.

Un visionario esempio dell'integrazione tra smart device e automobile è stato portato da Ford con la sua concept-car Evos: un'automobile connessa nel cloud, capace di raccogliere numerose informazioni ed utilizzarle per meglio servire il proprio utente. Se lo scenario dipinto da Evos sembra però essere ancora distante nel tempo, una concretizzazione più vicina a noi dell'integrazione tra smartphone e automobile è stata offerta da Nissan con l'applicazione CARWINGS, per il monitoraggio e la gestione dell'automobile elettrica Nissan LEAF, presentata qualche mese fa e della quale abbiamo avuto l'opportunità di parlare in questa notizia.

Sulla stessa scia è arrivata Smart, che assieme alla recente presentazione della nuova Smart Fortwo Electric Drive - che andremo ad approfondire poco oltre - mostra il sistema di gestione Smart Vehicle Homepage che permette di collegarsi all'auto elettrica per monitorarne alcuni parametri e gestirne alcune funzioni.

Direttamente dallo smartphone (ma anche tramite tablet o applicazione web da PC) l'utente può recuperare tutte le informazioni necessarie sullo stato di carica della batteria del veicolo, con relativa stima dell'autonomia di percorrenza residua e il tempo necessario alla carica completa. L'autonomia di percorrenza può essere visualizzata sia in km, sia mediante una rappresentazione grafica sulla carta geografica, corrispondente ad un'area colorata che tiene in considerazione la topografia ed il profilo del percorso. Il sistema Smart Vehicle Homepage consente inoltre di configurare una serie di notifiche twitter o e-mail che segnalino all'utente il raggiungimento di predeterminati livelli di carica della batteria, anche in relazione all'estensione dell'itinerario da percorrere.

La Vehicle Homepage è inoltre in grado di registrare il posizionamento geografico della vettura, in maniera tale che sia possibile ritrovarla facilmente qualora essa venga parcheggiata in aree sconosciute o, nei casi peggiori, venga rubata. Tramite la Vehicle Homepage è inoltre possibile attivare la funzione di pre-climatizzazione, impostando la temperatura desiderata: in questa maniera l'impianto di condizionamento dell'autovettura si attiverà in anticipo, permettendoci di trovare la temperatura desiderata una volta saliti a bordo.

Smart Fortwo Electric Drive è una vettura biposto a propulsione completamente elettrica, pensata espressamente per la mobilità urbana, che monta una batteria dalla capacità di 17,6kWh che è in grado di assicurare un'autonomia di percorrenza di 145km. La potenza massima di 55kW (potenza continua di 35kW) e la coppia massima di 130Nm, sempre disponibile, assicurano una velocità di punta di 125km/h e una accelerazione da 0-100Km in 11,5 secondi.

I tempi necessari per la ricarica sono di 7 ore quando l'auto viene collegata alla normale presa domestica, scendono a 6 ore nel caso in cui venga ricaricata presso una stazione di ricarica pubblica o a casa mediante la "Wallbox", oppure è possibile utilizzare una funzione di ricarica rapida - disponibile solo opzionalmente con l'impiego di un caricatore da 22kW e una fonte di alimentazione alla tensione di 400V- che permette di ricaricare la vettura in meno di un'ora.

Smart Fortwo Electric Drive viene proposta al pubblico al prezzo di 19900 Euro esclusa IVA oppure può essere acquistata, mediante il modello di vendita Sale&Care, al prezzo di 15900 Euro + un abbonamento di 54 euro mensili per il noleggio della batteria. In questo caso vengono contrattualmente assicurate una capacità fissa della batteria per la durata del contratto (per un massimo di dieci anni), gli interventi di manutenzione periodica e la sostituzione gratuita della batteria nel caso in cui dovessero sorgere malfunzionamenti o un anomalo deterioramento della capaità di carica della batteria.

Ma le proposte per la mobilità urbana del marchio tedesco non si esauriscono qui: l'azienda ha infatti presentato Smart Ebike, una bicicletta elettrica che grazie ad una batteria agli ioni di litio da 423Wh ed una potenza da 250 watt è capace di offrire un'autonomia fino a 100km, una coppia di 35Nm ed una velocità massima di 25km/h con assistenza del motore elettrico. I tempi di ricarica completa sono di circa 5 ore, mentre per una ricarica parziale dal 20% all'80% sono necessarie circa 3 ore. Anche Smart Ebike può essere gestita da una apposita versione del Vehicle Homepage. E per il futuro ci sono altri assi nella manica: dal 2014 infatti Smart ha intenzione di commercializzare Smart Scooter, un ciclomotore elettrico le cui caratteristiche sono ancora però tutte da scoprire.

[HWUVIDEO="1176"]Smart ForTwo Electric Drive, mobilità urbana a zero emissioni[/HWUVIDEO]

I veicoli elettrici stanno insomma diventando una realtà, sebbene non siano scomparsi ancora del tutto gli ostacoli alla loro diffusione. Primo fra tutte, l'autonomia di percorrenza del veicolo e, conseguentemente, le stazioni di ricarica ed i tempi. Declinando il veicolo elettrico nel contesto urbano questi problemi divengono facilmente aggirabili, sebbene richiedano comunque un minimo mutamento dello stile di vita. Cosa riserverà il futuro? Non è facile da poter affermare con esattezza, ma le indicazioni puntano tutte verso un'automobile alimentata anche con energie rinnovabili, dove il fotovoltaico rappresenta la prima scelta per i veicoli di prossima generazione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

49 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
rigelpd27 Giugno 2012, 15:33 #1
L'auto elettrica è il futuro, secondo me molti ancora sottostimano l'impatto che avrà, entro il 2020 saremo nel pieno della rivoluzione.
Notturnia27 Giugno 2012, 15:50 #2
vorrei avvisare che 400V non sono alta tensione ma sono semplicemente una fornitura tri-fase a 380V in uso normalmente ad uffici e artigiani ma disponibile anche per le case da 15kW (16,5 kVA di contratto) in su.

Alta tensione in italia è considerata sopra i 20 mila volt.. da 60 mila in su per la precisione mentre per le norme cei dovrebbe essere alta tensione quello che supera i mille volt.. 400V sono dolorosi.. (mortali) ma non alta tensione :-D mi domandavo perchè dovevo fare una cabina di media tensione per avere in casa i 20 mila volt :-D
Mparlav27 Giugno 2012, 16:01 #3
A 20.000 euro + iva per una Smart, è sicuramente il "futuro" e non il "presente".
Non che i 38.000 per la Nissan Leaf siano tanto più appetibili.

La Four Two Elettrica costa il doppio di una Smart diesel/benzina con lo stesso equipaggiamento, tempo che uno è arrivato diciamo a 7 anni per ammortizzare la spesa, è arrivato il momento di cambiare le batterie, ma finisce che una Smart da oltre 100.000 Km fatti in città debba essere sostituita.

Non sono contrario alle auto elettriche di per sè, ma se penso con quanta speranza ho guardato la Panda Elettrica oltre 20 anni fa' venduta a 25M di £, e poi osservo la situazione attuale, di certo sono molto pessimista, e non sarà uno smartphone in bella mostra sulla plancia con la sua bella app, a farmi cambiare idea.

StyleB27 Giugno 2012, 16:23 #4
quando arriveranno le auto elettriche a 15.000 all inclusive faranno il botto, io sbavavo sulla Tesla Roadster e l'ho anche guidata più di una volta... era tanto convincente e prestante da farmi saltare il pallino di prenderla, ma poi ho pensato al dove e come caricarla in autostrada, al quanto mi sarebbe toccato fermarmi, all'effettiva autonomia del veicolo... etc etc etc
a conti fatti bisogna migliorare alcune cose: autonomia, velocità di ricarica, meno accellerazione e più velocità, più potenza in salita... etc
Opteranium27 Giugno 2012, 16:39 #5
per me l'auto elettrica è solo una parte del problema, forse nemmeno la più importante, e certo non la soluzione.
Mi spiego: finché non si passerà ad una produzione massiccia di energia elettrica da fonti rinnovabili, l' inquinamento sarà solo spostato dalle auto alle centrali.
Inoltre nessuno ha ancora illustrato come si vorrebbe affrontare il problema dello smaltimento delle batterie, che sono una concentrazione di elementi piuttosto tossici per l' ambiente.
Infine, quello che veramente si dovrebbe promuovere è una coscienza ecologica. La città in cui vivo credo abbia il primato italiano del rapporto automobile/persona. Il fatto è che, essendo una piccola città, si potrebbe girare benissimo in bicicletta! E invece sono in pochi a scegliere il velocipede. Lo stesso per i mezzi pubblici.
Quindi ritengo che senza un profondo cambiamento di coscienza, non si vada da nessuna parte, auto elettrica o no..

EDIT, oltretutto mi torna alla mente di aver letto articoli in cui si affermava che buona parte del pulviscolo (PM10 e simili) derivasse più che dalla combustione nei motori, dall' usura delle gomme. Per cui, da quel punto di vista, saremmo punto e a capo.
Stevejedi27 Giugno 2012, 16:44 #6
Originariamente inviato da: StyleB
quando arriveranno le auto elettriche a 15.000 all inclusive faranno il botto, io sbavavo sulla Tesla Roadster e l'ho anche guidata più di una volta... era tanto convincente e prestante da farmi saltare il pallino di prenderla, ma poi ho pensato al dove e come caricarla in autostrada, al quanto mi sarebbe toccato fermarmi, all'effettiva autonomia del veicolo... etc etc etc
a conti fatti bisogna migliorare alcune cose: autonomia, velocità di ricarica, meno accellerazione e più velocità, più potenza in salita... etc


Beato te che hai avuto l'onore di poterla guidare!
Secondo me il punto fondamentale è l'autonomia... se si arriva ai 400km con piena carica credo che convincerebbe la maggior parte degli interessati. Per non parlare di un motore ibrido elettrico/diesel da 400+200km di autonomia sarebbe perfetto.
hermanss27 Giugno 2012, 17:13 #7
Secondo me l'ideale sarebbe concepire delle batterie scomponibili (non so in celle) e universali per tutte le auto elettriche. Quando si ha bisogno di energia in questo modo basterebbe andare al "distributore di energia" (come adesso si va al distributore di carburante) e rimpiazzare tutte le batterie o alcune delle batterie a seconda della carica e della necessità.
Invece di dire "fammi 30€ di benzina" diremo "dammi 2 celle di batteria equivalenti non so a 100KM per una particolare auto.
Hellraiser8327 Giugno 2012, 20:36 #8
Originariamente inviato da: hermanss
Secondo me l'ideale sarebbe concepire delle batterie scomponibili (non so in celle) e universali per tutte le auto elettriche. Quando si ha bisogno di energia in questo modo basterebbe andare al "distributore di energia" (come adesso si va al distributore di carburante) e rimpiazzare tutte le batterie o alcune delle batterie a seconda della carica e della necessità.
Invece di dire "fammi 30€ di benzina" diremo "dammi 2 celle di batteria equivalenti non so a 100KM per una particolare auto.


esatto! quello che avevo in mente io! le auto le vendono senza celle. dopodiche vai dal benzinaio e paghi le celle in "cauzione" con la relativa carica. quando torni dal benzinaio li dai le celle vuote e paghi per quelle piene. esattamente come si fa con l'acqua minerale in vetro. ovviamente tutte le case automobilistiche e i distributori dovrebbero uniformarsi ad un unico standard. non che è arriva la sony e fa le sue "energy stick"
SaggioFedeMantova28 Giugno 2012, 00:01 #9
deve essere proprio bello guidare una macchina elettrica; spero non prendano mai piede.
StyleB28 Giugno 2012, 01:12 #10
@SaggioFedeMantova: proprio perchè a quanto dici non ne hai mai guidate, come mai spari giudizi?
le auto elettriche sono 30 volte più divertenti e prestanti su tragitto urbano delle auto a combustibile fossile, sempre che tu non stia cercando di fare il solito gasato (per nulla) che fa tanto chiasso per via dello scarico cambiato magari su un 1.2 diesel.
gli unici difetti? gli ho elencati nel commento precedente e son problemi di gioventù, non certamente di progetto o del tipo del veicolo.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^