Tariffe telefoniche: il Garante impone più trasparenza

Tariffe telefoniche: il Garante impone più trasparenza

Una delibera dell'Autorità per la Garanzia delle Comunicazioni stabilisce nuove regole per accrescere la trasparenza e la confrontabilità delle tariffe

di Roberto Colombo pubblicata il , alle 11:05 nel canale Telefonia
 

Sul sito del Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni è stata pubblicata una delibera che mira a rendere più trasparenti i rapporti tra operatori di telefonia e i propri clienti. Secondo quanto specificato dal sito, il provvedimento è in corso di pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e 'introduce misure a tutela dell’utenza per facilitare la comprensione delle condizioni economiche dei servizi telefonici e la scelta tra le diverse offerte presenti sul mercato'.

La delibera stabilisce che gli utenti hanno diritto di conoscere gratuitamente il piano tariffario, le diverse condizioni economiche applicate, e il proprio profilo di consumo telefonico. In pratica l'operatore dovrà indicare in ogni bolletta il piano tariffario applicato e 'almeno una volta l’anno dovrà essere comunicata la generalità delle condizioni economiche inerenti al contratto in corso'. Nel caso di servizi prepagati le informazioni dovranno essere disponibili in rete.

Con cadenza bimestrale il consumatore riceverà il dettaglio dei propri consumi (dati e voce) secondo la ripartizione prevista dalla fatturazione. In questo modo dovrebbe essere più semplice capire i propri consumi e poter confrontare le tariffe dei diversi operatori. In caso di servizi prepagati le informazioni dovranno essere accessibli tramite numero telefonico gratuito o sul sito web dell'operatore o ancora via SMS gratuito digitando un codice.

L'operatore è poi obbligato ad avvertire l'utente in modo tempestivo della scadenza di offerte particolari (ad esempio: chiamate a costo zero verso, minuti di navigazione web inclusi in offerte e via dicendo), in modo che quest'ultimo possa sapere il momento esatto in cui vengono ripristinate le condizioni economiche originali.

L'Autorità per le Comunicazioni, secondo la delibera, individuerà standard con cui gli operatori dovranno comunicare i profili di spesa ai consumatori, in modo da rendere facilmente confrontabili le diverse tariffe di un operatore e quelle di operatori diversi.

Inoltre 'disciplina le modalità e i requisiti di accreditamento dei soggetti indipendenti titolari di motori di calcolo per la comparazione di prezzi che ne facciano richiesta'. Praticamente il consumatore potrà trovare confronti tra le tariffe 'garantiti' sui motori di comparazione accreditati dall'Autorità.

Le modalità di comunicazione ai consumatori, i dati da dettagliare e tutti gli strumenti istituiti dalla delibera saranno realizzati tramite consultazione con le imprese del settore e (questo è un fatto importate) delle associazioni dei consumatori.

Per quanto riguarda i tempi, bisognerà aspettare ancora qualche mese, in quanto la delibera entrerà in vigore 30 giorni dopo la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e i provvedimenti più importanti saranno adottati entro 180 giorni dall'entrata in vigore della delibera. In tutto quindi ci vorranno almeno sette mesi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

45 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
MaxArt20 Aprile 2007, 11:10 #1
Non "almeno sette mesi": al più sette mesi
Sempre che non trovino qualche altra gabola. O cada il governo.
frankie20 Aprile 2007, 11:14 #2
Era ora, così Un certo operatore italiano ora nella bufera insieme a quello fisso smetterà di fare tariffe che paghi x al mese con y minuti gratis verso gli stessi e a z verso gli altri. con l'opzione auto mi ricarico che forse se spendi 8000 € ti regalo 10 centesimi e 2messaggi all'anno gratuiti se fai chaimate dal 12/4 al 13/4 dalle 20 alle 22. Se ti chiama a ti ricarica di n se b di m. ...
Asterion20 Aprile 2007, 11:21 #3
Originariamente inviato da: frankie
Era ora, così Un certo operatore italiano ora nella bufera insieme a quello fisso smetterà di fare tariffe che paghi x al mese con y minuti gratis verso gli stessi e a z verso gli altri. con l'opzione auto mi ricarico che forse se spendi 8000 € ti regalo 10 centesimi e 2messaggi all'anno gratuiti se fai chaimate dal 12/4 al 13/4 dalle 20 alle 22. Se ti chiama a ti ricarica di n se b di m. ...




L'Autorità per le Comunicazioni, secondo la delibera, individuerà standard con cui gli operatori dovranno comunicare i profili di spesa ai consumatori, in modo da rendere facilmente confrontabili le diverse tariffe di un operatore e quelle di operatori diversi.


Questa è una vera genialata secondo me, obbligare tutti a seguire uno stesso standard per spiegare i servizi, in modo da confrontarli. Sempre prezzi assurdi rimangono, ma almeno non potranno più giocare sulle finte offerte a costo 0
CoolBits20 Aprile 2007, 11:26 #4
Originariamente inviato da: Asterion




Questa è una vera genialata secondo me, obbligare tutti a seguire uno stesso standard per spiegare i servizi, in modo da confrontarli. Sempre prezzi assurdi rimangono, ma almeno non potranno più giocare sulle finte offerte a costo 0


verissimo almeno ci sarà + chiarezza e meno tariffe ingannevoli!!!
SpyroTSK20 Aprile 2007, 11:31 #5
diciamo che ci sarà meno da leggere per gli utenti?...

Andiamo ragazzi, non si può fare un contratto così alla cazzo di cane, bisogna leggere tutte le tariffe, clausule, ecc...

E' un pò come un contratto di lavoro, voi pigliate e firmate senza leggere?
pierluigi8620 Aprile 2007, 11:31 #6
visto che si spendono miliardi di euro all' anno per telefonare perchè lo stato non crea un sito (costo irrisorio) dove una persona inserisce il tipo e il numero di telefonate che fa e ti dice il piano telefonico più conveniente dei 4.
Minipaolo20 Aprile 2007, 11:36 #7
Originariamente inviato da: SpyroTSK
diciamo che ci sarà meno da leggere per gli utenti?...

Andiamo ragazzi, non si può fare un contratto così alla cazzo di cane, bisogna leggere tutte le tariffe, clausule, ecc...

E' un pò come un contratto di lavoro, voi pigliate e firmate senza leggere?


Il problema è che, se permetti, non è un contratto di lavoro. Semplificare non mi sembra un reato, anzi.

Ha davvero senso complicare sempre tutto? E what about gli anziani e tutte quelle persone che non hanno il tempo per tenersi aggiornati e leggere tutto questo?

Non tutti hanno ore da buttare su internet... (o altrove, ma è ancora peggio).
Kintaro7020 Aprile 2007, 11:37 #8
Il primo decadimento di trasparenza è stato da quando Vodafone allora Omnitel ha tolto la visualizzazione del credito residuo, da allora è stato un crescendo di opacizzazione.
SpyroTSK20 Aprile 2007, 11:39 #9
Originariamente inviato da: Minipaolo
Il problema è che, se permetti, non è un contratto di lavoro. Semplificare non mi sembra un reato, anzi.

Ha davvero senso complicare sempre tutto? E what about gli anziani e tutte quelle persone che non hanno il tempo per tenersi aggiornati e leggere tutto questo?

Non tutti hanno ore da buttare su internet... (o altrove, ma è ancora peggio).


Come non è un contratto di lavoro?
la vodafone o chi altro fa i contratti PER UN LAVORO!
Non per offrirti un servizio, ma bensì per il loro LAVORO.
Leron20 Aprile 2007, 11:45 #10
Originariamente inviato da: SpyroTSK
Come non è un contratto di lavoro?
la vodafone o chi altro fa i contratti PER UN LAVORO!
Non per offrirti un servizio, ma bensì per il loro LAVORO.


ti sei dimenticato la seconda parte del post


Originariamente inviato da: Minipaolo
Ha davvero senso complicare sempre tutto? E what about gli anziani e tutte quelle persone che non hanno il tempo per tenersi aggiornati e leggere tutto questo?

Non tutti hanno ore da buttare su internet... (o altrove, ma è ancora peggio).


direi che non ci sia niente da obiettare, a meno di essere dipendenti di qualche operatore e addetti alla "complicazione delle tariffe"

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^