Lo strano caso dei 168 mila SMS di San Valentino recapitati il 7 novembre

Lo strano caso dei 168 mila SMS di San Valentino recapitati il 7 novembre

E' accaduto in USA nei giorni scorsi: centinaia di migliaia di SMS sono stati recapitati con 9 mesi di ritardo. La colpa non è degli operatori ma di una società terza che gestisce le operazion intercarrier

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Telefonia
 

Una vicenda tra il surreale e il grottesco si è consumata nei giorni scorsi negli USA: centinaia di migliaia di SMS scritti e inviati nel giorno di San Valentino sono stati recapitati solamente il 7 novembre. Un fatto insolito che può far sorridere, ma che ha causato anche sgomento e angoscia in alcune persone che si sono viste consegnare messaggi da conoscenti, amici o congiunti passati a miglior vita tra il 14 febbraio e il 7 novembre scorsi.

La colpa è di Syniverse, una società che offre un servizio intercarrier e a cui si rivolgono svariati operatori di rete negli Stati Uniti per la gestione dei messaggi di testo. Syniverse si vanta di connettere "oltre 300 operatori" e di processare 60 miliardi di messaggi al mese, il 99,8% dei quali recapitati del giro di un secondo.

Evidentemente non questa volta. E' la stessa società che spiega l'accaduto: un server adibito alla consegna dei messaggi ha smesso di funzionare proprio il 14 febbraio scorso, impedendo che i messaggi in attesa di consegna venissero recapitati. Il server, per ragioni ancora oscure, è stato riattivato nei giorni scorsi "sbloccando" la coda di consegna e facendo giungere a destinazione i 168,149 messaggi in attesa. In realtà il numero dei messaggi consegnati con 9 mesi di ritardo sarebbe superiore, sempre a detta della società, sebbene manchino ulteriori dettagli.

Il funzionamento del sistema di norma avviene secondo regole ben precise: se un messaggio non può essere recapitato, viene conservato per un periodo tra le 24 e le 72 ore a seconda delle impostazioni di ciascun operatore e in questa finestra temporale vengono condotti svariati tentativi di consegna. Nel caso in cui nessun tentativo dovesse andare a buon fine, il messaggio viene eliminato e restano conservati solamente i metadati - a scopi di reportistica e contabilità - per un periodo di 45 giorni. I metadati contengono solamente informazioni per l'identificazione dell'operatore e del dispositivo di origine del messaggio. Cosa, di preciso, non sia funzionato nel server non è dato sapere, così come non è dato sapere per quale motivo esso sia rimasto inattivo per 9 mesi. La società ritiene che il problema sia "risolto".

L'incidente mette in luce come per gli SMS possa esistere un problema di sicurezza e privacy specie nel momento in cui tra l'operatore e gli utenti si collocano degli intermediari, i quali possono incontrare problemi - come nel caso di questa vicenda - o essere bersaglio di un qualche genere di attacco informatico.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Jack.Mauro12 Novembre 2019, 13:30 #1
Un ufficio come tanti, due colleghi come tanti:
Bill> Ehi Bob, cos'è quel server abbandonato sotto la scrivania di Tizio?
Bob> Non ne ho idea, accendiamolo e vediamo...
Bill> Ok ma non attacchiamolo in rete che si sa mai!

*sposta* *attacca* *cerca un monitor* *tira* *spingi*

Bill> Non mi fa accedere come BillAdm, non trova il domain controller.
Bob> Vabbè, attacchiamolo in rete ma solo per fare il login

*click*

Bill> Ok sono dentro.. stacca stacca! ci stanno tracciando! stacca! (cit https://youtu.be/oE5JTpoIYck?t=270 )

....e così partirono 200k sms....
canislupus12 Novembre 2019, 13:42 #2
Originariamente inviato da: Jack.Mauro
Un ufficio come tanti, due colleghi come tanti:
Bill> Ehi Bob, cos'è quel server abbandonato sotto la scrivania di Tizio?
Bob> Non ne ho idea, accendiamolo e vediamo...
Bill> Ok ma non attacchiamolo in rete che si sa mai!

*sposta* *attacca* *cerca un monitor* *tira* *spingi*

Bill> Non mi fa accedere come BillAdm, non trova il domain controller.
Bob> Vabbè, attacchiamolo in rete ma solo per fare il login

*click*

Bill> Ok sono dentro.. stacca stacca! ci stanno tracciando! stacca! (cit https://youtu.be/oE5JTpoIYck?t=270 )

....e così partirono 200k sms....


Nulla di così assurdo...
In un mio precedente lavoro un cliente ebbe la bella idea di rimettere in rete un server spento da anni... immagina i casini che ha combinato sui sistemi di produzione

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^