L'Europa si prepara al 6G: la Germania investe in ricerca 700 milioni di euro

L'Europa si prepara al 6G: la Germania investe in ricerca 700 milioni di euro

Nonostante in Europa il 5G sia ancora agli albori rispetto alla Cina, la Germania ha deciso di investire 700 milioni di euro per la ricerca e lo sviluppo delle reti di sesta generazione

di pubblicata il , alle 15:21 nel canale Telefonia
5G6G
 

Le reti 5G di nuova generazione saranno presto parte integrante della quotidianità, ma in Europa ancora ci vorrà del tempo. Nonostante ciò, il Governo tedesco ha attuato un piano insieme al Ministero federale dell'istruzione e della ricerca mettendo sul piatto 700 milioni di euro per finanziare le reti 6G di futura generazione.

La conferma è stata data dal Ministro federale dell'istruzione e della ricerca Anja Karliczek durante un'intervista rilasciata al giornale Handelsblatt. La Germania investirà per mettere da subito le basi per la comunicazione del futuro 6G, che succederà il 5G a partire dal 2030: "dobbiamo pensare a dopodomani ora e contribuire a plasmare nuove tecnologie chiave e standard nelle tecnologie di comunicazione fin dall'inizio". ha detto Karliczek a Handelsblatt.

Zune

Tutto ciò avviene in un momento cruciale per lo sviluppo delle reti 5G. Guardando al presente l'Europa non sembra essere al passo con grandi Paesi asiatici, dove la differenza del numero di stazioni base 5G è ancora abissale. Recentemente abbiamo parlato di come la metropoli cinese Shenzhen abbia più stazioni 5G di tutta l'Europa, e ben 500 volte più di quelle presenti in Germania.

6G: 100 volte più veloce. Germania sfida Corea, Cina e Giappone

La Germania rimane uno dei Paesi più all'avanguardia in termini di sviluppo tecnologico in Europa. Tornando alla notizia, il 6G rivoluzionerà la comunicazione del prossimo decennio, inoltre, permetterà di trasmettere dati 100 volte più velocemente rispetto al 5G, e offrirà: "grandi vantaggi per la comunicazione mobile per ogni singola persona, ma anche per la nostra industria e agricoltura".

Successivamente il Ministro ha affermato che verranno stanziati inizialmente 200 milioni per la ricerca, mentre ulteriori iniziative verranno comunicate entro la fine del 2021.

L'Europa proverà a mettersi al passo con le grandi potenze orientali, ma per farlo esiste solo un modo ed è quello di investire finanziando le ricerche: "Questo è l'unico modo in cui possiamo rafforzare la sovranità tecnologica della Germania e dell'Europa a lungo termine. Non vogliamo dipendere dagli altri in futuro", ha detto Karliczek.

6G: interviene la Commissione Europea

Le reti del prossimo decennio, a differenza del 5G, verranno sviluppate insieme alla Commissione Europea con il progetto Hexa-X guidato da Nokia ed Ericcson con l'obiettivo di superare sei importanti sfide:

  1. Connettere l'intelligence: 6G fornirà un framework per supportare, migliorare e consentire un controllo affidabile in tempo reale.
  2. Rete di reti: attuare un'enorme ecosistema digitale che cresce sempre più capace, intelligente, complesso ed eterogeneo che alla fine crea un'unica rete di reti.
  3. Sostenibilità: verso un'economia circolare e un mondo sostenibile.
  4. Copertura del servizio globale: raggiungere anche i luoghi più remoti per promuovere la crescita economica e ridurre il divario digitale.
  5. Esperienza estrema: comunicazione completamente immersiva, controllo remoto su larga scala e accelerare il ritmo della digitalizzazione.
  6. Affidabilità: 6G garantirà la riservatezza e l'integrità delle comunicazioni end-to-end e garantirà la riservatezza dei dati, la resilienza operativa e la sicurezza.

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!

31 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Cappej16 Aprile 2021, 15:24 #1
oramai Nokia ed Ericson campano su questo R&D... e purtroppo l'unico paese in grado di cacciare euri in questo momento è la germania...

Ma noi andiamo in tasca e prenderemo Huawei... e via!
(non che abbia qualcosa contro Huawei, ci mancherebbe è una signora azienda...)
Unrue16 Aprile 2021, 15:51 #2
Ormai il 5G è in mano alla Cina, ma per il 6G si può sperare.
demon7716 Aprile 2021, 15:52 #3
Si ma le associazioni dei ritardati sono informate?
Non vorrei venissero colte di sorpresa e debbano poi inondare la rete di stronzate improvvisate..
dinitech16 Aprile 2021, 16:01 #4
700 milioni di investimenti cancerogeni
agonauta7816 Aprile 2021, 16:07 #5
Io a sto giro salto, aspetto il 7G
dado197916 Aprile 2021, 16:12 #6
Originariamente inviato da: dinitech
700 milioni di investimenti cancerogeni

Ma no.
Pensa a fare la spesa con qualcosa di qualità invece che risparmiare al supermercato che il 5G non aumenta le incidenza sul cancro.
Unrue16 Aprile 2021, 16:14 #7
Originariamente inviato da: dinitech
700 milioni di investimenti cancerogeni


Beh dai, giustamente anche i NO6G devono scaldare i motori, non vorranno mica partire in ritardo
Ago7216 Aprile 2021, 16:14 #8
Originariamente inviato da: Unrue
Ormai il 5G è in mano alla Cina, ma per il 6G si può sperare.


Perchè dici che il 5G è in mano alla Cina?
Unrue16 Aprile 2021, 16:21 #9
Originariamente inviato da: Ago72
Perchè dici che il 5G è in mano alla Cina?


Perché oltre il 70% dei brevetti relativi al 5G è in mano ad aziende cinesi, Huawei in particolare.
M@n16 Aprile 2021, 16:24 #10
Originariamente inviato da: demon77
Si ma le associazioni dei ritardati sono informate?
Non vorrei venissero colte di sorpresa e debbano poi inondare la rete di stronzate improvvisate..


Eccoli!

Originariamente inviato da: dinitech
700 milioni di investimenti cancerogeni

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^