Internet mille volte più veloce rispetto agli standard 4G: ecco la promessa di Artemis

Internet mille volte più veloce rispetto agli standard 4G: ecco la promessa di Artemis

pCell è una tecnologia proprietaria di Artemis che permette una connessione ad internet "mille volte più veloce" rispetto agli standard basati su reti 4G LTE. Compatibile anche con gli smartphone di attuale generazione, pCell promette anche un consumo energetico estremamente inferiore, ma porta con sé limiti intrinseci e notevoli compromessi

di pubblicata il , alle 17:01 nel canale Telefonia
 

Le tecnologie di connettività di rete wireless si evolvono in maniera sensazionale dal punto di vista della velocità. Tuttavia, anche nelle grandi città è ancora possibile incorrere in perdite di segnale, perdita di velocità o cadute della connessione ad internet ed in altri inconvenienti a cui ormai siamo tristemente abituati.

Ad ovviare alle problematiche sopra citate sembra voler intervenire una piccola startup americana, nota con il nome di Artemis. Fondata nel 2011, la società lavora da allora su pCell, uno standard di reti wireless che potrebbe sovrapporsi alle attuli reti 4G LTE, o almeno farlo nelle grandi città.

Allo stato attuale, il segnale di rete cellulare viene diffuso da torri che devono essere disposte lungo il territorio in maniera efficace. Man mano che ci si allontana dalla torre il segnale diventa sempre più debole, ma se due torri si trovano a distanza troppo ravvicinata possono creare delle interferenze allo stesso segnale ricevuto dal dispositivo. Al tempo stesso, se troppi utenti si agganciano alla stessa torre un sovraccarico della rete può portare ad instabilità e lentezza della connessione ad internet.

Artemis pCell, pWave

L'approccio operato da Artemis con pCell è estremamente diverso e si avvale della possibilità di poter alimentare il segnale con un numero elevato di apparecchi, chiamati pWave (dalle dimensioni analoghe a quelle dei router Wi-Fi), disposti a distanze relativamente ravvicinate. Ogni apparecchio è in grado di inviare un segnale di qualità estremamente superiore rispetto alle tradizionali torri, anche se ad una distanza parecchio più limitata.

Pertanto, piuttosto che cercare di evitare la collisione fra due segnali provenienti da torri diverse, pCell sfrutta la presenza ravvicinata di più pWave combinando il segnale proveniente da più apparecchi ed inviandolo ad un singolo utente. Secondo la società questo potrebbe permettere velocità fino a 1000 volte superiori rispetto agli attuali standard di rete 4G LTE in presenza di un "buon segnale".

Se questo non bastasse, le singole pWave utilizzano un trasmettitore da 1mW per diffondere i dati, garantendo un consumo energetico estremamente contenuto sui dispositivi di oggi, ed ancora più ridotto quando la tecnologia sarà pienamente compatibile sui terminali di domani che utilizzeranno chip appositi per la ricezione del segnale di pCell. La società vanta un consumo energetico, in quest'ultimo caso, inferiore a quello dei chip Wi-Fi inseriti sugli iPod touch di ultima generazione.

Artemis ha già pianificato il lancio di pCell nel quarto trimestre del 2014, inizialmente solo nella città di San Francisco. La società è al lavoro con un partner commerciale che gli permetterà di installare le pWaves su circa 350 edifici nella città, che dovrebbero essere sufficienti a coprire gran parte della superficie della metropoli americana.

A detta di Steve Perlman, CEO di Artemis, pCell potrebbe raggiungere molti altri mercati già a partire dal 2015, anche se bisognerà vedere quale sarà l'accoglienza degli abitanti di San Francisco, e se il primo collaudo porterà realmente ai risultati annunciati dalla startup.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

38 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
fraussantin13 Marzo 2014, 17:21 #1
Sinceramente non vedo di cosa me ne faccia senza una connessione flat REALE.

Ed a prezzi umani non si trova.
punix13 Marzo 2014, 18:00 #2
Originariamente inviato da: fraussantin
Sinceramente non vedo di cosa me ne faccia senza una connessione flat REALE.

Ed a prezzi umani non si trova.


Spiegati meglio, non capisco. Ormai i flattoni non sono un salasso.

Certo se li paragoni (sbagliando) al flat che hai a casa per ADSL, parti gia' male...

In piu', ma cosa servono tutti sti giga in mobilita'? Gia' 5 al mese mi sembrano una esagerazione, per un uso normale.
Radagast8213 Marzo 2014, 18:12 #3
ma soprattutto, il titolo che cosa vuol dire?
internet mille volte più veloce rispetto agli standard 4g.
internet adesso è un tipo di connessione? in 4g si va sulle BBS?
nino nino...
Rubberick13 Marzo 2014, 18:13 #4
diciamo che è un cane che si morde la coda

se gli attuali provider offrissero dei prezzi accettabili e le loro infrastrutture venissero veramente sfruttate in modo serio andrebbero in tilt in 5 minuti

la baracca si tiene su semplicemente per il fatto che visti i costi folli a cui è offerta la connettività mobile l'utenza si connette facendo un toccata e fuga e non vanno mai sotto reale saturazione

per chi si fa bastare i 5 gb al mese e li considera tanti purtroppo sono pochissimi per poterne fare un uso normale e decente senza adsl casalinga

il bello è che offerte maggiori o non ci sono proprio o se ci sono sono a prezzi allucinanti

la volta che offrono 500-1000 gb al mese a 20 euro ne riparliamo

ciao
Carlo u.u13 Marzo 2014, 18:29 #5
Originariamente inviato da: Rubberick
diciamo che è un cane che si morde la coda

se gli attuali provider offrissero dei prezzi accettabili e le loro infrastrutture venissero veramente sfruttate in modo serio andrebbero in tilt in 5 minuti

la baracca si tiene su semplicemente per il fatto che visti i costi folli a cui è offerta la connettività mobile l'utenza si connette facendo un toccata e fuga e non vanno mai sotto reale saturazione

per chi si fa bastare i 5 gb al mese e li considera tanti purtroppo sono pochissimi per poterne fare un uso normale e decente senza adsl casalinga

il bello è che offerte maggiori o non ci sono proprio o se ci sono sono a prezzi allucinanti

la volta che offrono 500-1000 gb al mese a 20 euro ne riparliamo

ciao


siii booom 500-1000gb al mese, quando questo avverrà non saremo neanche più vivi (e parlo anche di me, che non ho ancora 20 anni).

Io invece davvero non capisco come facciate a consumare tutti quei gb del piano dati..vi assicuro che io con 1gb ne consumo si e no il 10% in un mese e lo uso per: whatsapp/facebook/navigazione web/email/download app (non enormi, quelle le scarico a casa, ma pure fino a 50mega)/youtube..l'unica cosa su cui mi trattengo è lo streaming (skygo e simili)

come fate a consumare 5gb?!?! (a meno che appunto non usi app come skygo)

la connessione dati serve quando si è in mobilità, se poi tu la vuoi usare anche in casa è un altro discorso. io quando esco di casa ho il 3G sempre attivo, ma appena entro attivo il wi-fi, e penso sia una cosa normale..
avvelenato13 Marzo 2014, 18:32 #6
Originariamente inviato da: fraussantin
Sinceramente non vedo di cosa me ne faccia senza una connessione flat REALE.

Ed a prezzi umani non si trova.


La tua considerazione è fallata dal fatto che i prezzi delle attuali offerte mobile servono per l'appunto ad evitare la saturazione di banda, che è condivisa.

Quanto pensi che ci voglia a sviluppare l'equivalente di un emule mobile che rimane sempre in download? Con un'offerta flat senza limiti lo farebbero tutti, col risultato che tutti quanti andremmo a meno di 56k.

Le premesse di questa tecnologia invece portano a ipotizzare che un'aumento della banda, e pertanto una migliore allocazione delle risorse, sia possibile, e questo potrebbe anche tradursi in un allargamento del limite massimo di dati presenti nelle tariffe.
fraussantin13 Marzo 2014, 18:40 #7
Originariamente inviato da: avvelenato
La tua considerazione è fallata dal fatto che i prezzi delle attuali offerte mobile servono per l'appunto ad evitare la saturazione di banda, che è condivisa.

Quanto pensi che ci voglia a sviluppare l'equivalente di un emule mobile che rimane sempre in download? Con un'offerta flat senza limiti lo farebbero tutti, col risultato che tutti quanti andremmo a meno di 56k.

Le premesse di questa tecnologia invece portano a ipotizzare che un'aumento della banda, e pertanto una migliore allocazione delle risorse, sia possibile, e questo potrebbe anche tradursi in un allargamento del limite massimo di dati presenti nelle tariffe.


Fumzionando nelle brevi distanze dubito.
bubbi13 Marzo 2014, 18:40 #8
Secondo me non vedete il reale vantaggio...che non sta nella velocità ne nella quantità (cosa tra l'altro già effettiva)...ma nel risparmio energetico e nell'impatto ambientale in termine di inquinamento elettromagnetico ridotto in maniera enorme rispetto ad un ponte radio cellulare...nel 2014 ormai i cell dovrebbero andare esclusivamente in wifi...una rete gsm solo nelle zone in cui realmente non può arrivare una wifi
Personaggio13 Marzo 2014, 19:06 #9
Il sistema usato da questa startup è esattamente quello che si sta configurando per il 5G anche se si parla, al momento, solo di ipotesi o proposte. In ogni caso mettere oggi una rete con centinaia di "hotspot" che sparano ad un mW quando il segnale ricevuto medio in qualsiasi parte di una città su tutte le frequenze a microonde è superiore a 1W, significa che te ne serve una ogni 20 metri solo per superare il rumore di fondo, senza considerare che se promettono una banda di centinaia di Gbps significa che il segnale è su frequenze molto alte, almeno 50 GHz, questo comporta che basta un po' di pioggerellina per bloccare il segnale, e scordatevi la copertura indoor, basta un muro in cartongesso per bloccarlo.

Riguardo alla Flat io ho con H3G: 20GB su 3G + 20GB su LTE a 31€/mese (30 per la flat tradizionale + 1 euro per l'opzione LTE) Ma se metti l'hot-spot wifi e ti ci colleghi col PC, le finisci in 2 giorni.

Per concludere il giornalista dice una grossa inesattezza riguardo all'interferenza fra stazioni radio dello stesso operatore, infatti esso vale esclusivamente per il 2G, per il 3G il segnale viene ripartito contemporaneamente fino a 5 stazioni radio (anche se viene configurato sempre un massimo di 3), mentre nel 4G non ci sono limiti, se ti metti sul ponte di un fiume nel centro di una città dove riceverai il segnale da decine di stazioni radio LTE, il tuo smartphone potrà fare traffico contemporaneamente su tutte quelle per il quale ha una ricezione sufficiente.
[Kommando]13 Marzo 2014, 19:14 #10
Ma...come... niente grafene?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^