Google, 350.000 dollari in palio per chi hackera i Nexus

Google, 350.000 dollari in palio per chi hackera i Nexus

Project Zero Prize è l'hacking contest che mette in palio 350,000 dollari per gli utenti in grado di individuare falle nella sicurezza di Android Nougat sfruttabili per eseguire codice remoto. Nexus 6P e Nexus 6X saranno i dispositivi oggetto degli attacchi hacker, lanciati, una volta tanto, per una buona causa.

di Salvatore Carrozzini pubblicata il , alle 08:01 nel canale Telefonia
AndroidGoogle
 

Google ha recentemente annunciato il Project Zero Prize, un hacking contest rivolto a chi ritiene di disporre delle conoscenze adatte per individuare falle nella sicurezza dei dispositivi Android. Obiettivo del contest è individuare vulnerabilità o bug che consentono di effettuare l'esecuzione di codice remoto su più dispositivi Android conoscendo esclusivamente il numero di telefono e l'indirizzo email. 

Per attirare l'attenzione dei potenziali partecipanti Google ha previsto un montepremi in denaro pari a 350.000 dollari, da suddividere tra il primo, il secondo e il terzo classificato: 200,000 dollari al primo, 100,000 dollari al secondo e non meno di 50,000 dollari al terzo. Il contest terminerà il 14 marzo 2017, sei mesi, quindi, per andare a caccia di falle nella sicurezza.

app hacking

I partecipanti dovranno realizzare una catena di exploit completa che consente di accedere da remoto ai file delle app di terze parti memorizzate nella memoria interna sia del Nexus 6P, sia del Nexus 5x. Nel regolamento si legge poi che gli attacchi avranno ad oggetto una qualsiasi versione di Android 7.0 Nougat, ovvero la più recente release di Android. I partecipanti che individueranno la vulnerabilità sono inoltre invitati a redigere un rapporto tecnico che verrà pubblicato nel blog Project Zero. 

Google illustra le motivazioni che hanno portato all'attivazione del contest sottolineando che lo scopo principale è acquisire il maggior numero di informazioni sul funzionamento dei bug e degli exploit descritti in apertura al fine di migliorare gli aspetti della sicurezza della piattaforma Android. Nell'ambito degli hacking contest, sottolinea Google, emergono spesso bug e vulnerabilità che non vengono diversamente rilevate. 

Gli aspiranti partecipanti sono invitati a prendere visione delle meccaniche del contest, in base alle quali, tra l'altro, solo la prima persona che individua un particolare bug può utilizzarlo per prendere parte al contest. Tutte le informazioni sono reperibili collegandosi alla pagina ufficiale presente nel blog Project Zero.

Lo sforzo di Google volto a rendere più sicuro il sistema operativo Android è indubbiamente apprezzabile, anche se l'utenza italiana non potrà contribuire alla scoperta di nuovi bug - quanto meno non partecipando al contest. Come si può leggere nel regolamento completo del Project Zero Prize, i residenti in Italia, Brasile, Quebec, Crimea, Cuba, Iran, Siria, Corea del Nord e Sudan non possono prendere parte al contest. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
mattia.l16 Settembre 2016, 08:42 #1
hanno paura che qualche Italiano glielo possa aprire in 5 minuti?
il nexus intendo
deggial16 Settembre 2016, 09:02 #2
Fa piacere essere equiparati a paesi fortemente simpatici agli USA come Corea del Nord, Iran, Siria, Crimea, Cuba.
Anche se penso che per noi italiani il motivo più che politico sia di cavilli burocratici.
toniz16 Settembre 2016, 11:18 #3
Originariamente inviato da: deggial
Fa piacere essere equiparati a paesi fortemente simpatici agli USA come Corea del Nord, Iran, Siria, Crimea, Cuba.
Anche se penso che per noi italiani il motivo più che politico sia di cavilli burocratici.


esattamente la stessa cosa che ho pensato io
randy8816 Settembre 2016, 12:25 #4
Originariamente inviato da: deggial
Anche se penso che per noi italiani il motivo più che politico sia di cavilli burocratici.


Credo sia la spiegazione più ovvia.

Bello sapere che la ridicola e anacronistica burocrazia italiota, ha, a livello "politico", lo stesso impatto che hanno la guerra in Siria e Crimea, e dittature come quella nord-coreana.
Pier220416 Settembre 2016, 12:29 #5
i residenti in Italia, Brasile, Quebec, Crimea, Cuba, Iran, Siria, Corea del Nord e Sudan non possono prendere parte al contest.

Chi conosce l'indirizzo di posta di Matteo Renzi? voglio girargli questo articolo... devo fargli vedere come andiamo bene..

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^