Coronavirus, da Xiaomi nuovo carico di mascherine per la Regione Lombardia

Coronavirus, da Xiaomi nuovo carico di mascherine per la Regione Lombardia

Per fronteggiare la pandemia di nuovo coronavirus in questo momento dilagante in Italia Xiaomi sta offrendo il suo supporto alla Protezione Civile della Regione Lombardia

di pubblicata il , alle 12:21 nel canale Telefonia
Xiaomi
 

"I nostri pensieri sono rivolti all’epidemia di COVID-19 che ha colpito l'Italia e in modo particolare le regioni del Nord, quindi non potevamo esimerci dal rinnovare il nostro contributo", con queste parole Chew Shou Zi, CFO and President of International Xiaomi Corporation, ha annunciato il secondo carico di mascherine da parte di Xiaomi destinato all'Italia.

Il dirigente dell'azienda cinese ha inoltre promesso "altre forniture mediche, tra cui termometri digitali a infrarossi e indumenti protettivi". Dopo un primo lotto di mascherine arrivate in Italia circa due settimane fa, Xiaomi ha annunciato per mezzo di una nota stampa che "vuole continuare ad offrire il proprio contributo e supporto" per fronteggiare l'emergenza legata alla diffusione epidemiologica del virus COVID-19, noto più comunemente come nuovo coronavirus.

Per farlo ha effettuato una una nuova donazione di migliaia di mascherine che andranno a sostegno della Protezione Civile della Regione Lombardia e ad alcuni clienti e partner di Xiaomi. La Regione Lombardia è attualmente l’area più colpita dall'epidemia di coronavirus, con gli ultimi numeri che mostrano una crescita costante dei contagi. In Italia si parla di 28.710 casi attivi, con 4.025 guariti e 2.978 decessi. Fra questi in Lombardia - al netto di quasi 50 mila tamponi effettuati - sono attualmente presenti 12.266 casi confermati, fra cui 7.285 ricoverati, 924 in terapia intensiva e 4057 in isolamento domiciliare. I decessi nella sola Lombardia sfiorano i 2.000 casi.

Le nuove mascherine sono state consegnate alla Protezione Civile della Regione Lombardia, accompagnate dal medesimo messaggio di solidarietà "…Siamo onde dello stesso mare, foglie dello stesso albero, fiori dello stesso giardino" volto a sottolineare come l'azienda si senta parte integrante di questo Paese. Il forte senso di responsabilità sociale e di appartenenza alla comunità italiana ha, sottolinea l'azienda, spinto Xiaomi a offrire ancora una volta il proprio sostegno nel fronteggiare la carenza di materiale sanitario, e ad aiutare così il contenimento della propagazione del virus.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

17 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
colmar5819 Marzo 2020, 12:23 #1
chapeau
ImPeTo19 Marzo 2020, 13:00 #2
WOW che lezione... chissà se alla APPLE cè qualcuno che legge di queste notizie
monster.fx19 Marzo 2020, 13:10 #3
Tanto di cappello… che ci serva di lezione.

Personalmente orgoglioso di possedere 2 Xiaomi e aver dato a loro i miei soldi.

Abbiamo tanto da imparare da loro.
Axios200619 Marzo 2020, 13:20 #4
Cina... prima cannibalizzano mezzo mondo producendo a costi bassi... Accentrano le fabbriche in Cina, fanno si' che le altre nazioni delocalizzano in Cina e poi fanno gli eroi....

Insomma, complimenti davvero a Xiaomi, ma si dovrebbe rivedere l'economia di mercato globale.
pingalep19 Marzo 2020, 13:29 #5
personalmente credo che la cina abbia gestito malissimo l'epidemia sul suo territorio quindi anche se finanzia queste campagne pubblicitarie bisognerà prendedere provvedimenti seri per scongiurare altre situazioni simili. si sono mossi troppo tardi e hanno lasciato andare troppa gente in giro al capodanno cinese. noi non siamo da meno intendiamoci, ma a livello internazionale bisognerà prevedere una strategia di controllo e limitazione degli eventuali infetti che vogliono uscire dalla cina o il prossimo paese in cui partirà una epidemia simile. con sanzioni pesanti se la prossima volta la cina o altro paese reitererà certi comportamenti omertosi, ma anche aiuti umanitari per diminuire sul posto e subito gli effetti socio-economici della quarantenta.
perchè ricapiteranno, e se tutti i paesi del mondo si fanno i calcoli e devolvono un trentesimo di quello che vanno a spendere adesso nella gestione della pandemia in aiuti per la gestione tempestiva di un onset epidemico ci risparmiamo tutti un sacco di morti di grattacapi e di brutte figure
dirac_sea19 Marzo 2020, 13:57 #6
Originariamente inviato da: Axios2006
Cina... prima cannibalizzano mezzo mondo producendo a costi bassi... Accentrano le fabbriche in Cina, fanno si' che le altre nazioni delocalizzano in Cina e poi fanno gli eroi....

Insomma, complimenti davvero a Xiaomi, ma si dovrebbe rivedere l'economia di mercato globale.


Occhio che un sacco di fabbriche in Cina le hanno volute impiantare proprio gli imprenditori occidentali per massimizzare i profitti delle loro imprese. Come prevedibile, i cinesi hanno assorbito come una spugna le conoscenze e poi sono nati colossi come Xiaomi. Precisato ciò, plauso a Xiaomi che pur non essendo obbligata ad aiutare una nazioncina come la nostra, ha compiuto questa liberalità. Xie xie ni, Xiaomi.
ZannaMax19 Marzo 2020, 13:58 #7
A me vien da ridere perché c'è gente che pensa che la responsabile di tutto questo casino sia la Cina.
metrino19 Marzo 2020, 14:41 #8
Originariamente inviato da: pingalep
personalmente credo che la cina abbia gestito malissimo l'epidemia sul suo territorio quindi anche se finanzia queste campagne pubblicitarie bisognerà prendedere provvedimenti seri per scongiurare altre situazioni simili. si sono mossi troppo tardi e hanno lasciato andare troppa gente in giro al capodanno cinese. noi non siamo da meno intendiamoci, ma a livello internazionale bisognerà prevedere una strategia di controllo e limitazione degli eventuali infetti che vogliono uscire dalla cina o il prossimo paese in cui partirà una epidemia simile. con sanzioni pesanti se la prossima volta la cina o altro paese reitererà certi comportamenti omertosi, ma anche aiuti umanitari per diminuire sul posto e subito gli effetti socio-economici della quarantenta.
perchè ricapiteranno, e se tutti i paesi del mondo si fanno i calcoli e devolvono un trentesimo di quello che vanno a spendere adesso nella gestione della pandemia in aiuti per la gestione tempestiva di un onset epidemico ci risparmiamo tutti un sacco di morti di grattacapi e di brutte figure

Innanzitutto servirebbe un cambio di passo di tutte le legislazioni mondiali, non basta prendersela con la Cina, che per quanto si sia mossa tardi, poi ha fatto scuola.
In secondo luogo segnalo che, pur avendo visto tutti quanto la Cina si sia sbagliata sul virus, i vari governi europei stanno facendo peggio, si stanno muovendo con estrema lentezza. L'Italia ad esempio si è mossa un po' più in ritardo di quanto abbia fatto la Cina, in Francia sono già in una situazione in cui l'Italia aveva cominciato a fare contenimento ma non si degnano di mettere in campo azioni in questo senso, l'Inghilterra è governata da Trump2 la vendetta, ...

Leggetevi il report di Tomas Pueyo se volete farvi un'idea.

Adesso, per tornare in tema, c'è un'azienda cinese che ha visto cosa sia il coronavirus per averlo provato sulla propria pelle per così dire; adesso sta inviando un piccolissimo aiuto (perché quello è e la nostra reazione è?
"mi pare il minimo, è tutta colpa dei cinesi", quando invece dovremmo dire solo "grazie", perché nonostante tutto potevano farsi anche i cavoli loro. L'unica cosa che ne ricavano è un po' di pubblicità che potevano fare anche in 1000 modi diversi.

Quindi a tutti quelli che a fronte di un gesto di solidarietà rispondono che "è colpa dei cinesi", rispondo con un proverbio cinese: "Quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito.".
DjLode19 Marzo 2020, 14:50 #9
Originariamente inviato da: ImPeTo
WOW che lezione... chissà se alla APPLE cè qualcuno che legge di queste notizie


Basta una ricerca su Google, sforzati
pabloski19 Marzo 2020, 14:56 #10
Originariamente inviato da: Axios2006
Cina... prima cannibalizzano mezzo mondo producendo a costi bassi... Accentrano le fabbriche in Cina, fanno si' che le altre nazioni delocalizzano in Cina e poi fanno gli eroi....

Insomma, complimenti davvero a Xiaomi, ma si dovrebbe rivedere l'economia di mercato globale.


Ti lamenti di gente che ha migliorato la propria condizione giocando secondo le regole?

Dovresti lamentarti degli oligarchi occidentali, che quelle regole le hanno fatto varare da politici sul loro libro paga.

Ed è la ragione per cui l'UE ( la massima rappresentante del globalismo malato che citi ) proprio non va. Altro che Italexit. Ci vorrebbe lo smantellamento di quel carrozzone che si spaccia per entità politica, quand'è al massimo un'agenzia di brokerage.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^