Apple e Qualcomm fanno pace: stop alle dispute legali, per amore del 5G

Apple e Qualcomm fanno pace: stop alle dispute legali, per amore del 5G

Le due aziende comunicano di aver raggiunto un accordo per la sospensione di tutte le cause in corso. Apple pagherà una somma non quantificata, e soprattutto avrà con Qualcomm un rapporto di fornitura per i modem del futuro

di pubblicata il , alle 10:21 nel canale Telefonia
QualcommAppleIntel5G
 

Giusto una settimana fa, in occasione del'AI Day di Qualcomm, durante una roudtable era stato chiesto al presidente di Qualcomm Cristiano Amon lo stato della vertenza legale con Apple. Rispondendo con un sorriso, ma molto diplomaticamente, Amon aveva rimarcato come la volontà di Qualcomm fosse quella di voler trovare un punto d'incontro con Apple per reciproca soddisfazione.

A quel punto si è arrivati questa settimana: le due aziende hanno infatti comunicato di aver raggiunto un accordo per il quale le ostilità legali verranno cessate. Questo riguarderà tutte le azioni legali intraprese in varie parti del mondo. Stop completo alla guerra di carte bollate tra le due aziende quindi, per buona pace di entrambe e dello sviluppo futuro dei prodotti di telefonia Apple.

Alla base della disputa l'accusa a Qualcomm di utilizzare pratiche monopolistiche, richiedendo ai propri clienti licenze d'uso a cifre troppo elevate. Apple aveva per questo motivo sospeso i pagamenti per le royalties spettanti da contratto a Qualcomm, denunciandoli come troppo elevati. Qualcomm aveva risposto citando Apple per aver violato propri brevetti industriali, azione che aveva portato allo stop della vendita di alcuni prodotti Apple in Germania e Cina.

Apple pagherà una somma a Qualcomm, il cui valore non è al momento ancora noto, entrando in un accordo di licenza d'uso della durata di 6 anni che è diventato effettivo lo scorso 1 aprile. E' presente anche una opzione per l'estensione dell'accordo di licenza anche per i due anni successivi al termine del periodo ora concordato. Le due aziende hanno inoltre firmato un accordo di fornitura di chip della durata di vari anni: questo implica che i futuri prodotti Apple adotteranno modem Qualcomm al proprio interno.

Apple e Qualcomm quindi sorridono: la seconda vede di fatto riconosciute le proprie ragioni e riprende una partnership commerciale con Apple che è sicuramente importante in termini di volumi di vendita. La prima si assicura le tecnologie attuali e future di Qualcomm, elemento tecnico di fondamentale importanza pensando alla prossima diffusione della tecnologia 5G.

A uscire sconfitta da tutto questo è sicuramente Intel, azienda che era candidata ad essere fornitore tecnologico di Apple per i modem 5G che verranno adottati nelle future versioni di smartphone della famiglia iPhone oltre che nei tablet iPad. Alla luce del nuovo accordo Apple utilizzerà sicuramente prodotto 5G di Qualcomm per i propri dispositivi mobile, non fosse altro che per considerazioni di time to market: Qualcomm già ora ha una soluzione pronta per essere implementata mentre Intel ha ancora parecchio lavoro di sviluppo da portare avanti. Non per altro, con un tempismo perfetto, Intel ha annunciato di voler uscire dal mercato dei modem 5G per smartphone mantenendone però lo sviluppo per altre tipologie di dispositivi mobile, PC in testa.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
supertigrotto17 Aprile 2019, 10:32 #1

quasi monopolio?

Mi pare che ormai qualcomm sia diventata pseudomonopolista del mercato mobile,in un certo senso la intel di qualche anno fa nel settore mobile (ikea a parte).
Certo che anche altri produttori hanno pronti i modem 5g ma qualcomm,da quel che ho letto da oggi a mesi indietro,cerca di ostacolare la concorrenza cercando di manipolare i clienti.
recoil17 Aprile 2019, 11:11 #2
penso sia la soluzione migliore per tutti

Qualcomm ha vinto alcune cause contro Apple relative a brevetti, ma è stata pure sanzionata per abuso di posizione dominante (di recente in Corea) quindi la causa che era partita ieri poteva benissimo chiudersi a loro sfavore

penso che Qualcomm se la sia giocata bene, hanno aspettato che Apple avesse bisogno di loro per il modem 5G e li hanno costretti a trovare un accordo
ad Apple va bene perché avrà il miglior modem 5G del mercato in tempo per il 2020, Qualcomm si tiene un cliente importante (e infatti le azioni sono risalite alla grande ieri)
ciò non toglie che Apple appena avrà pronto il suo modem mollerà Qualcomm, ma ci vuole tempo e con l'accordo di ieri possono stare tranquilli e uscire sul mercato quando saranno veramente pronti, inoltre da come è stata riportata la notizia sembra che abbiano un accordo oltre che di fornitura anche di licenze, quindi può darsi che siano a posto dal punto di vista IP quando uscirà il loro modem

Intel ha annunciato ieri che si ritira dal 5G ma non credo sia una conseguenza dell'accordo, piuttosto ne è la causa
Intel a un certo punto ha detto a Apple che non era pronta per il 5G in tempi brevi e probabilmente che non voleva nemmeno investirci pesantemente, Apple è andata da Qualcomm perché aveva poche scelte e Intel ovviamente non può che annunciare la fine del 5G su smartphone dato che non ha più il cliente principale
Mparlav17 Aprile 2019, 11:29 #3
La ricerca dell'accordo da parte di Apple era inevitabile, visto il ritardo d'Intel (ed ora notizia che ha lasciato il settore) e la sostanziale assenza di disponibilità di altri produttori (Samsung pare per livelli di produzione, Huawei più per un fatto "politico".
Qualcomm sta' pagando multe a raffica in molti Paesi, quindi ritengo che si darà una calmata sui brevetti (1 miliardo in Europa ed altrettanto in Cina, per citare i maggiori)

Huawei monta i suoi soc ed il suo modem 5G e la stessa cosa cosa fa' Samsung.
Insieme fanno 1/3 del mercato mondiale degli smartphone, quindi alla fine Qualcomm, se consideriamo i sicuri Apple, Oppo, Xiaomi e Vivo, ha circa il 40% del mercato.
Poi c'è quel 25-30% di mercato diviso tra tanti altri produttori (Sony, LG, Nokia, etc), che all'inizio sulla fascia alta, monteranno il modem Qualcomm, ma potrebbero essere attratti dal modem "ibrido" LTE/5G di Mediatek e non è escluso che quest'ultimo possa rosicchiare un 5-10% del mercato.

Un mercato con Intel come quinto protagonista con Apple, per me, sarebbe stato meglio a livello concorrenziale, ma tutto sommato, non c'è troppo da lamentarsi.
jepessen17 Aprile 2019, 11:53 #4
Originariamente inviato da: supertigrotto
Mi pare che ormai qualcomm sia diventata pseudomonopolista del mercato mobile,in un certo senso la intel di qualche anno fa nel settore mobile (ikea a parte).
Certo che anche altri produttori hanno pronti i modem 5g ma qualcomm,da quel che ho letto da oggi a mesi indietro,cerca di ostacolare la concorrenza cercando di manipolare i clienti.


Sono d'accordo. Il problema principale pero' e' che solo poche multinazionali possono avere le risorse per sviluppare da zero un chip per il modem 5G; ci vogliono enormi investimenti in ricerca e sviluppo. Solamente di licenze di software per la progettazione di chip, per la simulazione numerica, per calcoli matematici e CAD vanno via diversi milioni di euro. Altri milioni di euro (e tanti) per la strumentazione dei laboratori, che costano una cifra e devi averne parecchi perche' di laboratorio non ne hai uno solo... Poi c'e' la parte di realizzazione del chip... Insomma, per una piccola-media impresa e' una spesa improponibile, e se anche Intel si e' tirata indietro...
calabar17 Aprile 2019, 12:04 #5
Originariamente inviato da: recoil
Intel ha annunciato ieri che si ritira dal 5G ma non credo sia una conseguenza dell'accordo, piuttosto ne è la causa

Concordo, questa mi sembra l'ipotesi più plausibile. Evidentemente, con i concorrenti che stanno per far uscire i loro terminali dotati di modem 5G, Apple non vuole rimanere troppo indietro e Intel probabilmente non era ancora in grado di fornire una soluzione adeguata.

Intel comunque si è tirata indietro perchè per lei non è un mercato primario: ci si è buttata perchè ha visto una bella possibilità di espansione entrando in questo mercato, ma evidentemente i costi molto elevati e la perdita di un grosso cliente l'hanno fatta desistere. Questo nuovo mercato si è rivelato cioè meno promettente e più concorrenziale del previsto, niente soldi "facili" e conseguente abbandono.
AlexSwitch17 Aprile 2019, 12:44 #6
Originariamente inviato da: calabar
Concordo, questa mi sembra l'ipotesi più plausibile. Evidentemente, con i concorrenti che stanno per far uscire i loro terminali dotati di modem 5G, Apple non vuole rimanere troppo indietro e Intel probabilmente non era ancora in grado di fornire una soluzione adeguata.

Intel comunque si è tirata indietro perchè per lei non è un mercato primario: ci si è buttata perchè ha visto una bella possibilità di espansione entrando in questo mercato, ma evidentemente i costi molto elevati e la perdita di un grosso cliente l'hanno fatta desistere. Questo nuovo mercato si è rivelato cioè meno promettente e più concorrenziale del previsto, niente soldi "facili" e conseguente abbandono.


Si ma bisogna ricordare che questa guerra è stata voluta da Apple due anni fa, sospendendo unilateralmente il pagamento delle royalties a Qualcomm senza che vi fosse una copertura legale di sospensione da parte di un tribunale o di un organo di controllo.
In definitiva la strategia di Apple che confidava nella sua spallata per portare Qualcomm a più miti consigli è stata un fiasco totale, anche alla luce del fatto di essersi fidata troppo di Intel ( che come ha giustamente scritto considerava il mercato dei modem secondario ) sbandierandola come nuova fornitrice per il 5G.
E la portata del fiasco è scritta tutta nell'articolo: una cifra che Apple dovrà versare a Qualcomm di cui non se ne conosce l'entità ma che sicuramente comprende tutti gli arretrati non versati da Apple con qualche interesse sopra; un accordo in esclusiva pluriennale per la fornitura di modem e tecnologie di connessione, ovvero un bello stop allo sviluppo in casa Apple per il 5G.
Infine lo smacco per Cupertino di presentare alla fine di questo anno un iPhone top di gamma e di prezzo senza 5G, spostandone la presentazione a Settembre 2020.
Un capolavoro targato Tim Cook, da menzionare nella prossima ristampa della sua biografia
recoil17 Aprile 2019, 13:57 #7
Originariamente inviato da: AlexSwitch
E la portata del fiasco è scritta tutta nell'articolo: una cifra che Apple dovrà versare a Qualcomm di cui non se ne conosce l'entità ma che sicuramente comprende tutti gli arretrati non versati da Apple con qualche interesse sopra; un accordo in esclusiva pluriennale per la fornitura di modem e tecnologie di connessione, ovvero un bello stop allo sviluppo in casa Apple per il 5G.
Infine lo smacco per Cupertino di presentare alla fine di questo anno un iPhone top di gamma e di prezzo senza 5G, spostandone la presentazione a Settembre 2020.
Un capolavoro targato Tim Cook, da menzionare nella prossima ristampa della sua biografia


il comunicato dice questo
The companies also have reached a six-year license agreement, effective as of April 1, 2019, including a two-year option to extend, and a multiyear chipset supply agreement.


quindi 6 anni, estendibili a 8, di accordi di licenza e non si sa quanti anni di fornitura chip
quello che ci leggo io è che per "qualche anno" si fanno dare i modem da Qualcomm e che per 6 anni + 2 sono coperti per i brevetti, quindi secondo me il modem Apple va avanti eccome, solo con meno fretta

quanto al 2019 secondo me era già escluso ci fosse un 5G, il problema con Intel era che probabilmente non sarebbero stati pronti nemmeno per il 2020 e considerando che Apple esce nella seconda metà dell'anno non avere 5G sarebbe stato un bello smacco
l'unica decisione possibile era questa e comunque Apple ha sbagliato dall'inizio a mettersi contro Qualcomm senza avere la certezza di trovare un fornitore a pari livello
a parte il 5G i modem Intel erano (sono) inferiori nei modelli che già sono sul mercato, quindi hanno penalizzato gli iPhone per niente

quanto alla cifra pagata in realtà non sa sa, immagino che pagheranno tutti gli arretrati che avevano trattenuto in attesa della causa ma poi chissà che accordo hanno fatto per i prossimi modem, può darsi che paghino di più, ma io credo che pagheranno un po' meno
di solito per trovare un accordo si cede qualcosa, Apple è sicuramente quella che ha ceduto di più ma che rinunci alla causa per condizioni peggiori a 2 anni fa mi pare molto strano, più probabile che per le forniture 2020 e successive abbiano strappato qualcosina di meglio
intanto di avvocati hanno buttato come al solito una marea di soldi per niente, abbiamo proprio sbagliato mestiere
AlexSwitch17 Aprile 2019, 15:00 #8
Originariamente inviato da: recoil
il comunicato dice questo


quindi 6 anni, estendibili a 8, di accordi di licenza e non si sa quanti anni di fornitura chip
quello che ci leggo io è che per "qualche anno" si fanno dare i modem da Qualcomm e che per 6 anni + 2 sono coperti per i brevetti, quindi secondo me il modem Apple va avanti eccome, solo con meno fretta

quanto al 2019 secondo me era già escluso ci fosse un 5G, il problema con Intel era che probabilmente non sarebbero stati pronti nemmeno per il 2020 e considerando che Apple esce nella seconda metà dell'anno non avere 5G sarebbe stato un bello smacco
l'unica decisione possibile era questa e comunque Apple ha sbagliato dall'inizio a mettersi contro Qualcomm senza avere la certezza di trovare un fornitore a pari livello
a parte il 5G i modem Intel erano (sono) inferiori nei modelli che già sono sul mercato, quindi hanno penalizzato gli iPhone per niente

quanto alla cifra pagata in realtà non sa sa, immagino che pagheranno tutti gli arretrati che avevano trattenuto in attesa della causa ma poi chissà che accordo hanno fatto per i prossimi modem, può darsi che paghino di più, ma io credo che pagheranno un po' meno
di solito per trovare un accordo si cede qualcosa, Apple è sicuramente quella che ha ceduto di più ma che rinunci alla causa per condizioni peggiori a 2 anni fa mi pare molto strano, più probabile che per le forniture 2020 e successive abbiano strappato qualcosina di meglio
intanto di avvocati hanno buttato come al solito una marea di soldi per niente, abbiamo proprio sbagliato mestiere


Apple ha sbagliato a sospendere il pagamento delle royalties durante l'iter della causa... Io denuncio il tuo comportamento da me ( e non solo ) ritenuto scorretto, però osservo il diritto pattizio e continuo a pagarti per non cadere nel torto. Così si doveva comportare Apple, invece ha preferito prendere un profilo arrogante senza avere le spalle coperte sia legalmente che strategicamente.
Mparlav17 Aprile 2019, 17:54 #9
Apple dovrà versare parecchio per chiudere l'accordo con Qualcomm: sarà difficile scoprirne i dettagli, ma se quest'ultima, nel giro di 2 giorni, è passata dal quotare 58 agli attuali 78, deve essergli andata bene
oatmeal17 Aprile 2019, 18:40 #10
Hanno giocato a fare i duri ma poi come i bambini hanno detto...facciamo che non è successo nulla.
Rischiavano di farsi parecchio male entrambe e lo sapevano, quindi le trattative sono cominciate almeno da dicembre...almeno. Apple ha giocato malissimo le sue carte. Qualcomm, che di certo santa non è, non voleva perdere una commessa così importante ma soprattutto rischiava seriamente di pagare miliardi di dollari tra qualche anno perché di certo la causa cominciata ieri non poteva risolversi in relativo poco tempo.
Poi sugli accordi e sulle cifre possiamo fare tutte le illazioni del caso ma era l’unica via realistica

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^