Thecus N4310, NAS a 4 dischi per la piccola azienda

Thecus N4310, NAS a 4 dischi per la piccola azienda

Con Thecus N4310 è possibile centralizzare la memorizzazione di documenti e backup potendo anche beneficiare della sicurezza offerta dall'utilizzo di quattro dischi configurati in RAID. Adatto all'ambiente SOHO ma anche fra le mura domestiche

di pubblicata il , alle 12:06 nel canale Storage
Thecus
 

L'importanza di tenere i propri dati al sicuro emerge in maniera molto chiara e drammatica quando, per un motivo o per l'altro... è troppo tardi. Spesso il responsabile è l'hard disk che si danneggia, ma sono innumerevoli i motivi per cui qualcosa può andare storto non per ultimo il furto del portatile, una caduta accidentale o il rovesciamento accidentale di liquidi sui nostri dispositivi. Se fino a qualche anno fa bastava un CD o un hard disk esterno non troppo capiente per dormire sonni più o meno tranquilli, avendo appunto fatto una copia preventiva dei dati più importanti, oggi il problema si rivela ben più difficile da affrontare.

Insomma, fare backup è davvero importante. Le aziende lo fanno da sempre, forti di infrastrutture dedicate e una legislazione che di fatto obbliga a tenere certi documenti per un tot di anni, ma anche le piccole aziende e l'ambito casalingo sono sempre più interessate al problema. La grande mole di dati che oggi creiamo con i nostri software di produttività personale o con file multimediali, spesso creati con le fotocamere/videocamere, fanno assumere al fenomeno dimensioni misurabili in centinaia di GB se non di qualche Terabyte. Una chiavetta USB non basta certo, così come uno o più DVD. Un hard disk esterno sì, in molti casi può bastare, ma se si danneggia?

Per chi vuol dormire sonni veramente tranquilli (a meno di calamità naturali o eventi assolutamente eccezionali), adottare un NAS rappresenta la soluzione migliore: non solo può accentrare i dati provenienti da diversi dispositivi, ma permette di adottare più dischi e fornire la certezza che anche nel caso si danneggi uno dei dischi (a volte anche più di uno, a seconda della catena RAID scelta), i dati saranno comunque in salvo.

Thecus N4310 è una delle opzioni che ben si colloca in uno scenario casalingo o da piccola impresa, caratterizzato dalle buone caratteristiche e dal prezzo abbordabile. Thecus sceglie una colorazione nera e un design pensato per mantenere contenuti gli ingombri, senza per questo rinunciare a tutte le funzionalità che contraddistinguono i NAS a più unità, in questo caso quattro.

Lo chassis metallico ha una forma a parallelepipedo con i due spigoli superiori smussati. Sul pannello frontale è visibile sulla destra una fila di LED bianchi e blu che offrono indicazioni relative al funzionamento del dispositivo; sotto questi elementi è presente il tasto Power e un comando dedicato alla copia su NAS dei contenuti presenti su un dispositivo USB collegato; questa funzionalità risulta utile per trasferire archivi o effettuare operazioni di copia senza PC. Oltre a questo serve anche per aggiornare il firmware e il sistema operativo.

Il Thecus N4310 è in grado di accogliere fino a 4 hard disk da 3,5 pollici dotati di interfaccia SATA; i dischi vengono montati su cassettini estraibili e sfruttando la funzionalità hot-swap possono essere sostituiti anche a dispositivo avviato. Il montaggio dei dischi avviene inserendoli negli appositi cassettini, ai quali vanno fissati con due viti ciascuno.

La parte posteriore ospita due porte USB 3.0, una ethernet Gigabit, il tasto di Reset e una griglia di ampie dimensioni sotto cui si trova la ventola per il raffreddamento dell'unità. Thecus N4310 supporta l'alimentazione ridondata: sono disponibili due connettori per il collegamento degli alimentatori, sebbene nella confezione ne sia presente solo uno (che ovviamente basta e avanza per utilizzare il NAS).

Dal pannello di controllo si può tenere d'occhio lo stato di funzionamento degli alimentatori, con margini di personalizzazione. Inoltre, per evitare il furto del NAS o rendere l'operazione quantomeno più difficile, troviamo integrato il  Kensington lock. Il funzionamento di Thecus N4310 si basa su una distribuzione Linux ottimizzata e personalizzata dal produttore, mentre sul fronte hardware troviamo integrati nel prodotto un SoC AMCC APM86491RDK (singolo core) operante alla frequenza di 1GHz, abbinato a 1GB di memoria DDR3.

Thecus ha previsto per il modello N4310 la possibilità di configurare gli hard disk in modalità  RAID 0, 1, 5, 6, 10 o JBOD e può anche essere impostata la protezione crittografica dei dati sfruttando l'algoritmo AES a 128bit. N4310 viene fornito con il software Intelligent NAS che si rivela molto utile per effettuare la prima installazione e l'inizializzazione dei dischi. Qui di seguito una sintesi delle caratteristiche principali.

Avviando Intelligent NAS su un PC e dopo aver connesso alla LAN il dispositivo verrà effettuata una scansione utile a identificare gli eventuali prodotti Thecus accessibili. L'interfaccia grafica è localizzata in lingua italiana (con ancora qualche problema di traduzione), avente come punto di forza la semplicità.

Lo step successivo prevede la scelta del tipo di catena RAID da creare e la successiva inizializzazione dei dischi. Al termine di queste fasi Intelligent NAS aprirà il pannello di controllo sfruttando una sessione del browser Web presente sul PC.

Il pannello di controllo è molto articolato ma interamente gestito da elementi grafici e icone intuitive che ne facilitano quindi le impostazioni. Oltre agli strumenti di monitoraggio dello stato del NAS e di registrazione di eventuali anomalie sono disponibili parecchie opzioni utili nell'ambito di piccole imprese: l'amministratore tramite il pannello di controllo potrà creare specifici profili utente per i dipendenti, assegnando anche privilegi o quote di disco differenti. Sarà anche possibile definire gruppi di utenti con la possibilità di gestire le impostazioni e personalizzazioni a livello di gruppo.

Sul Thecus N4310 potrà anche essere configurato un server FTP, oppure una risorsa NFS o SMB sfruttabile dai dispositivi client connessi in LAN. Inoltre, per la gestione di vari gruppi di lavoro sono impostabili anche cartelle e risorse condivise tra gli utenti. Qualora Thecus N4310 venga sfruttato per l'esecuzione di backup programmati sarà utile la funzionalità Wake on Lan che ne permette l'attivazione sfruttando un comando inviato al dispositivo via rete ethernet. Thecus ha previsto anche la possibilità di accedere al NAS da remoto sfruttando le applicazioni mobile T-Dashboard e T-OnTheGo, disponibili per smartphone iOS/Android. Da segnalare anche PLEX, una soluzione software che permette di sfruttare il Thecus N4310 anche per la gestione e condivisione di contenuti multimediali in modo centralizzato. Prezzo? Circa 275,00 Euro.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

3 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Wonder29 Gennaio 2015, 14:36 #1
Lento, va bene per chi ha poche esigenze e vuol spendere poco. Con pochissimo di più si passa a Synology o QNAP che è tutta un'altra musica
Evanghelion00129 Gennaio 2015, 15:48 #2
1GHz single core per Plex Server? Credo che (al massimo) possa supportare 640x480
Niente VPN.
275 Euro.

Mi chiedo come possano presentarlo, dico davvero!
benderchetioffender29 Gennaio 2015, 17:31 #3
me ne sto costruendo uno con un athlon5350... spendo meno e gli dà la polvere a 'sto coso

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^