RunCore InVincible, SSD con il tasto di autodistruzione fisica

RunCore InVincible, SSD con il tasto di autodistruzione fisica

Soluzione sicuramente originale ma meno bizzarra di quanto possa sembrare, quella di RunCore Invincible: ecco un SSD che, in nome della sicurezza, mette a disposizione un pulsante per la distruzione fisica dei chip memoria

di pubblicata il , alle 09:27 nel canale Storage
 

RunCore, azienda cinese attiva nel settore degli SSD, fa parlare di sé, in questi giorni, per la realizzazione di un nuovo prodotto che va sotto il nome di InVincible Solid State Drive. Prima di cadere in una facile generalizzazione legata alle "cineserie", va detto che RunCore è specializzata nella realizzazione di prodotti pensati per il mondo aerospaziale, militare e industriale, ovvero dispositivi che mettono al primo posto la sicurezza e la resistenza delle unità, ben prima delle prestazioni.

Queste, infatti, non sono certe al top nel modello InVincible: interfaccia Serial ATA II, letture da 240MB/s e scritture da 140MB/s sono caratteristiche da SSD di qualche anno fa, che non attirano certo l'interesse dell'utente alla ricerca delle prestazioni massime. Sono però altre le armi che mette a disposizione RunCore InVincible, fra cui la possibilità di operare in sicurezza da -45°C a +95°C, ma soprattutto una soluzione molto originale per la cancellazione immediata e definitiva dei dati contenuti.

Il disco prevede infatti due metodi di cancellazione dei dati attraverso un pulsante esterno. La prima riporta in pochi secondi il disco alle condizioni di fabbrica, cancellando interamente tutto il contenuto. Un sistema sicuro, certo, ma non al 100%. Altrettanto non si può dire del secondo metodo. Chi ha visto Mission Impossible avrà già capito. Sempre con lo stesso pulsante, operando in maniera differente, sarà possibile inviare un sovraccarico di corrente ai chip NAND Flash, causandone la distruzione fisica.

Nel filmato riportato è possibile notare la fumata bianca (a 2:08 inizia la parte sull'autodistruzione fisica), mentre successivamente si può osservare lo stato dei chip in seguito all'operazione di autodistruzione. Soluzione drastica, ma che in alcuni ambiti (pensiamo in ambito bellico quando vi è necessità di abbandonare ogni cosa in tutta fretta) può essere l'unico modo per mettere al sicuro i propri dati.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
massidifi18 Maggio 2012, 09:34 #1
Una domanda... La distruzione dei chip avviene tramite il sovradosaggio di corrente???... se si in questo caso questo "effetto" puo essere riprodotto anche in altri dispositivi?... se anche in questo caso la risposta è si c'è la possibilità che un "programmatore" riesca a trovare il modo per far "bruciare" i dischi di "tutto" il mondo in remoto?
frankie18 Maggio 2012, 09:44 #2
No, penso che serva una circuiteria (ad es con condensatori) apponsita.
Mith8918 Maggio 2012, 09:47 #3
ma quanto è in bilico il pc!
ally18 Maggio 2012, 09:49 #4
Originariamente inviato da: frankie
No, penso che serva una circuiteria (ad es con condensatori) apponsita.


...nessun condensatore...sospetto mandi semplicemente una sovratensione ai moduli...la sezione di alimentazione sarà strutturata per poter avere una doppia alimentazione in uscita : standard e +x% sufficiente a bruciare i componenti...
Mr Chuck18 Maggio 2012, 09:51 #5
Insomma ideale per tenerci gli affari loschi dell'azienda
deggial18 Maggio 2012, 09:58 #6
Alla facciazza di finanza, polizia, leggi antimafia, e simili
cptfisher18 Maggio 2012, 09:59 #7
be ... a me sembra una cosa inutile.... nello stesso tempo i cui i "SIGNORI" sdraiati nel video a 1:01 premono il pulsante potrebbero dare una bella smitragliata direttamente al hw ... oppure prima di assemblare il pc ci si piazza dentro una carica esplosiva a distanza cosi si che poi quando si preme il bottone rosso bisogna stare lontano "Phisical Destruction"... non mi sembra molto innovativo ...
Clasys55518 Maggio 2012, 10:00 #8
insomma tutto pur di coprire le nefandezze cmq ce sempre un modo per poter usufruire di informazioni delicate direttamente o indirettamente....quindi lo vedo abbastanza vano come metodo.....
misertaas18 Maggio 2012, 10:05 #9
cptfisher credo che se lo buchi e basta le nand non danneggiate possono essere recuperate
probabilmente anche la nand con il buco asd
Dave8318 Maggio 2012, 10:06 #10
Originariamente inviato da: Mith89
ma quanto è in bilico il pc!


Che cavolo vuol dire quanto è in bilico il PC!?

Originariamente inviato da: cptfisher
be ... a me sembra una cosa inutile.... nello stesso tempo i cui i "SIGNORI" sdraiati nel video a 1:01 premono il pulsante potrebbero dare una bella smitragliata direttamente al hw ... oppure prima di assemblare il pc ci si piazza dentro una carica esplosiva a distanza cosi si che poi quando si preme il bottone rosso bisogna stare lontano "Phisical Destruction"... non mi sembra molto innovativo ...


Sì ma non è detto che la carica esplosiva distrugga il chip che contiene i dati

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^