Produzione hard disk ripristinata all'80% entro i primi tre mesi del 2012

Produzione hard disk ripristinata all'80% entro i primi tre mesi del 2012

Giungono in questi giorni alcuni aggiornamenti sulla produzione globale di hard disk, che dovrebbe essere ripristinata dell'80% nei primi tre mesi del 2012

di pubblicata il , alle 08:11 nel canale Storage
 

Le problematiche legate alla fornitura hard disk, in seguito alle alluvioni di fine 2011 in Thailandia, hanno influenzato e non poco l'andamento del mercato IT nel suo complesso. Si parla molto di ripresa della produzione di dischi rigidi, con aggiornamenti molto frequenti, proprio perché il problema ha avuto conseguenze significative, che non si vede l'ora di risolvere.

Molti produttori di PC, ad esempio, hanno fatto segnare un calo nelle vendite nell'ultima parte dell'anno passato, quella solitamente più redditizia, in quanto sprovviste di adeguate forniture di dischi rigidi e non potendo certo contare su soluzioni alternative economiche, leggi SSD, pena salire troppo con i prezzi all'utente finale.

Digitimes, a questo indirizzo, ci fornisce gli ultimi aggiornamenti sulla situazione. Per la fine del primo trimestre 2013, ovvero alla fine di marzo, sembra che la produzione mondiale di hard disk sarà ripristinata fino all'80% del suo potenziale a regime pieno, portando ottimismo nel settore. A fare da traino alle vendite sono state le unità di Hitachi Global Storage Technologies e Seagate Technology, ovvero le due aziende meno coinvolte nei problemi causati dalle alluvioni.

Più in difficoltà invece Toshiba e Western Digital, realtà che hanno pagato il prezzo più alto in termini di danni alle linee produttive. Rimane in ogni caso lontano il risultato ottenuto nel terzo trimestre 2011 (ovvero l'ultimo senza conseguenze dirette dovute alle alluvioni), che parla di 175 milioni di unità vendute. Per capire l'entità del problema, nel quarto trimestre del 2011 le unità vendute sono state solo 125 milioni. Gli analisti prevedono però che già alla fine del trimestre in corso vi sarà un forte segnale di ripresa, con stime di vendita per il secondo trimestre del 2012 di circa 160 milioni di unità.

A margine di questa notizia positiva, però, rimane viva una delle conseguenze dirette delle problematiche legate alle alluvioni, ovvero i prezzi delle unità disco. La fonte segnala infatti che si potranno registrare prezzi superiori del 30-40% rispetto all'anno passato ancora a fine 2012, ovviamente in termini di prezzo per GB. I costi per riparare i danni, insomma, si faranno sentire nelle tasche degli OEM, e di conseguenza in quelle degli utenti finali.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

65 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
love80x27 Febbraio 2012, 08:47 #1
si vabbè..... ci marciano sempre e ci rimettiamo sempre e solo noi....
Paganetor27 Febbraio 2012, 08:47 #2
Ora vediamo quanto impiegheranno a tornare ai prezzi pre-alluvione... io non sono ottimista
Legionarius27 Febbraio 2012, 08:53 #3
Cito da: http://www.digitimes.com/news/a20120223PD223.html
"The global production capacity of hard disk drives (HDDs) will increase to 140-145 million units, about 80% of the level before flooding hit Thailand in late 2011, in the first quarter of 2012, according to industry sources."
Voi avete scritto: "Digitimes, a questo indirizzo, ci fornisce gli ultimi aggiornamenti sulla situazione. Per la fine del primo trimestre 2013".
Correggete di un anno.
mnovait27 Febbraio 2012, 08:54 #4
Originariamente inviato da: Legionarius
Cito da: http://www.digitimes.com/news/a20120223PD223.html
"The global production capacity of hard disk drives (HDDs) will increase to 140-145 million units, about 80% of the level before flooding hit Thailand in late 2011, in the first quarter of 2012, according to industry sources."
Voi avete scritto: "Digitimes, a questo indirizzo, ci fornisce gli ultimi aggiornamenti sulla situazione. Per la fine del primo trimestre 2013".
Correggete di un anno.

urca!
abbiamo mangiato pane e acidità questa mattina?
Legionarius27 Febbraio 2012, 09:03 #5
Originariamente inviato da: mnovait
urca!
abbiamo mangiato pane e acidità questa mattina?


Mi sento scossa,
agitata,
agitata a,
un po' nervosa.
.....
Acida come,
di più non si può,
di più non si può,
come un acido


Scherzi a parte volevo solo correggere una disattenzione senza vena polemica.
Comunque sempre da http://www.digitimes.com/news/a20120223PD223.html: " Global HDD output is expected to increase to 160 million units in the second quarter of 2012 and further to the original level before the flooding in the third quarter, the sources added."
Quindi almeno per il "third quarter" come volumi di produzione dovremmo tornare ad un livello accettabile. Comunque la situazione sta migliorando, anche se i livelli di prezzo antecedenti alla inondazione ce li scordiamo.
tmx27 Febbraio 2012, 09:21 #6
vorrà dire che butterò il 30-40% delle cavolate che ho sul PC per compensare.

scherzi a parte - con la chiusura di megavideo (e i suoi fratelli) si dovrebbe tornare a stipare tonnellate di roba negli HD - alluvione a parte mettiamoci anche che i produttori non vogliono perdere questo ricco ricco treno... che ne dite? (icona fagiana)
gd350turbo27 Febbraio 2012, 09:32 #7
Secondo me il 2013 non era sbagliata come indicazione...
Prima di ritrovare un hard disk 2 TB a 50/60 euro, passerà tantissimo tempo, non penso prima della primavera - estate 2013 !
in quanto prima di abbassare un pochino i prezzi, aspetteranno il più possibile !
gigablaster8327 Febbraio 2012, 10:00 #8
Vogliono tenere i prezzi alti? Allora peggio per loro! Per esempio, dovevo prendere un nuovo HD, ma fino a quando ci saranno quei prezzi pazzi, io, e così credo tante altre persone, un HD non lo prenderemo mai. Poi però non venissero a piangere perché gli HD non li vendono...
rb120527 Febbraio 2012, 10:04 #9
Originariamente inviato da: love80x
si vabbè..... ci marciano sempre e ci rimettiamo sempre e solo noi....


Basta vedere le stime di vendita di HD e computer e relativi previsioni di bilancio per vedere come ci marciano...

Gli unici che hanno guadagnato da questa cosa sono i (pochi) produttori di HD non interessati dal fenomeno e i rivenditori/assemblatori che avevano grosse scorte in magazzino. Per tutti gli altri è stata una perdita.
calabar27 Febbraio 2012, 10:10 #10
@gd350turbo
Secondo me quei livelli di prezzo non torneranno proprio. I produttori di hard disk hanno capito che possono vendere a prezzi più alti guadagnandoci di più.
Questo non significa che prima o poi non avremo il rapporto euro/GB di prima, magari troverano i dischi da 4TB a 100 euro o poco più, ma difficilmente il miglior rapporto prezzo/dimensione tornerà a piazzarsi sui 50-60 euro.

@gigablaster83
Purtroppo il calo di produzione ha creato una sproporzione tra domanda e offerta.
Per quanto quelli come noi che evitano ora di comprare un disco possano far parzialmente calare la domanda, il calo dell'offerta è più consistente e quindi loro venderanno comunque tutto quello che producono.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^