Prime memorie NAND Flash a 4 bit per cella

Prime memorie NAND Flash a 4 bit per cella

Le ha introdotte sul mercato SanDisk con tagli da 8 e 16 GB

di pubblicata il , alle 09:48 nel canale Storage
Sandisk
 

SanDisk ha raggiunto un nuovo traguardo tecnico immettendo sul mercato le prime memorie NAND Flash realizzate con chip di memoria a 4 bit per cella. Le precedenti generazioni di memorie Flash, attualmente disponibili sul mercato, sono generalmente prodotte impiegando chip da uno a tre bit per cella.

Grazie alle nuove memorie, realizzate con processo a 43 nanometri, è possibile disporre di ben 64 gigabit su singolo chip, il che rende possibile la realizzazione di memorie da 16 GB con due chip presenti su una singola scheda. Le rinnovate capacità di miniaturizzazione daranno in futuro la possibilità di disporre di memorie Flash da 64 GB e anche più capienti.

La nuova tecnologia, inoltre, potrebbe avere implicazioni nella produzione di dispositivi di storage a stato solido e di altri dispositivi che si poggiano sulle soluzioni di memoria di tipo multi-level cell. Rispetto ad una memoria con celle a singolo bit, infatti, in questo modo si ottiene una capacità di storage nettamente superiore a parità di ingombri.

Per il momento non sono noti i prezzi al pubblico delle nuove soluzioni, ma è verosimile supporre che i nuovi prodotti vengano proposti ad un livello comparabile alle attuali soluzioni, ovvero di 45-89 dollari per le schede in formato SDHC e di 66 e 112 dollari in formato Memory Stick Pro Duo, a seconda della capienza di 8GB o 16GB.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

15 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
g.luca86x14 Ottobre 2009, 09:53 #1
1) ma quanti processi produttivi diversi usano per fare le meomrie? 43 nm?

2) 45$ per una sdhc da 8GB? ma se le vendono dappertutto a meno di 20€...
Ratatosk14 Ottobre 2009, 09:59 #2
Originariamente inviato da: g.luca86x
1) ma quanti processi produttivi diversi usano per fare le meomrie? 43 nm?


Le memorie sono particolarmente facili da produrre, quindi per una fab che sia concentrata unicamente su queste è relativamente semplice ridurre le dimensioni molto spesso per ottenere vantaggi in termini di costi strettamente produttivi.

Una GPU per esempio è molto più complicata e si va avanti a mezzi nodi.

La progettazione delle CPU sui processi è ancora più un'apocalisse, infatti evolvono a nodi "interi"
que va je faire14 Ottobre 2009, 11:30 #3
non ho capito se il bit in più comporterà anche un incremento delle volocità
gas7814 Ottobre 2009, 11:47 #4
Originariamente inviato da: que va je faire
non ho capito se il bit in più comporterà anche un incremento delle volocità


IMHO il bit in piu' portera' maggiore lentezza(o comunque maggiore complessita'): per scrivere un singolo bit dovranno essere riscritti e verificati tutti e 4. Non a caso le celle piu' veloci sono le SLC.
R.Raskolnikov14 Ottobre 2009, 12:03 #5
Originariamente inviato da: g.luca86x
45$ per una sdhc da 8GB? ma se le vendono dappertutto a meno di 20€...

Non è verissimo...magari 20 euro per quelle scarse, ma per quelle veloci di ultimissima generazione il prezzo è maggiore.
Forse quelle scarse le trovi anche a di meno di 20 euro.
Darmur14 Ottobre 2009, 12:13 #6
il link nella notizia da pagina non trovata
JackZR14 Ottobre 2009, 13:54 #7
Avendo un bit in più per cella le prestazioni dovrebbero essere leggermente inferiori a favore di una maggiore capacità della memoria, cmq con l'avvento dell'USB 3.0 spero che in qualche maniera anche le prestazioni delle memorie cambieranno rispetto le attuali.
ilratman14 Ottobre 2009, 14:46 #8
Originariamente inviato da: gas78
IMHO il bit in piu' portera' maggiore lentezza(o comunque maggiore complessita'): per scrivere un singolo bit dovranno essere riscritti e verificati tutti e 4. Non a caso le celle piu' veloci sono le SLC.


la velocita' ho scrittura sara' 4 volte inferiore a cella piena ma negli ssd con il garbage collection o altri sistemi non sara' un grosso problema. L'importante e' che si abbassino i prezzi.
CronoX14 Ottobre 2009, 22:29 #9
le sdhc da 8gb classe 6 transcend si trovano a meno di 20 euro sulla baia da negozi uk,comprese spedizioni
Baboo8515 Ottobre 2009, 23:38 #10
Originariamente inviato da: que va je faire
non ho capito se il bit in più comporterà anche un incremento delle volocità


Come gia' detto un bit in piu' aumenta la capacita' e diminuisce la velocita'. Ma tutto gira intorno al controller, metti un chip JMicron (scusate e' l'odio) o un altro cinese su un Intel X25-M e le prestazioni vanno a cozze...

La cosa pero' piu' importante e' questa: nuova tecnologia (+1bit a cella), nuovi dischi piu' capaci a parita' di dimensioni ma soprattutto i vecchi dischi a 1-2-3 bit diventeranno vecchia tecnologia e sara' venduta a prezzo ribassato

O almeno cosi' si spera... Io un SSD con un transfer rate 150 (lettura) / 100 (scrittura) MB/s da 128GB a 50 euro non lo disprezzerei mica anzi...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^