Pioneer sviluppa disco ottico a 16 strati da 400GB

Pioneer sviluppa disco ottico a 16 strati da 400GB

Pioneer ha annunciato di aver realizzato un disco in grado di mettere a disposizione ben 400GB di spazio di storage grazie all'impiego di 16 strati da 25GB l'uno

di pubblicata il , alle 12:18 nel canale Storage
 

Pioneer Corporation ha annunciato di aver portato a termine con successo lo sviluppo di un disco ottico di sola lettura a sedici strati, per una capacità di storage complessiva di 400GB. Ogni strato, pertanto, ha una capacità di 25GB, ovvero la stessa di un normale disco Blu-Ray attualmente in commercio.

Il problema principale da risolvere nella costruzione di dischi ottici multi-strato è rappresentato dalla difficoltà di poter ottenere segnali puliti da ogni strato di registrazione per via dei fenomeni di crosstalk degli strati contigui tra loro.

Pioneer afferma, senza troppo approfondire, di aver utilizzato una tecnologia produttiva sviluppata per i supporti DVD e di aver utilizzato una particolare struttura del disco che permette di ridurre i fenomeni di crosstalk tra strati adiacenti. In questo modo è stato possibile realizzare un disco ottico che restituisse segnali privi di disturbi per ogni livello.


Traccia ottica dei segnali ottenuti ai vari livelli

Secondo quanto si apprende, Pioneer avrebbe realizzato anche un dispostivo di lettura appositamente ottimizzato per questo tipo di supporti ottici utilizzando componenti in grado di compensare le aberrazioni sferiche e ricevitori ottici dall'elevato rapporto segnale/rumore. Pioneer afferma comunque che il nuovo disco dovrebbe poter mantenere la retrocompatibilità con gli attuali dispositivi Blu-Ray presenti sul mercato.

Il passo successivo è ora rappresentato dall'applicazione di questa nuova tecnologia produttiva alla realizzazione di supporti ottici registrabili dalle medesime caratteristiche. Pioneer illustrerà i dettagli delle nuove tecniche di produzione in occasione dell'International Symposium on Optical Memory and Optical Data Storage 2008, che si terrà alle Hawaii a partire dal prossimo 13 Luglio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

69 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paolo7807 Luglio 2008, 12:22 #1
"il nuovo disco dovrebbe poter mantenere la retrocompatibilità con gli attuali dispositivi Blu-Ray " ????

Non capisco il significato, sfrutta lo stesso laser e frequenza del blu-ray????

Altrimenti è un nuovo formato!!
bjt207 Luglio 2008, 12:22 #2
Ommadonna...
backup molto più a portata di mano...
E la SIAE si frega le mani (se su un DVD sono 85 cent... Su questo supporto sono circa 80 euro di tassa SIAE... )
bjt207 Luglio 2008, 12:22 #3
25 GB per strato, lo stesso del Blu Ray... Perciò credo di si...
DanieleG07 Luglio 2008, 12:24 #4
E se lo bruci?
Immagino già le bestemmie
Lud von Pipper07 Luglio 2008, 12:25 #5
Finalmente un supporto che abbia senso. con l'andazzo dei Blue Ray e Soci ci si sarebbe aspettati un nuovo supporto da Max 80Gb nei prossimi dieci anni
domyre07 Luglio 2008, 12:28 #6
immaginate quanto tempo per masterizzare 400gb. poi se costerà + di 60€ nn conviene, uno si prende direttamente un hd esterno da 500gb e nn se ne parla +
Paganetor07 Luglio 2008, 12:35 #7
la siae si attacca al cavolo, basta comprare in Europa e il furto che si sono inventati viene eliminato (legalmente, tra l'altro...)

per il resto, credo che questi nuovi formati siano interessanto ma ci metteranno un casino di tempo a imporsi...
tommy78107 Luglio 2008, 12:36 #8
avere un supporto ottico con così elevata capacità di registrazione è tanto inutile quanto assurdo, troppo fragili, soggetti ad usura e sensibili al calore per avere un utilizzo serio in ambito beckup, molto meglio i nastri. per l'ambito casalingo non parliamone poi, ancora oggi la maggior parte delle persone salva sui normali cd ed i dvd vengono usati quasi esclusivamente per i film, è gia assurdo salvare 4 giga di dati su un solo supporto ottico per i rischi di perdita, figuriamoci se fossero di più.
LkMsWb07 Luglio 2008, 12:38 #9
Nell'articolo si specifica che il supporto è di sola lettura, difficile quindi pensare che la SIAE faccia pagare la tassa sui supporti vergini e di masterizzare 400GB.

È scritto proprio all'inizio:

"...lo sviluppo di un disco ottico di sola lettura..."
LDP07 Luglio 2008, 12:38 #10
16 strati da 400GB !!!!!! Stupefacente !!!!!!!
Peccato che non danno qualche informazione anche approssimativa sui costi di produzione

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^