Nuova serie di SSD AMD Radeon R3, pensati per offrire buone prestazioni a basso prezzo

Nuova serie di SSD AMD Radeon R3, pensati per offrire buone prestazioni a basso prezzo

Anche AMD allarga la propria gamma di SSD (dopo la serie R7) offrendo soluzioni "value", ovvero a basso costo. La nuova serie prende il nome di AMD Radeon R3 e sarà disponibile nei tagli di 120GB, 240GB, 480GB e 960GB

di pubblicata il , alle 12:31 nel canale Storage
AMD
 

Da qualche tempo stiamo assistendo alla presentazione di SSD economici da parte di molte aziende, prime fra tutte quelle che rivestono un ruolo di primo piano in questo settore. Il mercato consumer, quindi, è attualmente differenziato in modelli "value", di primo prezzo, e "enthusiast", con caratteristiche tecniche che risultano superiori sulla carta e spesso qualche funzionalità in più, come ad esempio la cifratura dati o un controller più evoluto.

I grossi volumi di vendite si fanno coi modelli value, e se a questo aggiungiamo che il prezzo delle memorie e della componentistica in generale degli SSD è in continua discesa, appare chiaro come tutto questo sia vista come un'ottima opportunità di business; non dai grossi margini, ma dai grandi volumi.

Anche AMD sceglie di affiancare alla propria proposta enthusiast Radeon R7 (la prova qui) una nuova serie, che va sotto il nome di Radeon R3. Se AMD Radeon R7 era di fatto un modello OCZ rimarchiato e leggermente "pompato", sulla nuova serie non si sa ancora molto. Diverse fonti ci vedono sempre lo zampino di OCZ, ma ci rimane qualche dubbio poiché il controller dichiarato da AMD non viene utilizzato nei recenti modelli OCZ. Lasciamo in ogni caso ogni parere a riguardo in sospeso.

Passiamo quindi alle caratteristiche tecniche. I modelli vantano capienze di 120GB, 240GB, 480GB e 960GB, con form factor 2,5 pollici slim 7mm e interfaccia SATA6Gbps. Le prestazioni sono bene o male le solite per questo settore e questa fascia di prezzo: letture intorno ai 520MB/s e scritture che vanno da 360MB/s a 450MB/s, a seconda della capienza (maggiore la capienza, maggiori le prestazioni in scrittura).

I chip sono dei non meglio precisati TLC Nand (probabilmente a 15nm), mentre il controller utilizzato è il Silicon Motion SM2256KX. La garanzia è di tre anni, mentre i prezzi riportati da Techpowerup sono interessanti già all'atto della presentazione: US $40,99, $69,99, e $136,99 rispettivamente per il 120GB, 240GB e 480GB, mentre non ancora annunciata la cifra necessaria all'acquisto del 960GB.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

26 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
LordPBA04 Maggio 2016, 13:43 #1
ottimo! spero un buon prezzo nel 960gb
emanuele8304 Maggio 2016, 13:51 #2
secondo me hanno un buon mercato per notebook da fare resuscitare con ancora il sata 2 che non satura la banda massima teorica di questi dispositivi. Specialmente se il 960 Gb sta sotto i 250dolla.

Sarebbe bello vedere i valori di MTBF
Cloud7604 Maggio 2016, 14:47 #3
Originariamente inviato da: emanuele83
secondo me hanno un buon mercato per notebook da fare resuscitare con ancora il sata 2 che non satura la banda massima teorica di questi dispositivi.


In che senso? Il sata 2 fa da collo di bottiglia a questi dispositivi, sono quasi al limite del sata 3 come prestazioni (sui 530 Mb/s).
Comunque andrebbero lo stesso è, anche io sono su sata 2 e ssd ma la differenza è comunque abissale con un HDD.
emanuele8304 Maggio 2016, 15:28 #4
Originariamente inviato da: Cloud76
In che senso? Il sata 2 fa da collo di bottiglia a questi dispositivi, sono quasi al limite del sata 3 come prestazioni (sui 530 Mb/s).
Comunque andrebbero lo stesso è, anche io sono su sata 2 e ssd ma la differenza è comunque abissale con un HDD.


anche io ho un samsung 840 su sata 2, ma appunto se questi costano meno con minori prestazioni ma che cmq saturano la banda sata 2 non vedo perché qualcuno dovrebbe spendere più soldi per avere le stesse prestazioni limitate dal sata2.
LucaLindholm04 Maggio 2016, 15:41 #5
Originariamente inviato da: Cloud76
In che senso? Il sata 2 fa da collo di bottiglia a questi dispositivi, sono quasi al limite del sata 3 come prestazioni (sui 530 Mb/s).
Comunque andrebbero lo stesso è, anche io sono su sata 2 e ssd ma la differenza è comunque abissale con un HDD.


Originariamente inviato da: emanuele83
anche io ho un samsung 840 su sata 2, ma appunto se questi costano meno con minori prestazioni ma che cmq saturano la banda sata 2 non vedo perché qualcuno dovrebbe spendere più soldi per avere le stesse prestazioni limitate dal sata2.



Azz... e io che credevo di essere l'unico ad aver fatto la follia di collegare un SSD (un bel Samsung 850 Pro, per giunta) a un Sata 2!
JohanCruyff04 Maggio 2016, 15:47 #6
Originariamente inviato da: LucaLindholm
Azz... e io che credevo di essere l'unico ad aver fatto la follia di collegare un SSD (un bel Samsung 850 Pro, per giunta) a un Sata 2!


Ha senso perché quando ti stufi del portatile (magari perché ne vuoi uno con uno schermo più piccolo o più grande o Full HD o con un i7 a 18 cores) puoi riciclare il tuo 850 PRO nella nuova macchina (tanto, prima di 30 anni non lo "consumi".
Bivvoz04 Maggio 2016, 15:48 #7
Originariamente inviato da: LucaLindholm
Azz... e io che credevo di essere l'unico ad aver fatto la follia di collegare un SSD (un bel Samsung 850 Pro, per giunta) a un Sata 2!


Sata1, sata2, sata3... la grande differenza di un ssd non è tanto nella banda ma nei tempi di accesso che tra sata 2 e 3 sono praticamente identici.

Ovvio che la banda conta, non pensiate che stia dicendo il contrario, ma i tempi di accesso sono più incisivi sulla velocità di un sistema (rispetto ad un hdd intendo)
La banda serve quando trasferisci grandi quantità di dati, i tempi di accesso quando avvii il sistema o un programma e si nota molto di più.

Se si trasferiscono spesso grandi quantità di dati invece non bisogna manco porsi il problema, gli ssd sono ancora relativamente piccoli e/o costosi quindi se uno trasferisce quotidianamente grandi quantità di dati avrà ancora un hdd (o è miliardario e se ne fotte )
MaxP404 Maggio 2016, 16:47 #8
Finalmente i prezzi stanno diventando accettabili!

Vorrei mettere 4 SSD da 960 in Raid 0 e collegare il tutto con interfaccia Thunderbolt. Sapete se esiste in qualcosa per poterlo fare?
Mparlav04 Maggio 2016, 17:17 #9
Originariamente inviato da: MaxP4
Finalmente i prezzi stanno diventando accettabili!

Vorrei mettere 4 SSD da 960 in Raid 0 e collegare il tutto con interfaccia Thunderbolt. Sapete se esiste in qualcosa per poterlo fare?


Questo supporta 4 drive da 3.5", ma gli adattatori per i 2.5" costano pochissimo:
https://www.startech.com/HDD/Enclos...sure~S354SMTB2R

ci sono altri modelli per i drive da 2.5", ma molti non supportano il raid.
Volendo puoi metterci un paio di drive da 3.5" da 8TB ed un paio di ssd e gestirteli come ti pare.

P.S.: Lo vendono anche in Italia su Amazon per esempio
emanuele8304 Maggio 2016, 18:10 #10
Originariamente inviato da: Mparlav
Questo supporta 4 drive da 3.5", ma gli adattatori per i 2.5" costano pochissimo:
https://www.startech.com/HDD/Enclos...sure~S354SMTB2R

ci sono altri modelli per i drive da 2.5", ma molti non supportano il raid.
Volendo puoi metterci un paio di drive da 3.5" da 8TB ed un paio di ssd e gestirteli come ti pare.

P.S.: Lo vendono anche in Italia su Amazon per esempio


pensavo di creare una soluzione simile, ma basata su HDD. Avendo un computer datato non sapevo se prendere un controller raid esterno con esata (in ogni caso sata2) oppure un controller raid interno su pcie. In ogni caso non trovo recensioni decenti. Forse mi conviene prendere due HDD da 4 tb e sostituirli alle ultime due porte sata che ho e creare un secondo raid 0 in aggiunta a quello che già ho.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^