Intel, Dell e Microsoft insieme per l'adozione di memorie NAND Flash

Intel, Dell e Microsoft insieme per l'adozione di memorie NAND Flash

I tre colossi statunitensi uniscono le forze per far capire l'importanza di adottare la tecnologia NAND Flash all'interno dei PC

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 15:49 nel canale Storage
IntelMicrosoftDell
 

NVMHCI, ovvero Non-Volatile Memory Host Controller Interface Working Group. Una sigla che potrebbe non suscitare interesse, se non fosse che alla base di questo gruppo di lavoro troviamo aziende del calibro di Intel, Dell e Microsoft. Lo scopo del nuovo Working Group consiste fondamentalmente nel realizzare soluzioni software per ottimizzare l'utilizzo di memorie NAND Flash all'interno dei PC, oltre a promuoverne l'importanza, non recepita a dovere dagli assemblatori.

Intel, che nel gruppo di lavoro riveste il ruolo più importante, intende così promuovere l'adozione di moduli NAND Flash sia in ambito desktop che notebook, soprattutto dopo la presentazione della nuova generazione Centrino che prevede l'adozione facoltativa di TurboMemory. Ricordiamo che TurboMemory non è altro che il nome di un modulo integrante proprio dei chip NAND Flash, utilizzabili dal sistema per ottimizzare alcune operazioni I/O a beneficio di prestazioni e autonomia.

Microsoft entra in gioco in quanto è grazie alle tecnologie ReadyBoost and ReadyDrive, integrate in Windows Vista, che tali ottimizzazioni potranno portare i benefici appena esposti. La presenza di Dell nel consorzio fa pensare alla commercializzazione imminente da parte dell'azienda di PC portatili integranti TurboMemory, caratteristica finora snobbata dalla maggior parte dei produttori, probabilmente in attesa di appurare sia l'effettiva bontà della tecnologia stessa, sia di valutarne l'impatto sul prezzo finale.

Lo scopo del nuovo gruppo NVMHCI sarà dunque quello di offrire strumenti e argomenti per convincere i grossi assemblatori della bontà di adottare moduli NAND Flash nei PC, anche se già da ora si parla dell'ingresso di molti altri partner entro la fine dell'anno. Maggiori informazioni su Digitimes.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Praetorian31 Maggio 2007, 15:57 #1
un boot di pochi secondi potrà non essere fondamentale ma è sempre una bella cosa
demon7731 Maggio 2007, 16:26 #2
mah..

si continua a dire che ready boost serve a poco o niente..
XSonic31 Maggio 2007, 16:59 #3
Ecco a voi un altro fantastico, incredibile, inutile ed impronunciabile acronimo!
Ma usare nomi univoci ma "leggibili" no, eh?
black-m0131 Maggio 2007, 17:11 #4
Fantastico, ed hanno intenzione di mantenere un'interfaccia ben chiusa e serrata, utilizzabile solo da alcuni prodotti Microsoft, oppure sarà uno standard per cui altri sistemi operativi potranno accedere alla memoria flash di questi hard disk?
fabrylama31 Maggio 2007, 18:08 #5
Originariamente inviato da: demon77
mah..

si continua a dire che ready boost serve a poco o niente..


ready boost non serve a niente, ma ReadyDrive è una cosa diversa, ready boost usa la semplice e lenta chiavetta usb, ready drive usa delle memoria ad alta velocità
MEX8431 Maggio 2007, 20:10 #6
Originariamente inviato da: fabrylama
ready boost non serve a niente, ma ReadyDrive è una cosa diversa, ready boost usa la semplice e lenta chiavetta usb, ready drive usa delle memoria ad alta velocità


Concordo, ma mi piacerebbe vedere qualche test.

Originariamente inviato da: black-m01
Fantastico, ed hanno intenzione di mantenere un'interfaccia ben chiusa e serrata, utilizzabile solo da alcuni prodotti Microsoft, oppure sarà uno standard per cui altri sistemi operativi potranno accedere alla memoria flash di questi hard disk?


Spero che il sistema sia aperto anche perchè Intel e Dell sembra che tengano abbastanza in considerazione il mondo linux. Comunque è sicuramente MS che ne ha più bisogno. Ognuno è libero di avere la propria opinione su Vista, ma credo sia un dato di fatto la minore velocità e la maggiore richiesta di ram rispetto sia a XP che a Linux, per questo MS deve riuscire a sfruttare al più presto queste tecnologie in modo da mettere una "pezza".
dragonheart8131 Maggio 2007, 20:21 #7
Effettivamente nemmeno io ho visto migliorie con readyboost,e ho sentito parecchie incompatibilità di memorie magari quelle con chip più lenti nel transfer rate che il sistema non le abilita per usare tale tecnologia,non so se é un buisness ma ci sono le pen drive certificate Windows Vista ReadyBoost.
bist04 Giugno 2007, 10:45 #8
Originariamente inviato da: dragonheart81
Effettivamente nemmeno io ho visto migliorie con readyboost,e ho sentito parecchie incompatibilità di memorie magari quelle con chip più lenti nel transfer rate che il sistema non le abilita per usare tale tecnologia,non so se é un buisness ma ci sono le pen drive certificate Windows Vista ReadyBoost.


ReadyBoost serve più che altro se hai poca RAM, con 1 GB serve molto a poco con 2 GB è praticamente ininfluente. Tenendo presente che con Vista è molto difficile fare dei test sulla velocità di caricamento dei programmi, dato il superfetcher (o come si chiama) molto aggressivo.

Vista richiede dei valori minimi in lettura/scrittura per poter usare la chiavetta USB come ReadyBoost (altrimenti si rischia di peggiorare le prestazioni invece di aumentarle), per questo ci sono le certificazioni (cmq Vista fa un piccolo benchmark prima di poterti fare utilizzare la chiavetta).

ReadyDrive è una cosa diversa e se ho capito bene la NAND di Santa Rosa verrà usata come ReadyDrive, non come ReadyBoost.

Su ReadyDrive non ho ancora visto test o bench, se qualcuno ne ha posti pure.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^