In arrivo dischi da 2,5 pollici da 160 GB NCQ e non solo

In arrivo dischi da 2,5 pollici da 160 GB NCQ e non solo

Il 2006 sarà un buon anno per il settore dei dischi rigidi, specie per l'ambito notebook; attese capienze record e supporto alla tecnologia Native Command Queuing. Attendiamo ora i chipset adatti

di Alessandro Bordin pubblicata il , alle 10:22 nel canale Storage
 

Perpendicular recording

Fujitsu ha recentemente annunciato di voler introdurre a breve sul mercato un disco da 2,5 pollici da 160 GB su tre piatti. Il modello MHV2160BT vanta inoltre un quantitativo di cache di 8 MB, interfaccia SerialATA e supporto alla tecnologia NCQ. Tale modello precede l'annunciata serie sempre di Fujitsu basata su tecnologia perpendicular recording, che sembra non essere sfruttata da questo modello.

A differenza di Fujitsu, Seagate commercializzerà quest'inverno un disco delle stesse dimensioni fisiche e della stessa capienza, ma che sfrutterà la tecnologia perpendicular recording. Possiamo dunque partire da questi annunci per fare un quadro della situazione storage nel campo dei computer portatili e di cosa ci attende nel prossimo futuro.

E' risaputo che nel mondo dei notebook le novità tecnologiche vengano adottate con un certo ritardo rispetto a quanto è possibile osservare nel settore desktop. I motivi vanno ricercati ovviamente nella necessità di miniaturizzare e ottimizzare in ottica di risparmio energetico le tecnologie e gli apparecchi di ultima generazione. Il sottosistema dischi dei PC portatili non sfugge a questa regola, rivelandosi di fatto gravato da problemi spesso non riconducibili ai soli dischi.

Gli annunci dei due produttori di dischi rigidi però ci fanno ben sperare, soprattutto perché avvenuti a ridosso dell'IDF di San Francisco, evento molto importante che verrà seguito in tempo reale da Hardware Upgrade (a breve il primo report).

Due le notizie incoraggianti: perpendicular recording e NCQ. La tecnologia perpendicular recording permetterà di far raggiungere ai dischi che ne sfrutteranno le potenzialità capienze nell'ordine dei 200 GB, risolvendo uno dei problemi che affliggono i sistemi notebook da sempre (la capienza). Nei commenti ad una recente news pubblicata da Hardware Upgrade veniva da molti criticata la scelta di produrre dischi perpendicular recording tutto sommato non molto diversi, in termine di capienza, dai dischi tradizionali.

E' naturale attendersi un passaggio graduale a capienze maggiori, tenendo di fatto ai minimi le potenzialità della nuova tecnologia, per poterne sfruttare pian piano gli incrementi. Piacerebbe a tutti poter disporre di un disco da 500 GB da 2,5 pollici ( e con il perpendicular recording è fattibile), ma tutto ciò stroncherebbe tutto il restante mercato e non seguirebbe la politica dei piccoli e frequenti passi tanto cara al mondo dell'informatica. Serve dunque pazienza dunque, pur piacevolmente consapevoli del fatto che la nuova tecnologia permetterà di raggiungere limiti di capienza che vanno ben oltre il limite fisico raggiunto da quella utilizzata attualmente.

La seconda considerazione riguarda il Native Command Queuing, già supportato dalle piattaforme desktop da tempo e che approderà finalmente nel mondo dei PC portatili. La presentazione di un disco NCQ da 2,5 pollici è indice che qualcosa bolle in pentola sul fronte chipset per notebook. Allo stato attuale infatti non esiste ancora un chipset in grado di sfruttare i benefici dell'algoritmo di ottimizzazione NCQ, ma l'IDF incombe...

Ecco dunque cosa ci attente il futuro più prossimo: dischi da 2,5 pollici più capienti e più performanti, grazie alle tenologie perpendicular recording e Native Command Queuing; non resta che attendere la presentazione di dischi compatibili con entrambe. Il 2006 porterà dunque molte piacevoli novità in ambito dischi rigidi.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

47 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
3NR1C023 Agosto 2005, 10:38 #1
Siamo alle solite... 160GB su 3 piatti? L'unica novità è che aggiungono un piatto

Ora eravamo fermi a 60GB per piatto e da lì non ci si smuove.

P.S: è chiaro che serva del tempo, ma la tecnologia è già a disposizione... ritardare per far vendere i prodotti e fregare gli utenti che hanno bisogno di spazio non è una cosa carina.
Octane23 Agosto 2005, 10:39 #2

Curiosita'..

@ Alessandro Bordin:
Ma che si sappia il perpendicular recording ha influenza anche nei tempi di ricerca/accesso?
Mi spiego meglio: essendo una tecnolgia nuova ed essendo i domini magnetici molto piu' piccoli dovranno "rallentare" gli attuatori delle testine penalizzando le prestazioni oppure lo sviluppo e' buono ed avremmo addirittura performance migliori?

P.S. spero tu possa rispondere e non ci sia qualche NDA di mezzo

Tnx
Ciao!
3NR1C023 Agosto 2005, 10:41 #3
Performance migliori come seektime proprio non direi visto che in buona parte l'accesso è dato dal regime di rotazione dei piatti.

Probabile un migliore transfer-rate ... d'altronde a parità di giri la testina riesce a leggere sequenzialmente più informazioni rispetto al passato.
Octane23 Agosto 2005, 10:45 #4
Originariamente inviato da: 3NR1C0
Performance migliori come seektime proprio non direi visto che in buona parte l'accesso è dato dal regime di rotazione dei piatti.

Probabile un migliore transfer-rate ... d'altronde a parità di giri la testina riesce a leggere sequenzialmente più informazioni rispetto al passato.


Si, concordo. Non mi riferivo infatti dati come latenza di rotazione che quella e' vincolata dal regime di giri o a transfer rate che vista la densita' di bit per pollice quadro..
Resto comunque curioso di vedere questi sviluppi
Alessandro Bordin23 Agosto 2005, 10:53 #5
Originariamente inviato da: Octane
@ Alessandro Bordin:
Ma che si sappia il perpendicular recording ha influenza anche nei tempi di ricerca/accesso?
Mi spiego meglio: essendo una tecnolgia nuova ed essendo i domini magnetici molto piu' piccoli dovranno "rallentare" gli attuatori delle testine penalizzando le prestazioni oppure lo sviluppo e' buono ed avremmo addirittura performance migliori?

P.S. spero tu possa rispondere e non ci sia qualche NDA di mezzo

Tnx
Ciao!



Ciao!

Guarda, io mi aspetto un transfer rate maggiore, quello si. A parità di regime di rotazione in teoria si dovrebbero leggere/scrivee più informazioni. In quanto a seek time invece mi aspetto un tempo superiore (finora è andata così, mediamente), ma spero di sbagliarmi.

ciao!

Ale
Octane23 Agosto 2005, 10:57 #6
Quello che pensavo anch'io. Grazie!
ThePunisher23 Agosto 2005, 11:06 #7
Ma xkè esistono ancora gli hard-disk mi chiedo? Sono il limite delle ordierne config. hardware e non si decidono a cambiare tecnologia di memorizzazione.
freeeak23 Agosto 2005, 11:10 #8
bravo punisher!! è quello che dico anche io anora con sti gira dischi! vogliamo le memorie statiche!!!! non ha piu niente da dare questa tecnologia è ora che si rendano conto.
Alessandro Bordin23 Agosto 2005, 11:14 #9
Originariamente inviato da: ThePunisher]Ma xkè



[QUOTE=freeeak]bravo punisher!! è quello che dico anche io anora con sti gira dischi! vogliamo le memorie statiche!!!! non ha piu niente da dare questa tecnologia è ora che si rendano conto.



Produrre un disco e conseguentemente comprarlo da utente costa MOLTO MOLTO meno di una soluzione a memoria statica. Hanno molto da dire ancora, eccome.
WarDuck23 Agosto 2005, 11:23 #10
Infatti, il prezzo delle memorie statiche è di molto superiore a quello degli hd... basti pensare al prezzo di 1gb di memoria RAM (quindi nn statica), che è simile al momento attuale al prezzo di hd di 160-200gb. Figurarsi la memoria statica.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^