Hitachi, in vendita parte del settore hard disk

Hitachi, in vendita parte del settore hard disk

Hitachi Global Storage Technologies alla ricerca di un partner per rilanciare il settore hard disk

di pubblicata il , alle 08:47 nel canale Storage
 
EETimes riporta una notizia dell'agenzia Reuters, secondo la quale Hitachi avrebbe intenzione di cedere parte della divisione hard disk, al fine di rilanciare quello che è un settore in perdita ormai da anni. Hitachi, dopo aver acquisito quella che fu la divisione hard disk di IBM nel 2002 per una cifra di circa 2 miliardi di dollari USA, non ha saputo in questi anni far fruttare questa particolare branca del proprio business, a causa di una guerra al ribasso dei prezzi eccessivamente aggressiva da parte della concorrenza.

Hitachi sarebbe dunque alla ricerca di un partner al quale cedere parte del settore, contando così su un nuovo investitore e con l'obiettivo di puntare alla vendita di dischi destinati ai settori non strettamente informatici. Un esempio su tutti i videoregistratori High-Definition da tavolo e nel settore Consumer Electronics in genere, dove è possibile fare qualche margine in più sui dischi venduti.

L'anno in corso, sempre stando alla fonte, dovrebbe essere il primo nel quale si registrerà da parte dell'azienda un utile in questo campo; Hitachi conta così di trovare senza troppa fatica un partner disposto ad investire in un settore solo apparentemente in affanno. Non resta che attendere per conoscere quelle che saranno le sorti del terzo produttore mondiale di hard disk, subito dopo Seagate e Western Digital rispettivamente.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
raptus28 Settembre 2007, 08:59 #1
Peccato!
Io li ho usati spesso (IBM ed Itachi) ed a parte i primi, per una partita fallata (erano 40 ed 80G i tagli) erano i migliori.
Peccato perchè penso che alla Hitachi potevano fare qualcosa dipiù .. oltre ad una bella presentazione in flash ed all'unico disco da 1 tera che ho trovato in negozio.
mail9000it28 Settembre 2007, 09:25 #2
alla fine si scopre che alla IBM non erano poi proprio fusi nel decidere di vendere tutto il settore HD.
Se devo essere sincero avevo considerato la cosa come un errore.

d4ed4lus28 Settembre 2007, 09:48 #3
Quindi tra poco anche lenovo penserà di vendere il settore thinkpad.
Secondo la stessa logica...
Duncan28 Settembre 2007, 10:09 #4
Son cose diverse, IBM vendette perchè ha investito pesantemente sui sistemi di emorizzazione di massa del futuro, ha una miriade di brevetti, e si è voluta disfare di un settore che ormai aveva poco futuro.
schwalbe28 Settembre 2007, 11:08 #5
Alla fine, in tutti i mercati, spariscono sempre più ditte e si arriva "vicini" al monopolio.
Ginger7928 Settembre 2007, 12:02 #6
Davvero una brutta notizia per quanto mi riguarda. Io mi sono sempre affidato ai Raptor (e a WD in generale) per quanto riguarda l'hard disk principale ma Hitachi (e prima IBM) hanno sempre battuto la concorrenza in termini prestazionali (a 7200rpm) e da sempre hanno trovato posto nei miei PC come unità storage di alto livello.

Se si guardano i test I/O meter Hitachi con il suo 7K160 (a singolo piatto) è sempre in testa al lotto... Io ne ho 2 in RAID 0 come secondo hard disk e viaggiano che è un piacere... tante volte sembra quasi che siano al pari dei 2 Raptor (sempre in RAID 0)...

Un vero peccato.
dennyv28 Settembre 2007, 16:13 #7
Peccato!

Il mio HDS728080PLA380 (un 7K80) si sta dimostrando (sgrat sgrat) un disco davvero eccellente. Relativamente silenzioso è accesso 24h con quasi 10000 ore sulle spalle (dallo smart) e non ha ancora un errore segnato nei log smart, neppure di lettura. Non ho mai avuto un disco così!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^