First look Solid State Drive Crucial MX500 500GB, alto livello e prezzo basso

First look Solid State Drive Crucial MX500 500GB, alto livello e prezzo basso

Ecco una breve panoramica della nuova serie Crucial MX500, corredata da alcuni test sintetici. La nuova famiglia di SSD Crucial intende conquistare ua buona fetta di mercato, abbinando prezzi bassi e prestazioni elevate. E' riuscita nell'intento?

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Storage
Crucial
 

Crucial, da tempo, offre soluzioni SSD a buon prezzo e convincenti dal punto di vista prestazionale. Non è un caso che le unità SSD MX300 e BX300, rispettivamente per la fascia alta e entry level del mercato, abbiano fatto registrare ottimi volumi di vendite. Occorre fare una premessa importante: si tratta di unità con interfaccia SATA, quindi con un limite teorico di 600MB/s massimi per lettura e scrittura, una limitazione che accomuna un po' tutte le soluzioni SATA ormai da un bel po' di tempo.

L'utente, in altre parole, sa che acquistando oggi un SSD SATA le prestazioni reali saranno nell'ordine dei 550MB/s in lettura e scrittura un po' per ogni marchio a disposizione, con differenze evidenti soprattutto in condizioni di dati particolari, percentuale di occupazione del disco e altri fattori più o meno marginale. Morale: percependo una sostanziale uniformità di comportamento dal punto di vista prestazionale, gioca un ruolo chiave il prezzo di vendita. Anche perché oggi, nella fascia elevata sel settore SSD per la clientela casalinga, troviamo unità PCIe NVMe con prestazioni di gran lunga più elevate.

La guerra dei prezzi gioca  a favore di quelle aziende in grado di realizzarsi tutto o quasi in casa, non per nulla a farla da padrona sono soprattutto Samsung e, appunto Crucial. Le aziende che commercializzano SSD attingendo all'esterno per quanto riguarda chip memoria, firmware e controller hanno vita dura nel tenere il passo nella corsa ai prezzi finali più bassi, perché ci sono più intermediari.

La lunga premessa serve per meglio collocare la nuova serie Crucial MX500 sul mercato: sarà l'unica ad essere presentata perché va a sostituire le precedenti serie BX e MX. Essendo ormai chiaro che il top di gamma consumer è in mano agli SSD PCIe NVMe, non aveva senso mantenere due famiglie SATA. Come fare però a offrire i prezzi bassi e prestazioni elevate? Diamo uno sguardo alla scheda tecnica, che poi commenteremo.

Unità 2,5 pollici - SATA

Capienza Lettura
MB/s
Scrittura
MB/s
Random read
IOPS
Random write
IOPS
TBW
250GB 560 510 95k 90k 100
500GB 180
1TB 360
2TB 700

 

Unità M.2 2280 - SATA

Capienza Lettura
MB/s
Scrittura
MB/s
Random read
IOPS
Random write
IOPS
TBW
250GB 560 510 95k 90k 100
500GB 180
1TB 360

Per tutti: controller Silicon Motion SM2258 e chip Micron 256Gb 64-layer 3D TLC

Le due grosse novità nelle unità MX500 stanno nel controller e nei chip utilizzati. Crucial abbandona le pur ottime soluzioni Marvell che abbiamo visto nelle precedenti versioni MX a favore di un Silicon Motion SM2258, che stando a quanto dichiarato offre il suo meglio proprio con i chip multilayer. Proprio nei chip troviamo la seconda novità, ovvero l'adozione di chip Micron 256Gb 64-layer 3D TLC (ricordiamoci che Crucial è la divisione consumer di Micron), ovvero modelli a 64 strati che garantiscono ottime prestazioni, prezzi contenuti e maggiore longevità. Non è un caso che il TBW è salito dai 220TBW a 360TBW, mettendo a confronto il modello MX300 con il nuovo MX500 nel taglio da 1TB. Sale anche la garanzia, da 3 a 5 anni. Da notare come le unità 2,5 pollici e M.2 siano sostanzialmente identiche come caratteristiche, cambiano solo il form factor e i tagli disponibili. Ora uno sguardo ai test sintetici.

Abbiamo condotto un test analizzando il pattern AS SSD da 1GB e da 10GB, poiché spesso le unità meno performanti e più economiche mostrano il fianco con file di grosse dimensioni, facendo registrare cali prestazionali anche drastici.

Prestazioni e valori di IOPS sostanzialmente identici per entrambi gli scenari. Un risultato ottimo, per ora ottenuto nei nostri laboratori  solo con unità top di gamma Samsung. La presenza di una quantità di memoria SLC di caching sembra lavorare molto bene, insomma, mantenendo le prestazioni sempre e comunque elevate a prescindere dalla mole di dati spostata.

Anche CrystalDiskMark offre un quadro del tutto simile con il pattern preimpostato a 1GB e 32GB, quindi ben superiore a quello messo a disposizione di AS SSD. Anche in questo caso quindi ci sono ottimi segnali che dimostrano la bontà dei nuovi MX500, almeno sulla base di questi test sintetici. 

Crucial MX500 sembra quindi convincere molto, anche perché se verrà confermata la politica di prezzi già vista nel nostro Paese nei diversi negozi online, sarà presto possibile acquistarli a prezzi molto concorrenziali. Ufficialmente il modello MX500 da 500GB oggetto della nostra prova costa 134,19 Euro, con 5 anni di garanzia. Per i prezzi di listino degli altri modelli, anche con kit adattatore, nonché ulteriori dettagli invitiamo a visitare il sito ufficiale Crucial.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mparlav08 Febbraio 2018, 17:28 #1
Speriamo che il modello da 1 TB scenda presto sotto i 200 euro
Dumah Brazorf08 Febbraio 2018, 17:37 #2
Ho ordinato ieri l'mx500 da 250gb sull'amazzone, è la nuova serie o "vecchia"?
lcfr08 Febbraio 2018, 18:19 #3
@Dumah Brazorf : se ho ben capito, le serie vecchie sono la MX300 e la BX300.

La serie MX500 è nuova e quindi dovresti aver ordinato proprio lo SSD recensito su questa pagina.
Paganetor08 Febbraio 2018, 18:48 #4
per ora, visti i costi, se non si hanno esigenze particolari (tipo lavorare con una grande mode di dati, come il caso del video editing) rimane conveniente la soluzione a 2 dischi: SSD "piccolo" per il sistema operativo e i programmi e disco a piatti rotanti per i dati.
Spero che questi nuovi modelli facciano scendere un po' i prezzi, anche se temo ormai siano "plafonati" (un po' come acquistare oggi un masterizzatore di DVD: il prezzo è quello, non scende e non sale).

Ovvio che se si ha a che fare con molti dati econ molte letture/scritture un SSD da 1 o 2 tera rimane comunque una soluzione abbordabile (e decisamente preferibile a opzioni come dischi convenzionali in raid o simili).
Mparlav08 Febbraio 2018, 18:57 #5
C'è la speranza che i prezzi delle nand possano scendere nei prossimi mesi:
https://epsnews.com/2017/12/13/nand...ices-drop-5-q1/

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^