A Febbraio i nuovi SSD firmati Intel

A Febbraio i nuovi SSD firmati Intel

Due nuovi modelli Intel 510 saranno presto immessi sul mercato. Si tratta ancora di soluzioni destinate alla fascia alta, con costi ancora poco abbordabili

di Gabriele Burgazzi pubblicata il , alle 12:35 nel canale Storage
Intel
 

Delle prossime soluzioni a stato solido sviluppate da Intel ne avevamo parlato, diverso tempo fa, in questa notizia. Nell'occasione, una slide emersa da alcune presentazioni Intel, indicava i mesi a cavallo tra il 2010 e il 2011 la possibile data di lancio delle nuove unità SSD di Intel, sviluppate sia a 34, sia a 25 nanometri.

Secondo le informazioni emerse negli ultimi giorni l'inizio di Febbraio sarà caratterizzato dall'arrivo di due nuove unità SSD, basate però ancora su processo produttivo a 34 nanometri. Si tratta delle soluzioni note con il nome in codice Emcrest, che saranno commercializzate come Intel 510.

Le prime indiscrezioni parlano di una velocità in lettura pari a 450MB/s, che scende a 300MB/s in scrittura: si tratta di unità compatibili SATA III 6Gb/s. Le ulteriori specifiche parlano inoltre di un livello prestazionale pari a 20K di IOPs nella lettura di pacchetti da 4KB e di 4K in scrittura.

I nuovi dischi di intel andranno a collocarsi sulla fascia alta del mercato, sostituendo i modelli X25-E. Secondo dati non ancora confermati dall'azienda le due soluzioni arriveranno sul mercato nei tagli di 250 e 120GB al costo, rispettivamente, di 579 e 279 dollari americani. A titolo di confronto, il primo X25-E con 64GB di capienza era stato inizialmente commercializzato con un prezzo vicino ai 600 euro.

I modelli caratterizzati dal processo a 25 nanometri, destinati a far segnare un miglio rapporto prezzo/GB arriveranno solo più avanti.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

40 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
calabar26 Gennaio 2011, 12:41 #1
Pessima notizia, per lo meno per me che non stavo seguendo da un po' la vicenda degli SSD intel.

Questo significa che dovremo aspettare ancora per vedere un ribasso dei prezzi generale, dovuto al livello di prezzi che intel aveva promesso con gli SSD facenti uso di nand con processo produttivo inferiore.
Dindi26 Gennaio 2011, 12:51 #2
beh è un inizio. così dai quei dati il costo del singolo gb si è ridotto di 1/4
ToroXp26 Gennaio 2011, 12:53 #3
Belle le prestazioni, ma cari, troppo cari ancora.

1$=1Gb , questa secondo me è la cifra di ingresso per parlare di vera diffusione.I prezzi stanno calando è vero ma ancora troppo lentamente.



fai magazzino intel...
Tututa26 Gennaio 2011, 12:57 #4
"I modelli caratterizzati dal processo a 25 nanometri, destinati a far segnare un miglio rapporto prezzo/GB arriveranno solo più avanti."


Beh, direi che i miei Samsung A dischetti magnetici dovranno tenere duro fino ad allora...

(anche se uno dei due mi sta tristemente mollando... )

walk on
ttt
avvelenato26 Gennaio 2011, 12:57 #5
Originariamente inviato da: calabar
Pessima notizia, per lo meno per me che non stavo seguendo da un po' la vicenda degli SSD intel.

Questo significa che dovremo aspettare ancora per vedere un ribasso dei prezzi generale, dovuto al livello di prezzi che intel aveva promesso con gli SSD facenti uso di nand con processo produttivo inferiore.


devi considerare che questi sono gli enterprise, i dischi top.
Per quelli normali il processo produttivo migliorato e una architettura nuova non comporteranno un incremento di prestazioni così drastico, ma il prezzo potrà abbassarsi.

Alla fine non tutti abbiamo urgente bisogno di un ssd da paura, ti posso assicurare che anche solo un disco che fa 15mb/s in 4k (i primi indilix ad esempio) è in grado di produrre un sostanziale incremento della produttività e reattività di un sistema.
Mike00k726 Gennaio 2011, 13:01 #6
Beh le prestazioni sembrano impressionanti, purtroppo anche il prezzo rimane tale! Con 600 euroci compri scheda madre, I7 2500k e 4 gb di ddr3 o due 6970 in cf. Per quanto siano veloci quei soldi per 250gb sono troppi, continuano ad avere senso solo per chi ad esempio fa video o grafica professionali.
floop26 Gennaio 2011, 13:08 #7
bene dai per giugno magari abbiamo i 25nm e me lo fo
però mi manca il sata 3
flapane26 Gennaio 2011, 13:21 #8
Originariamente inviato da: ToroXp
Belle le prestazioni, ma cari, troppo cari ancora.

1$=1Gb , questa secondo me è la cifra di ingresso per parlare di vera diffusione.I prezzi stanno calando è vero ma ancora troppo lentamente.



fai magazzino intel...


Per il mercato consumer, credo proprio che la soglia psicologica di 100$ per un 128gb BUONO siano l'optimum.
Chissà che non ci si arrivi dopo l'estate.
deepdark26 Gennaio 2011, 14:00 #9
Originariamente inviato da: ToroXp
Belle le prestazioni, ma cari, troppo cari ancora.

1$=1Gb , questa secondo me è la cifra di ingresso per parlare di vera diffusione.I prezzi stanno calando è vero ma ancora troppo lentamente.



fai magazzino intel...


Ma c'è sempre bisogno di parlare a vanvera???

Questi sono ssd SLC e il prezzo è ottimo (per chi li usa). Gli SSD stanno andando via come il pane soprattutto gli intel all'inizio erano introvabili. Se poi preferisci spendere 200 euro in una cpu che userai si e no all'1% (medio) o in una scheda video per giocare, è un altro discorso. Anche io vorrei una ferrari a 20.000 euro ma nella vita bisogna essere realisti.
djfix1326 Gennaio 2011, 14:01 #10
Originariamente inviato da: flapane
Per il mercato consumer, credo proprio che la soglia psicologica di 100$ per un 128gb BUONO siano l'optimum.
Chissà che non ci si arrivi dopo l'estate.


mi sa che devi sognare ancora per un bel po' dato che 120gb adesso costano 279 $ e con il ribasso dei 25nm recuperi forse un 30% ovvero 195 $che sono circa 150 euro tra cambio e tasse...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^