AMD pubblica il driver Vulkan AMDVLK in open source, compreso il supporto per Linux

AMD pubblica il driver Vulkan AMDVLK in open source, compreso il supporto per Linux

AMD ha rilasciato in via ufficiale il proprio driver Vulkan in forma open source. Questa prima versione supporta ufficialmente la revisione 1.0 delle specifiche Vulkan e oltre 30 estensioni per le GPU dalla serie Radeon 7000 in poi

di pubblicata il , alle 15:01 nel canale Schede Video
AMDRadeon
 

AMD ha pubblicato in open source la sua implementazione dei driver Vulkan, AMDVLK, con specifica attenzione al mondo Linux. L'annuncio - di portata notevole - è arrivato nei giorni scorsi, quando l'azienda ha reso pubblico il sorgente sul suo repository di GitHub.

AMD sfrutta un cosiddetto PAL (Platform Abstraction Layer) che le permette di creare uno strato intermedio tra il sistema operativo e il driver del kernel da un lato e la traduzione delle API da parte del driver in userspace dall'altro. In buona sostanza, si tratta di un incapsulamento di alcune funzionalità e dettagli che è indipendente dal sistema operativo. AMD può quindi sviluppare una parte del driver Vulkan per tutti i sistemi operativi supportati, complementandola poi con parti specifiche per i singoli sistemi operativi.

AMDVLK offre piena aderenza allo standard Vulkan 1.0 e supporta più di 30 estensioni. È inoltre incluso il supporto a Radeon GPU Profiler, alla prelazione sui buffer a metà comando (mid-command buffer preemption), alla virtualizzazione SR-IOV e offre strumenti di debug e profilazione integrati.

Il supporto hardware garantito dai driver AMDVLK è molto ampio e comprende tutte le schede video a partire dalla serie Radeon HD7000 con architettura GCN 1.0. Sotto Linux, questo supporto è garantito solamente utilizzando il driver AMDGPU (sviluppato da AMD e proprietario).

Le prestazioni del nuovo driver dovrebbero essere leggermente superiori rispetto all'alternativa libera RADV, sebbene non in maniera drastica. La natura open source del nuovo driver dovrebbe però permettere di apportare miglioramenti anche agli altri driver open source presenti nel mondo Linux.

L'azienda continuerà a sviluppare il driver internamente, pubblicando aggiornamenti al repository probabilmente con cadenza settimanale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
300028 Dicembre 2017, 17:29 #1
Love Open \m/
blackshard28 Dicembre 2017, 18:49 #2
Dai benchmark di phoronix risulta che il driver open RADV sviluppato parallelamente ad AMDVLK ha già performance pari o superiori nei benchmark sintetici, ma anche nei giochi è generalmente superiore se non in qualche particolare caso.
sintopatataelettronica28 Dicembre 2017, 19:44 #3
Originariamente inviato da: blackshard
Dai benchmark di phoronix risulta che il driver open RADV sviluppato parallelamente ad AMDVLK ha già performance pari o superiori nei benchmark sintetici, ma anche nei giochi è generalmente superiore se non in qualche particolare caso.


Sì.. ok.

Ma la cosa - averlo reso opensource - è comunque apprezzabile.
zappy29 Dicembre 2017, 09:34 #4
in pratica è un "mezzo driver" (open) che si interfaccia con un nucleo comune a tutti i So (closed). ho capito male?

cmq buono che si pensi a linux ed all'open, anche se mi pare di capire che una parte resta closed e binaria.
Opteranium29 Dicembre 2017, 10:52 #5
Non ci ho capito n.u.l.l.a.
Prima si dice che c'è tale amdvlk open per linux. Poi si dice che il supporto su linux è solo con amdgpu, closed. Poi c'è tale radv, che non so cosa sia.

... insomma, i dubbi mi attanagliano

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^