55 e 45 nanometri per le future GPU ATI

55 e 45 nanometri per le future GPU ATI

L'evoluzione tecnologia dei processi produttivi permetterà ad AMD di proporre, nei prossimi anni, GPU sempre più complesse in tutti i segmenti di mercato.

di pubblicata il , alle 15:43 nel canale Schede Video
ATIAMD
 

Le nuove architetture di GPU rappresentano spesso una sfida tecnologica per i produttori, alla ricerca del modo con il quale poter inserire all'interno dei propri prodotti un numero sempre più elevato di transistor bilanciando tuttavia dimensioni, requisiti di alimentazione e soprattutto costi produttivi.

Al crescere del numero dei transistor, infatti, segue un incremento delle capacità tecnologiche dei vari prodotti, e la disponibilità di nuove funzionalità. Non deve quindi sorprendere vedere come le più recenti GPU top di gamma integrino un numero di transistor, mediamente attorno ai 700 milioni, ben superiore a quello dei processori più recenti sia Intel che AMD per sistemi desktop. Si tratta, tuttavia, di architetture profondamente differenti tra di loro, quindi un numero superiore di transistor non indica maggiore potenza in assoluto ma lascia capire quanto le GPU si siano evolute in questi anni.

AMD prevede di continuare la produzione delle proprie GPU discrete di fascia alta appoggiandosi a partner esterni, in particolare le fonderie taiwanesi TSMC e UMC; del resto erano questi i partner produttivi di ATI in passato, e lo sono pure di NVIDIA. Al momento attuale le GPU della famiglia R6xx sono costruite utilizzando tecnologia a 65 nanometri, fatta solo eccezione per il modello top di gamma Radeon HD 2900 XT che ha chip R600 con tecnologia a 80 nanometri.

AMD dovrebbe spostarsi alla produzione di GPU con tecnologia a 55 nanometri passando alle architetture indicate con il nome in codice di R7xx, proponendo soluzioni che vadano a posizionarsi in tutti i segmenti di mercato. Questo avverrà presumibilmente nel corso della prima metà del prossimo anno, mantenendo il ciclo di aggiornamento di 1 anno proprio di questo settore.

Parallelamente, a distanza di un anno, AMD dovrebbe presentare le future architetture indicate attualmente con il nome in codice di R8xx; in questo caso la tecnologia produttiva verrà spinta sino ai 45 nanometri, nuovamente con versioni per tutti i segmenti di mercato. Gli appassionati sanno bene come i tassi di aggiornamento delle architetture video seguano indicativamente un periodo di tempo di 12 mesi, con l'eccezione rappresentata dalle proposte top di gamma che ricevono dopo 6 mesi dal debutto un aggiornamento nella forma di prestazioni velocistiche leggermente superiori, tipicamente senza intervenire a livello di tecnologia produttiva.

Si presume tuttavia che AMD possa scegliere di presentare una evoluzione a 65 nanometri della propria GPU R600, intervenendo sia a livello di architettura a modificarne alcune funzionalità che incrementandone le frequenze di funzionamento così da ottenere incrementi prestazionali senza penalizzare ulteriormente i consumi. mancano conferme ufficiali in questa direzione ma sembra possibile che questo possa verificarsi nel corso della seconda metà del 2007, così da porre maggiore pressione competitiva nei confronti delle soluzioni concorrenti di NVIDIA.

Fonte: PC Watch.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Crux_MM05 Luglio 2007, 15:46 #1
ALmeno abbassiamo i COnsumi delle GPU!
picard8805 Luglio 2007, 15:54 #2
a questo punto immagino che r9xx sarà progettato a 32 nm
CloNeAuS05 Luglio 2007, 15:56 #3
imho avrebbero anche abbassato i consumi, ma ora come ora immagino vorranno vendere, quindi faranno leva sul fatto che tanto la gpu:

1. è un "must"
2. a pochi importa che consumi...scoccia, ma no è un blocco per l'acquisto
farinacci_7905 Luglio 2007, 16:25 #4

APPURATO

che ATI ormai è AMD;
che i consumi sono un problema reale e non un must come detto qui sopra (senza polemica);

non capisco una cosa: AMD sulle sue CPU sta molto lentamente affinando il processo produttivo, mentre fa progetti di miniaturizzazione sempre più spinti per le GPU, quindid evo dedurre che abbiamo il know how adeguato.
Come mai non impiegano tale capacità acquisita sulla GPU per le CPU?
Problema reale o "incapacità" di chi i processori li produce davvero?
hibone05 Luglio 2007, 16:29 #5
si fanno piccole per la vergogna
TecnoWorld805 Luglio 2007, 16:45 #6
mah, vedremo se rispetteranno i tempi. per ora con R600 non stanno facendo una bellissima figura. se faranno una versione a 65nm di R600 per settembre o giù di lì, invece, potrebbe essere molto interessante!!!
Dumah Brazorf05 Luglio 2007, 16:47 #7
Beh quando è stata acquisita ATI stava già lavorando al progetto R6xx e i casini vari derivati dall'aquisizione han creato ritardi e varie/eventuali.
Adesso che dovrebbero essersi messi +o- a posto dovrebbero poter lavorare a braccetto per le generazioni future.
Resta che una gpu ha una svalangata di transistor in + di un attuale processore per cui non scalderà mai uguale.
demon7705 Luglio 2007, 17:03 #8
Beh diciamo che ad una riduzione dei circuiti corrisponde una VIRTUALE riduzione di consumi:

Per le GPU top di gamma funziona così: nuovo processo produttivo = più trnsistors sullo stesso die e maggiore clock con consumo invariato o lievemente superiore alla precedente generazione!
Spellsword05 Luglio 2007, 17:03 #9
probabilmente riescono a spingere così tanto sul processo produttivo perchè progettano da zero un'architettura nuova ogni generazione, quindi partendo da zero sanno subito che processo usare e fin dove spingersi. con le cpu che ci mettono qualche anno a progettarle, forse hanno + problemi nel decidere a priori. poi c'è da ricordarsi che le cpu sono molte diverse come architettura dalle gpu e anche molto meno omogenee come microcomponenti.
gianni187905 Luglio 2007, 17:23 #10
vabbè salto r600 e r700 e mi fiondo direttamente su r800


si scherza naturalmente... forse

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^