Smentito il taglio di prezzi sui prodotti non-RoHS

Smentito il taglio di prezzi sui prodotti non-RoHS

I produttori di schede madri hanno smentito le voci di corridoio relative al taglio di prezzi dei prodotti non rispondenti alle normative per il rispetto ambientale sancite dall'Unione Europea

di pubblicata il , alle 18:00 nel canale Schede Madri e chipset
 

I produttori di schede madri hanno smentito le voci di corridoio secondo le quali sarebbero intenzionati ad un consistente ribasso di prezzi per liberare gli stock dai prodotti che non sono conformi alle normative RoHS che diventeranno effettive a partire dal mese di luglio. Ricordiamo che le direttive RoHS (Restriction on Hazardous Substances) impongono precise restrizioni sull'impiego di sostanze nocive per l'ambiente.

Nei giorni scorsi sono scircolate infatte alcune indiscrezioni in merito ad un ribasso dei prezzi dei prodotti non conformi a queste normative, eventualità che avrebbe permesso ai produttori di schede madri di esaurire velocemente le scorte dei prodotti non-RoHS.

I produttori del gruppo dei first-tier hanno comunque già destinato una larga parte delle proprie linee produttive alla realizzazione di prodotti RoHS-compliant ed i prodotti attualmente consegnati verso il mercato Europeo sono tutti rispondenti a tali specifiche. I prodotti che non sono conformi alle specifiche RoHS sono attualmente destinati al mercato Asia-Pacific.

I costi affrontati per rendere i prodotti conformi alle specifiche dell' Unione Europea hanno avuto conseguenze leggermente negative sui profitti dei produttori, tuttavia le compagnie hanno messo in preventivo una serie di contromisure (ovviamente non note) per attutire l'impatto di questi costi.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

14 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Foglia Morta08 Marzo 2006, 18:03 #1
il link alla notizia non funziona
ripper7108 Marzo 2006, 18:13 #2

contromisure....

....addebitare i mancati profitti ai clienti, aumentando il prezzo degli articoli....
zappy08 Marzo 2006, 18:23 #3
Originariamente inviato da: ripper71
....addebitare i mancati profitti ai clienti, aumentando il prezzo degli articoli....

beh, visto che gli apparecchi li usi tu e nell'ambiente ci vivi tu, non vedo chè non accollarsi parte del costo.
JohnPetrucci08 Marzo 2006, 18:28 #4
Sembra che l'ambiente preoccupi in piccola misura solo Europa, Giappone e Russia, visto il trattato di Kyoto firmato solo da alcuni paesi.
Cina e Usa continuano inperterriti a fregarsene, come se il pianeta non fosse uno solo e già malato parecchio.
aeromaniac08 Marzo 2006, 18:51 #5
E sopra la news, il destino volle una pubblicità di una scheda madre RoHS-compliant!
Comunque non avrebbe senso vendere a prezzo ridotto quello che si può vendere a prezzo pieno nei paesi che non hanno recepito la normativa.

E dal punto di vista dell'inquinamento, bisogna distinguere tra USA, che hanno consumi elevatissimi e quindi anche depurando le emissioni inquinano, e la Cina, i cui consumi crescono rapidamente senza applicare le tecnologie che limitano l'emissione nell'atmosfera.
Per il futuro ci vogliono sistemi che consumino meno (vedi roadmap presentata all'IDF).
21-5-7308 Marzo 2006, 19:58 #6
Originariamente inviato da: aeromaniac
E sopra la news, il destino volle una pubblicità di una scheda madre RoHS-compliant!


Quel banner e' li da una settimana.
-fidel-08 Marzo 2006, 20:08 #7
Basta semplicemente boicottare (non acquistare) le schede madri che non seguono tale normativa, se si tiene all'ambiente. Non è che tale normativa sia la panacea ai problemi ambientali, ma fino a quando si può scegliere...
KiDdolo08 Marzo 2006, 21:52 #8
è quasi 1 anno e mezzo che si conosce la RoHS e avranno sicuramente convertito per tempo gli impianti e acquistato i componenti conformi RoHS per la produzione venduta in Europa.
Figurarsi se prima di luglio calano le braghe con un bello sconto per ripulire il magazzino , piuttosto aumenteranno di 10 euro la MoBo conforme RoHS rispetto alla non conforme vendendola da luglio in poi a prezzo pieno in paesi dove la RoHS non è seguita

@-fidel-
la normativa è obbligatoria se vuoi vendere in europa, quindi da luglio in poi troverai solo prodotti conformi RoHS
tra l'altro tutti gli apparecchi elettrici ed elettronici venduti in europa dovranno essere conformi RoHs, quindi dal tostapane al lettore mp3, dal tv al decoder digitale, dalle DDR agli HardDisk, ecc... non è un questione solo di schede madri
-fidel-09 Marzo 2006, 10:07 #9
Originariamente inviato da: KiDdolo
la normativa è obbligatoria se vuoi vendere in europa, quindi da luglio in poi troverai solo prodotti conformi RoHS
tra l'altro tutti gli apparecchi elettrici ed elettronici venduti in europa dovranno essere conformi RoHs, quindi dal tostapane al lettore mp3, dal tv al decoder digitale, dalle DDR agli HardDisk, ecc... non è un questione solo di schede madri


Grazie per le info, in effetti mi sembrava strano che fosse una normativa "facoltativa" per i produttori: con i tempi che corrono, è necessario che i governi stabiliscano delle leggi in questo senso
mjordan13 Marzo 2006, 19:28 #10
Originariamente inviato da: KiDdolo
la normativa è obbligatoria se vuoi vendere in europa, quindi da luglio in poi troverai solo prodotti conformi RoHS
tra l'altro tutti gli apparecchi elettrici ed elettronici venduti in europa dovranno essere conformi RoHs, quindi dal tostapane al lettore mp3, dal tv al decoder digitale, dalle DDR agli HardDisk, ecc... non è un questione solo di schede madri


Ci sono da qualche parte dei dettagli su questa normativa? Se copre l'intera produzione elettronica devono essere anche abbastanza generica come normativa...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^