Nuovo stabilimento di Asustek in Cina

Nuovo stabilimento di Asustek in Cina

La compagnia taiwanese ha dato il via alla realizzazione di un nuovo stabilimento di produzione nei pressi di Shanghai

di pubblicata il , alle 10:36 nel canale Schede Madri e chipset
 

Asustek Computer ha avviato ieri i lavori per la realizzazione di un nuovo stabilimento di produzione a Nanhui, Shanghai, che sarà pronto per la produzione in volumi nella metà del 2006. Il nuovo stabilimento sarà caratterizzato da un tasso di produzione tre volte maggiore di quanto attualmente è possibile a Suzhou.

La compagnia dovrebbe investire circa 2 miliardi di dollari taiwanesi nello stabilimento di Nanhui, secondo quanto riportato da fonti vicine alla compagnia. Lo stabilimento sarà principalmente specializzato nella realizzazione di prodotti di elettronica di consumo, come lettori MP3 e console di gioco.

Asustek, inoltre, dovrebbe spostare la produzione dei portatili commissionati da Apple dallo stabilimento di Suzhou al nuovo stabilimento di Nanhui, sebbene la compagnia abbia appena ultimato il trasferimento della produzione di questi notebook da Chungli a Suzhou.

Fonte: Digitimes

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

83 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
JohnPetrucci24 Maggio 2005, 10:50 #1
Mi sa che prima o poi mi trasferisco in Cina pure io, forse per il futuro è la scelta migliore......
rob-roy24 Maggio 2005, 11:00 #2
Se sei disposto a prendere una ciotola di riso di stipendio,perchè no?
lupezio24 Maggio 2005, 11:14 #3
...oppure se apprezzi il regime comunista e aspiri a vivere come
una marionetta....
Max Power24 Maggio 2005, 11:56 #5
Mi piacerebbe sapere xkè non si muove l'USA "contro" la CINA, Bush non aveva detto "lotta contro tutti i dittatori"????

O forse era lotta contro i dittatori con armi di distruzione di massa

Sarebbe anche ora di svegliarsi, tutto sto made in China è servito per qualche anno, ora basta.
rob-roy24 Maggio 2005, 12:08 #6
Se Bush prova solo a pensare di attaccare la cina finiamo nella terza guerra mondiale....meglio non pensarle neanche certe cose...
Capitan Biglio24 Maggio 2005, 12:15 #7
Infatti, meglio evitare casini.

Anche se il problema della svalutazione dello Yuan rimane.
Contro i cinesi possiamo fare poco...

Cmq, riprendendo la notizia, ormai cani e porci sono lì, chissà quanto dura questa età dell'oro...
Max Power24 Maggio 2005, 12:19 #8
Possiamo fare poco????

Intanto "possiamo" (se fosse x me!!!) commerciare solamente con i paesi che rispettano i diritti umani, del lavorarote & consumatore.

Sicurezza sul lavoro e SINDACATI >

In men che non si dica, soprattutto grazie a quest'ultimi, ci ritrovaremo subito competitivi!!!!

----

////Cmq, riprendendo la notizia, ormai cani e porci sono lì, chissà quanto dura questa età dell'oro...////

E' una dittatura e finchè non ci sarano rivoluzioni sociali interne rimarrà tutto così com'è.

Sinceramente se fossi un grande paese con degli infiltrati si potrebbero muovere le acque, ma a quanto pare ai politici questo non interessa $$$
grendinger24 Maggio 2005, 12:24 #9
Originariamente inviato da: Max Power
Mi piacerebbe sapere xkè non si muove l'USA "contro" la CINA, Bush non aveva detto "lotta contro tutti i dittatori"????

O forse era lotta contro i dittatori con armi di distruzione di massa

Sarebbe anche ora di svegliarsi, tutto sto made in China è servito per qualche anno, ora basta.

Magari perchè gli americani sono +0- 300mln mentre gli altri sono +o- il quadruplo (o quintuplo...) ... e non si sa cosa nascondano...
Direi che piuttosto che puntare a rovesciare il regime cinese (s'arrangi il popolo, che dobbiamo continuare a mandare a morte i nostri?) sarebbe meglio puntare a impedire alle industrie dell'occidente di continuare ad andare a impiantare fabbriche laggiuù, continuando ad alimentare lo scandaloso sfruttamento dei lavoratori (come mostrato spesso giovanissimi!) e ad affossare l'economia continentale.
Ho già affrontato l'argomento qui , anche se la cosa andrebbe ben più approfondita...
Ciauz
zal24 Maggio 2005, 13:23 #10
Originariamente inviato da: rob-roy
Se Bush prova solo a pensare di attaccare la cina finiamo nella terza guerra mondiale....meglio non pensarle neanche certe cose...


La guerra fredda Cina / Stati Uniti è già in atto da lungo tempo. La Cina ha sostituito l'URSS nello scenario mondiale. Ora lo scontro è apparentemente solo economico, ma purtroppo dobbiamo attenderci uno scontro culturale, inevitabile, perchè l'atteggiamento cinese è aggressivo e da paese colonizzatore. La Cina ha stretto e sta stringendo accordi in tutto il mondo (non ultimi l'Iran e la Corea del Nord) per accaparrarsi le risorse di cui è sprovvista. E tenete presente che storicamente, tranne pochi casi, le guerre sono nate per il controllo delle risorse energetiche o alimentari. Se l'Europa non saprà trovare, a breve termine, la propria identità politica ed economica, che è l'unica cosa che può determinare delle posizioni nei rapporti con la Cina, ci converrà seguire le posizioni degli Stati Uniti, fosse solo per farci colonizzare da chi, culturalmente, ci assomiglia di più.
Ciao!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^