Niente più supporto Rambus per le soluzioni SiS

Niente più supporto Rambus per le soluzioni SiS

Il futuro delle memorie Rambus in piattaforme PC Desktop appare sempre più fragile; il supporto per il chipset SiS R658 è destinato a scomparire del tutto

di Paolo Corsini pubblicata il , alle 09:38 nel canale Schede Madri e chipset
Rambus
 

Il futuro delle memorie Rambus in sistemi Desktop pare, al momento attuale, tutt'altro che certo. Tutti i produttori taiwaneisi di schede madri, in primo luogo Asustek, hanno interrotto il supporto all'unica piattaforma chipset per queste memorie ancora disponibile, modello SiS R659. La stessa Rambus, del resto, non è per nulla convinta che ci sia futuro per le proprie tecnologie almeno in ambiente desktop.

Nel corso del 2002 SiS ha introdotto la prima soluzione chipset con supporto Rambus non sviluppata direttamente da Intel, modello R658. Nel corso del 2003 SiS ha presentato il modello R659, soluzione dotata di supporto a memorie Rambus PC1200 in architettura a 4 canali contemporanei, capaci di valori di bandwidth estremamente elevati. Il successo di mercato di questa soluzione, tuttavia, è stato molto ridotto.

Asustek è stato in origine uno dei produttori taiwanesi che ha supportato SiS e le sue piattaforme chipset per memoria Rambus. Lo sviluppo della soluzione Asus R659 è stato però accantonato, per limiti dovuti alle prestazioni velocistiche non allineate a quelle di altri chipset per memorie DDR.

La stessa SiS, del resto, non pare molto convinta della fattibilità economica di una soluzione Rambus. L'attenzione del mercato, infatti, è attualmente verso le piattaforme PCI Express di prossima introduzione, con notevole focus anche verso le memorie DDR-2 attese in piattaforme desktop dalla fine del secondo trimestre 2004.

Nonostante SiS abbia in cantiere un'evoluzione del chipset R659 per schede madri Desktop, sembra che Rambus non abbia al momento fornito nessun supporto diretto per il design di chipset e schede madri, chiaro segnale che il futuro delle soluzioni Rambus per sistemi Desktop sia tutt'altro che chiaro.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito EEtimes a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Max Power05 Maggio 2004, 10:32 #1
Finalmente si sono accorti ke le rambus sono inutili, anche in modalitaà dual, quad, eight, sixteen channel.....

Apocalisse8405 Maggio 2004, 10:52 #2
Si può parlare di uno dei più grandi flop della storia dell'informatica??
ErminioF05 Maggio 2004, 12:19 #3
E' uno dei tanti apocalisse...
matboscolo05 Maggio 2004, 13:35 #4
Anch'io sono sempre stato scettico nei confronti di questa tecnologia, soprattutto a causa degli alti costi (non giustificati dalle prestazioni, che di certo non sono superiori alle ddr attuali)
darkwings05 Maggio 2004, 19:31 #5
La tecnologia rambus non e' male anzi,ma il fatto di farsi dare le royalty per ogni chip ha tagliato fuori queste memorie dal mercato desktop.
Attualmente vengono comunque largamente usate nei server HP,nella PSX2 e impianti video e audio ad elevate prestazioni.
L'errore e' stata la politica di vendita tutto li e chi dice che le rambus non vanno si sbaglia,il motivo per cui le DDR gli tengono testa e' semplicemente perche' la banda resa disponibile dalle memorie RD non viene utilizzata dai normali pc.Se non fosse cosi' a maggior ragione non verrebbero utilizzate in server ad alte prestazioni,dove appunto la banda e' necessaria e viene utilizzata a pieno,basti pensare ad un sistema dual processor o meglio ancora quad, degli Xeon dove la banda di memoria viene suddivisa tra i processori.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^