Lenovo e l'Agenzia Spaziale Europea unite per mappare la Via Lattea

Lenovo e l'Agenzia Spaziale Europea unite per mappare la Via Lattea

L'Agenzia Spaziale Europea (ESA) rinnovando il contratto di collaborazione con Lenovo per portare avanti il Progetto Gaia. I dati acquisiti dalla sonda astronomica che sta mappando la Via Lattea produrranno un file da oltre 1 petaybyte, Lenovo continuerà ad avere parte attiva nell'attività di elaborazione dei dati.

di pubblicata il , alle 16:01 nel canale Sistemi
Lenovo
 

Il file con i dati finali raccolti nell'ambito del progetto Gaia, il satellite astronomico con il quale l'Agenzia Spaziale Europea sta realizzando il più rilevante "censimento stellare" della Via Lattea, secondo le stime, avrà una dimensioni pari ad oltre un petabyte, ovvero un milione di gigabyte, corrispondente alla quantità di dati archiviabili in 200.000 DVD. Per realizzare il file finale, l'ESA dovrà porre in essere un'intensa attività di elaborazione dei dati nell'ambito della quale Lenovo continuerà ad avere parte attiva mettendo a disposizione le sue soluzioni NeXtScale dedicate al data processing. 

L'ESA ha infatti scelto di continuare a portare avanti il progetto rinnovando il contratto di collaborazione con Lenovo, che, dal 2011, lavora a stretto contatto con il Centro Astronomico dell'ESA al progetto Gaia. Il satellite astronomico è stato lanciato in orbita il 19 dicembre 2013 con lo scopo di realizzare la più accurata mappa della Via Lattea esistente. Facile comprendere la necessità di disporre di tecnologia all'avanguardia, come quella fornita da Lenovo, per acquisire ed elaborare le preziose informazioni rilevate dal satellite. 

lenovo gaia

Gaia, il satellite astronomico che utilizzato per mappare la Via Lattea, è stato lanciato in orbita il 19 dicembre 2013. I dati raccolti, dopo l'elaborazione, genereranno un file finale di oltre 1 petabyte. 

Le soluzioni Lenovo NeXtScale, aggiunge l'azienda, assicurano l'affidabilità e le prestazioni richieste dalla gestione di un database di informazioni così importante ed esteso. Una rinnovata collaborazione tra Lenovo e l'Agenzia Spaziale Europea importante per finalizzare il progetto e commentata nei seguenti termini da Wilfredo Sotolongo, VPD Data Center Group, Lenovo EMEA:

I nostri clienti sono da sempre al centro di tutto quello che realizziamo. Per questo, sviluppiamo e investiamo costantemente in innovazione per offrire loro le soluzioni più competitive sul mercato per raggiungere obiettivi e successi sia in termini di mission sia di business. Collaborazioni come quelle avviate con ESA sostengono la nostra leadership e rappresentano un benchmark importante nel settore dell’elaborazione a elevate prestazioni
Si tratta di un importante tassello di una strategia ancor più articolata con la quale Lenovo continua a compiere importanti investimenti nel settore dell'High Performance Computing; un progetto che nel 2015 ha portato all'inaugurazione del Global HPC Innovation Center di Lenovo situato a Stoccarda - con un focus sullo sviluppo sull'analisi comparativa delle applicazioni -  e alla partecipazione di Lenovo all'European Tecnology Platform for High Performance Computing, organismo indipendente che supporta la Commissione Europea nel delineare la strategia per l'elaborazione dei dati come elemento di crescita economica. 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
peronedj20 Maggio 2016, 17:38 #1
Tutti questi dati generati dal satellite come saranno stati trasferiti a terra?
Zenida21 Maggio 2016, 14:06 #2
Me lo sono chiesto anch'io... se fanno stoccaggio sul satellite, per poi trasferire tutto una volta a terra, servono, o più viaggi, o degli HD belli capienti (ma non è questo il difficile) che resistano alle radiazioni spaziali (insomma una bella gabbia di faraday sul modulo)
peronedj21 Maggio 2016, 14:22 #3
Non credo che all'interno del satellite abbiamo alloggiato una soluzione di storage da un milione di gigabyte

Più probabile che i dati vengano trasmessi in streaming in tempo reale attraverso connessione satellitare
Zenida21 Maggio 2016, 17:07 #4
Originariamente inviato da: peronedj
Non credo che all'interno del satellite abbiamo alloggiato una soluzione di storage da un milione di gigabyte

Più probabile che i dati vengano trasmessi in streaming in tempo reale attraverso connessione satellitare


Si ma trasmettere tutti quei dati tramite satellite con le velocità di trasmissione che si hanno su queste distanze, si farebbe prima ad andare con la vespa fino a lì
peronedj21 Maggio 2016, 17:18 #5
Originariamente inviato da: Zenida
Si ma trasmettere tutti quei dati tramite satellite con le velocità di trasmissione che si hanno su queste distanze, si farebbe prima ad andare con la vespa fino a lì


Il satellite è stato lanciato il 19 dicembre 2013, supponendo che ha inviato ininterrottamente dati per 2 anni ovvero 2*365*24*60*60 = 63.072.000 secondi
per arrivare ad un milione di gigabyte totali basta che abbia trasmesso a circa 15 megabyte al secondo, dici che è troppo per una connessione satellitare?
FunnyDwarf21 Maggio 2016, 17:24 #6
https://directory.eoportal.org/web/eoportal/satellite-missions/g/gaia

10 Mbits/s from L2

1 petabyte sono comunque i dati "a terra"
peronedj21 Maggio 2016, 17:31 #7
Si effettivamente leggo ora che i dati grezzi che vengono generati dal satellite sono circa 90 terabyte e si aspettano di arrivare a 700 dopo 5 anni

e rifacendo i calcoli 90 terabyte corrispondono a circa 720 milioni di megabit, ad una velocità di 10 megabit al secondo ci vogliono 72 milioni di secondi, ovvero 2,3 anni cioè da quando il satellite è in orbita

quindi si, trasmette in streaming in tempo reale

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^