Continuano i segnali di crescita nel mercato dei PC

Continuano i segnali di crescita nel mercato dei PC

I dati trimestrali diffusi da IDC confermano quanto visto nel trimestre precedente: la domanda di PC è in zona positiva, con una crescita del 3% rispetto ai 12 mesi precedenti

di pubblicata il , alle 10:41 nel canale Sistemi
AcerAppleDellHPLenovoMicrosoftWindows
 

Il mercato dei PC, alla luce dei dati diffusi da IDC per il terzo trimestre 2019, continua a mostrare segnali positivi di crescita. Parliamo di un +3% rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, valore positivo che segue quello registrato anche nel corso del secondo trimestre 2019.

Parte di questa crescita è legata alla volontà dei produttori di accumulare scorte di prodotti che siano adeguate alla domanda prevista per l'ultima parte dell'anno, ma incidono anche i dazi commerciali tra USA e Cina. I produttori hanno così operato d'anticipo, accumulando più sistemi e preparandosi a delocalizzare almeno parte della produzione in altre regioni come Taiwan e Vietnam.

Dal settore commerciale proviene inoltre una domanda di nuovi sistemi legata allo stop del supporto al sistema operativo Windows 7, previsto a partire dalla metà del mese di gennaio 2020. La spinta all'adozione di sistemi basati su sistema operativo Windows 10 è presente in un po' tutti i mercati ma ben evidente in quello EMEA, che in generale si è ben comportato nell'ultimo trimestre tanto nel settore dei sistemi desktop come in quello dei notebook.

Lenovo continua a mantenere la prima posizione di mercato con una quota del 24,6%, registrando una crescita del 7,1% rispetto all'anno precedente. Al secondo posto segue HP Inc, con il 23,8% e un dato di crescita positivo per il 9,3%. Dell completa il podio alla terza posizione con una quota del 17,1% e una crescita annuale del 5,3%. Apple si posiziona al quarto posto con il 7,1% del mercato, in calo del 6,1% su base annuale, mentre alla quinta posizione troviamo Acer con il 6,3% del totale e un valore in calo del 7,2% rispetto al corrispondente periodo del 2018.

In totale IDC stima che nel corso del terzo trimestre 2019 siano stati consegnati circa 70,4 milioni di sistemi; poco meno del 79% è ottenuto dai primi 5 produttori qui menzionati, con la restante quota del 21,1% divisa tra tutte le altre aziende impegnate a livello globale.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
biffuz11 Ottobre 2019, 11:33 #1
O forse la gente dopo l'ubriacatura da tablet si sta rendendo conto che per essere produttivi un PC è molto meglio...
No veramente, vedi giovani arrivare a fare colloqui e sembrano convinti che con "richiesta conoscenza uso PC" voglia dire saper mandare messaggini su Whatsapp: "ma perché usate veramente ancora i piccì? non voglio lavorare in un'azienda di vecchi".
Maxt7511 Ottobre 2019, 11:56 #2
Ciclicamente escono notizie così. Una volta di mercato in contrazione, una volta di mercato in espansione. Adesso saremo in salita...
massi4791111 Ottobre 2019, 12:50 #3
Oddio, non pensavo che il mio recentissimo acquisto facesse impennare di così tanto le vendite...si vede che ormai ne vendono proprio pochi
emiliano8411 Ottobre 2019, 12:50 #4
Originariamente inviato da: biffuz
O forse la gente dopo l'ubriacatura da tablet si sta rendendo conto che per essere produttivi un PC è molto meglio...
No veramente, vedi giovani arrivare a fare colloqui e sembrano convinti che con "richiesta conoscenza uso PC" voglia dire saper mandare messaggini su Whatsapp: "ma perché usate veramente ancora i piccì? non voglio lavorare in un'azienda di vecchi".


e non sanno manco cosa sia un'email ... pensano i messaggi di facebook
s-y11 Ottobre 2019, 13:03 #5
mi pare più che altro ci siano indicazioni che sia una situazione transitoria più che un trend, dovuta a numerosi fattori contingenti, citati nell'articolo
giuliop11 Ottobre 2019, 14:52 #6
Originariamente inviato da: biffuz
O forse la gente dopo l'ubriacatura da tablet si sta rendendo conto che per essere produttivi un PC è molto meglio...
[...]


Non esiste "ubriacatura da tablet". Il PC fa e ha sempre fatto 10 volte quello che può fare un tablet, ma per il 90% delle persone - fra cui una fetta tutt'altro che trascurabile di lavoratori, per cui "essere produttivi" consiste nel mandare e-mail, consultare schede prodotto, inserire ordini, fatturare, etc. - quel 10% è più che sufficiente, e il PC è solo un impaccio.
OttoVon11 Ottobre 2019, 16:41 #7
Originariamente inviato da: giuliop
Non esiste "ubriacatura da tablet". Il PC fa e ha sempre fatto 10 volte quello che può fare un tablet, ma per il 90% delle persone - fra cui una fetta tutt'altro che trascurabile di lavoratori, per cui "essere produttivi" consiste nel mandare e-mail, consultare schede prodotto, inserire ordini, fatturare, etc. - quel 10% è più che sufficiente, e il PC è solo un impaccio.


Eh no, se non usi l'ultimo i7 con almeno un paio di ssd in raid non sei nessuno.
ComputArte11 Ottobre 2019, 18:33 #8

PC...ovvero ....

PERSONAL....computer!
Una tecnologia "vecchia"...per coloro che continuano a pompare il "cloud"+smart come il "nuovo"....
Ma facciamo un piccolo confronto.
Il primo ha la logica di elaborare e mantenere in locale tutti i dati, mentre la seconda, i dati ( e tutto il valore che producono ), li usurpa e li spreme anche all'insaputa dei titolari....
La consapevolezza può essere un driver molto forte...
Quello che può amplificare il tutto è il GDPR...

Comunque il PC non morirà mai, anzi...con i chiari di luna e gli scandali che ogni giorno investono le OTT che sono "cloud" based, ci possiamo solo augurare ed aspettare che si torni alla computazione in locale!

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^