Chassis e alimentatori per Hiper

Chassis e alimentatori per Hiper

L'utilizzo di una particolare lega di alluminio permette ad Hyper di sviluppare chassis solidi e che dissipano al meglio il calore

di pubblicata il , alle 13:33 nel canale Sistemi
 

hyper_2.jpg (39300 bytes)

Al Cebit Hiper ha presentato il proprio nuovo chassis Osiris, che parte dall'esperienza maturata con il modello Anubis introducendo alcune peculiarità tecniche. Scompare il pannello frontale ad apertura laterale per un profilo lineare, che può essere facilmente rimosso del tutto dalla struttura portante attraverso 4 perni autobloccanti; il pannello laterale continua ad utilizzare due leve superiori, ma aprendo il case scopriamo che l'alimentatore è posizionato nella parte inferiore, così da lasciare spazio in alto ad una ventola di aspirazione che si abbina ad una seconda posta superiormente.

La costruzione vede l'utilizzo per tutto il case di una lega di alluminio, appositamente scelta da Hiper per le proprietà di dissipazione termica: la finalità di questa scelta tecnica è infatti quella di utilizzare lo chassis quale componente diretto per la dissipazione del calore generato dai vari componenti, sia sfruttando le ventole integrate che servendosi della stessa superficie del case quale dissipatore passivo. L'espandibilità complessiva riprende quella del modello Anubis: troviamo infatti 5 Slot da 5 pollici e 1/4 e 4 Slot da 3 pollici e 1/2, oltre ad una predisposizione specifica per un lettore floppy.

hyper_4.jpg (50670 bytes)

Hiper è principalmente nota in Italia per i propri alimentatori, soluzioni che nel caso della serie Type R II si caratterizzano sia per una confezione particolare che integra alimentatore e varie dotazioni in bundle, che per la presenza nel pannello posteriore di 8 porte USB 2.0 e di una porta addizionale in grado di erogare sino a 1 Ampere, specificamente indicata per l'alimentazione di dispositivi quali un telefono cellulare a PC spento. Le potenze massime erogate sono pari a 680 Watt oppure 880 Watt a seconda dei modelli.

hyper_5.jpg (38981 bytes)

Nella serie di alimentatori Type M ritroviamo caratteristiche tecniche simili a quanto visto con le soluzioni Type R II, ma con un target di riferimento che passa dall'utente enthusiast al system integrator. Scompare quindi il box plastico dalla finitura ricercata, in quanto non fondamentale per questo tipo di cliente, per dare spazio alla potenza erogata che raggiunge i 1.000 Watt con il modello top di gamma.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

16 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Praetorian06 Marzo 2008, 13:47 #1
wow, bella pensata le porte usb sull'ali
hibone06 Marzo 2008, 13:57 #2
questo sono le cose che ti fanno venire voglia di piangere...
anzichè fare prodotti innovativi si inventano inutili tamarrate di sta portata...

se poi come penso non c'è nessun sistema di scambio termico diretto tra case e chip allora è più probabile che un cammello passi per la cruna di un ago...
Paganetor06 Marzo 2008, 14:06 #3
l'ali in alto permette di far uscire direttamente il calore senza scaldare gli altri componenti, mentre così il caldo sale, scalda tutto e poi esce... non mi sembra una soluzione furba!

avrebbe più senso mettere l'alimentatore esterno e, con un cavo, portare la corrente all'interno del case (lo so che è scomodo...)
Cristallo06 Marzo 2008, 14:12 #4
La tendenza di mettere l'alimentatore in basso server a fare in modo che lavori più fresco ed eroghi correnti migliori di quelli che erogherebbe essendo attravarso dall'aria calda del case. Per i componenti è più dannosa una tensione di alimentazione sporca che il calore. Tanto ci sono altri metodi per far uscire il calore che utilizzare l'alimentatore come ventola ausiliaria.
icoborg06 Marzo 2008, 14:29 #5
Originariamente inviato da: Cristallo
La tendenza di mettere l'alimentatore in basso server a fare in modo che lavori più fresco ed eroghi correnti migliori di quelli che erogherebbe essendo attravarso dall'aria calda del case. Per i componenti è più dannosa una tensione di alimentazione sporca che il calore. Tanto ci sono altri metodi per far uscire il calore che utilizzare l'alimentatore come ventola ausiliaria.


Aegon06 Marzo 2008, 14:36 #6
Originariamente inviato da: Cristallo
La tendenza di mettere l'alimentatore in basso server a fare in modo che lavori più fresco ed eroghi correnti migliori di quelli che erogherebbe essendo attravarso dall'aria calda del case. Per i componenti è più dannosa una tensione di alimentazione sporca che il calore. Tanto ci sono altri metodi per far uscire il calore che utilizzare l'alimentatore come ventola ausiliaria.


Vero, ma c'è un dettagli che ti sfugge. Se guardi bene la foto l'alimentatore ha la ventola verso il basso e laterale, non verso l'alto. Quindi prende l'aria lateralmente e la butta al pavimento (anche se credo accada il contrario, è + efficiente). L'alimentatore in alto è una cosa scomodissima, poiche non solo limita enormemente lo spazio x l'aspirazione del calore (i drive ottici molto spesso arrivano quasi all'alimentatore, lasciando un spazio piccolissimo tra i due), ma crea anche un "ammasso" di cavi in alto.

La trovo una idea molto intelligente, anche se la faranno pagare uno sproposito...tuttavia avrei messo la ventola completamente nella parte alta del computer, non nel retro
Dexther06 Marzo 2008, 14:42 #7
fantastica pensata quella di poter alimentare periferiche anche a pc spento, tuttavia le 8 restanti son tantine eh!
Mafio06 Marzo 2008, 14:42 #8
Originariamente inviato da: hibone
questo sono le cose che ti fanno venire voglia di piangere...
anzichè fare prodotti innovativi si inventano inutili tamarrate di sta portata...

se poi come penso non c'è nessun sistema di scambio termico diretto tra case e chip allora è più probabile che un cammello passi per la cruna di un ago...


quoto

Originariamente inviato da: Aegon
Vero, ma c'è un dettagli che ti sfugge. Se guardi bene la foto l'alimentatore ha la ventola verso il basso e laterale, non verso l'alto. Quindi prende l'aria lateralmente e la butta al pavimento (anche se credo accada il contrario, è + efficiente). L'alimentatore in alto è una cosa scomodissima, poiche non solo limita enormemente lo spazio x l'aspirazione del calore (i drive ottici molto spesso arrivano quasi all'alimentatore, lasciando un spazio piccolissimo tra i due), ma crea anche un "ammasso" di cavi in alto.

La trovo una idea molto intelligente, anche se la faranno pagare uno sproposito...tuttavia avrei messo la ventola completamente nella parte alta del computer, non nel retro


per questo hanno inventato gli alimentatori modulari...

p.s. che stronzata inutile le usb sull'alimentatore.
!fazz06 Marzo 2008, 15:20 #9
Originariamente inviato da: Mafio
quoto



per questo hanno inventato gli alimentatori modulari...

p.s. che stronzata inutile le usb sull'alimentatore.


io le trovo utilissime invece, sono utili per caricare tom tom ipod e smartphone vari senza aver bisogno di accendere il pc.

utili anche per fornire energia elettrica eggiuntiva ai box da 2.5 senza occupare una porta dati usb
pingalep06 Marzo 2008, 16:05 #10
anche per me le porte usb per alimentare soltanto sono una buona trovata, rimane il fatto che non comprerei mai un ali da+ di 350-400w.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^