Microsoft Windows preinstallato e rimborso della licenza: ora la class action

Microsoft Windows preinstallato e rimborso della licenza: ora la class action

L'ADUC intende procedere con una class action nei confronti di Microsoft in merito all'annosa questione del rimborso della licenza di Microsoft Windows preinstallato dagli OEM

di pubblicata il , alle 12:19 nel canale Sistemi Operativi
MicrosoftWindows
 

"E' stato depositato in Tribunale a Milano, e notificato a Microsoft, l'atto di citazione per l'annunciata class action per il rimborso dei software Windows preinstallati sul pc." È con queste parole che ADUC comunica il raggiungimento di un nuovo importante obiettivo.

L'associazione per i diritti degli utenti e consumatori ha già da tempo iniziato le proprie battaglie giudiziarie in questo particolare settore e presso il Tribunale di Firenze ha già vinto una casua contro un produttore di PC. Proprio in seguito a tale procedimento l'ADUC ha deciso di procedere presso il Tribunale di Milano coinvolgendo direttamente Microsoft.

Al centro della vicenda c'è la licenza OEM di Microsoft Windows: alla prima accensione del sistema l'utente è invitato a sottoscrivere il contratto. Tra le varie opzioni vi è anche la possibilità di non accettare il contratto di licenza rinunciando quindi all'uso del software e accedendo a una procedura di risarcimento a carico del produttore dell'hardware. Questo particolare è ben descritto nell' EULA:

"Utilizzando il software, il licenziatario accetta le presenti condizioni. Qualora il licenziatario non le accetti,
non potrà utilizzare il software e dovrà contattare il produttore o l'installatore per conoscere le modalità di restituzione.".

L'ADUC punta proprio il dito su questa procedura come riportato in un documento ufficiale: ".. Nulla di male, se non fosse che raramente le case produttrici dei pc ottemperano a questo obbligo contrattuale. Molte frappongono ostacoli pratici, altre ritengono che la faccenda riguardi solo l'acquirente e Microsoft. "

Il prossimo passo riguarda l'eventuale ammissibilità dell'azione collettiva, e su questo punto sarà il Tribunale milanese a doversi esprimere. In caso di esito positivo sarà possibile accedere alla causa, anche singolarmente, a patto di rientrare in una serie di requisiti ben indicati da ADUC. La vicenda merita ovviamente di essere seguita con attenzione.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

122 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Opteranium25 Gennaio 2011, 12:32 #1
...e verrà anche il giorno in cui si potrà scegliere il sistema operativo. Se davvero passa questa cosa (spero!) che i produttori offriranno la possibilità di scelta, così da evitare eventuali rimborsi.

La notizia in sé non mi tange, visto che mi sono sempre fatto dei bei assemblati, comunque merita molta attenzione..
sertopica25 Gennaio 2011, 12:34 #2
mi sembra giusto, anche se la colpa sembra non essere direttamente di microsoft.

ma da quand'è che ci sono le class action in Italia?
Freaxxx25 Gennaio 2011, 12:40 #3
sarebbe una buona cosa: nel mondo dei sogni ...
Ventresca25 Gennaio 2011, 12:42 #4
non ho problemi con windows preinstallato sui computer, ma vorrei che si obbligasse microsoft ad allegare il cd/dvd di installazione invece di ricorrere sempre alle irraggiungibili partizioni con l'immagine disco sopra.
Mi sta bene anche che quel disco abbia una licenza non trasferibile ad altri pc, ma almeno se mi si sfascia il SO (cosa che con windows non è proprio rara) so che inserisco il cd dentro e piallo tutto, senza dover raggiungere fantomatiche partizioni...

Lo fa Apple che in termini di dotazioni cerca sempre di essere spartana...
Jabberwock25 Gennaio 2011, 12:43 #5
Originariamente inviato da: Ventresca
non ho problemi con windows preinstallato sui computer, ma vorrei che si obbligasse microsoft ad allegare il cd/dvd di installazione invece di ricorrere sempre alle irraggiungibili partizioni con l'immagine disco sopra.
Mi sta bene anche che quel disco abbia una licenza non trasferibile ad altri pc, ma almeno se mi si sfascia il SO (cosa che con windows non è proprio rara) so che inserisco il cd dentro e piallo tutto, senza dover raggiungere fantomatiche partizioni...

Lo fa Apple che in termini di dotazioni cerca sempre di essere spartana...


Anche questo aspetto dipende dal produttore: alcuni includono i dischi, altri danno la possibilita' di crearli, preinstallando il software!
Darth Sidious25 Gennaio 2011, 12:44 #6
Non ho ben capito in cosa si configuri la class action.

Cosa è successo, in fin dei conti, che utenti che hanno comprato un pc hanno deciso di non pagare la licenza per l'uso di windows7 home basic (e quindi di non usare il pc) tanto in rete ti trovano Windows7 Ultimate gratis?
O vogliono far credere che qualche decina di utenti non voleva windows per mettere....Ubuntù?
Semprechè uno non decida di comprare un pc fiammante ma rimanere al buon vecchio windows98 SE o addirittura a Xp

Vale la pena una class action del genere o sono ancora una volta soldi spesi per giudici, tribunali, avvocati etc. senza cavarne niente?
Se l'aduc vince a noi che cambia?
Freaxxx25 Gennaio 2011, 12:45 #7
Originariamente inviato da: Ventresca
non ho problemi con windows preinstallato sui computer, ma vorrei che si obbligasse microsoft ad allegare il cd/dvd di installazione invece di ricorrere sempre alle irraggiungibili partizioni con l'immagine disco sopra.
Mi sta bene anche che quel disco abbia una licenza non trasferibile ad altri pc, ma almeno se mi si sfascia il SO (cosa che con windows non è proprio rara) so che inserisco il cd dentro e piallo tutto, senza dover raggiungere fantomatiche partizioni...

Lo fa Apple che in termini di dotazioni cerca sempre di essere spartana...


Microsoft vende licenze, non supporti, per Microsoft una licenza venduta = sticker con codice seriale o solo codice seriale, stop.

il supporto è a discrezione di chi ti ha assemblato e/o venduto il PC, inoltre Microsoft stessa consente il download di immagini dei suoi sistemi operativi, la pirateria e quindi l'illegalità e quello che non è consentito, è tutto nel seriale craccato, la pirateria è tutta nell'attivazione illegale, non nella immagine scaricata da internet.
Freaxxx25 Gennaio 2011, 12:49 #8
Originariamente inviato da: Darth Sidious
Non ho ben capito in cosa si configuri la class action.

Cosa è successo, in fin dei conti, che utenti che hanno comprato un pc hanno deciso di non pagare la licenza per l'uso di windows7 home basic (e quindi di non usare il pc) tanto in rete ti trovano Windows7 Ultimate gratis?
O voglio far credere che qualche decina di utenti non voleva windows per mettere....Ubuntù?
Semprechè uno non decida di comprare un pc fiammante ma rimanere al buon vecchio windows98 SE o addirittura a Xp

Vale la pena una class action del genere o sono ancora una volta soldi spesi per giudici, tribunali, avvocati etc. senza cavarne niente?
Se l'aduc vince a noi che cambia?


a me sinceramente da molto fastidio avere un ricarico su un sistema che voglio usare come mi pare, inoltre su certi sistemi una distribuzione GNU/linux è una scelta più saggia di Windows, prendi un netbook con hardware limitato, usato per videoscrittura, chat, web browsing, e poco altro, ci metti una GNU/linux e ti togli pure il pensiero di malware e altre schifezze.

senza contare che una buona parte degli acquirenti potrebbe già avere una licenza.
Mosaik25 Gennaio 2011, 12:53 #9
SE passa questa cosa anche per i computer Apple potrà essere richiesto il rimborso allora

Magari io ci voglio far girare windows e non OSX
citty7525 Gennaio 2011, 12:59 #10
Originariamente inviato da: Darth Sidious
Non ho ben capito in cosa si configuri la class action.

Cosa è successo, in fin dei conti, che utenti che hanno comprato un pc hanno deciso di non pagare la licenza per l'uso di windows7 home basic (e quindi di non usare il pc) tanto in rete ti trovano Windows7 Ultimate gratis?
O vogliono far credere che qualche decina di utenti non voleva windows per mettere....Ubuntù?
Semprechè uno non decida di comprare un pc fiammante ma rimanere al buon vecchio windows98 SE o addirittura a Xp

Vale la pena una class action del genere o sono ancora una volta soldi spesi per giudici, tribunali, avvocati etc. senza cavarne niente?
Se l'aduc vince a noi che cambia?


Quoto in toto.
Il risultato, se dovessero vincere, sarà che venderanno i PC\portatili\net allo stesso prezzo di ora SENZA nulla installato.
Così sarà solo peggio di ora...
Anche perchè, quanto pensate di risparmiare togliendo una licenza OEM?
20 eur?
Io preferisco averla che non averla...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^