Sysinternals, ecco le novità firmate Microsoft

Sysinternals, ecco le novità firmate Microsoft

Le tecnologie anti-rootkit di Mark Russinovich sono state acquisite da Microsoft. Ecco i primi sviluppi del progetto

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 14:01 nel canale Sicurezza
Microsoft
 

Mark Russinovich è uno sviluppatore informatico divenuto famoso per aver individuato il rootkit nelle tecnologie di protezione dei contenuti Sony. Le polemiche in tale occasione furono molto accese e sicuramente regalarono parecchia notorietà a Russinovich e al tool da lui realizzato.

Microsoft ha acquisito tali tecnologie ed ora i componenti Sysinternals vengono distribuiti gratuitamente ma con il logo del big di Redmond; purtroppo il progetto ha perso la natura opensource che lo contraddistinse. Tra le ultime novità segnaliamo Process Monitor uno strumento assai importante per tenere sotto controllo le azioni compiute dai vari file di sistema.

Come riporta Techworld.com, il progetto originale è stato ampliato e migliorato con alcuni strumenti che lo hanno trasformato da semplice removal tool a un più completo strumento di analisi ed indagine. Mark Russinovich continua a seguire altri progetti elencati a questo indirizzo.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Rubberick10 Novembre 2006, 14:19 #1
Che peccato erano ottimi tool open source :\
T_M_P10 Novembre 2006, 14:28 #2
E il fatto che non siano open source non li rende altrettanto ottimi?
mauriziofa10 Novembre 2006, 14:37 #3
I prodotti SysInternals sono sempre stati ottimi ed ora che sono diventati Microsoft acquisiscono quel bagaglio tecnico che prima non avevano e possono diventare perfetti. Ovviamente la concorrenza non la vedrà di buon occhio ma meglio un prodotto perfetto che 10 imprecisi.
Keltosh10 Novembre 2006, 14:39 #4
Peccato perchè erano open source e mi fidavo di quello che dicevano

Adesso che sono della microsoft, invece, non mi fiderò mai più..
cionci10 Novembre 2006, 14:49 #5
Se non sbaglio, non tutti erano open source, solo quelli per console...
jappilas10 Novembre 2006, 14:50 #6
Originariamente inviato da: Rubberick]Che peccato erano ottimi tool open source :\[/QUOTE]sorry, ma anche alche prima, questo valeva solo per alcuni, dei tool di Russinovich, e non per quelli più
no[/B]
Originariamente inviato da: cionci
Se non sbaglio, non tutti erano open source, solo quelli per console...
nemmeno tutti di quelli per console , vedi i pstools
[QUOTE=Keltosh]Peccato perchè erano open source e mi fidavo di quello che dicevano... Adesso che sono della microsoft, invece, non mi fiderò mai più..
questo non lo capisco ... se ti fidavi di Russinovich, Raymond, et al. , è perchè si tratta di persone che ha lavorato molto con e su NT, e ha di questo una conoscenza di livello molto superiore rispetto a quella che potrei avere ad es. io
se anche MS avesse eventualmente riassorbito un suo ex dipendente, questo imhonon danneggia la sua immagine e sil suo livello di know how (se mai dimostra che l' azienda ha bisogno di lui perchè ne sa più di altri che in MS attualmente lavorano....)
fatto salvo che le sue utility, in parte non fossero nè open source nè free nemmeno prima
schwalbe10 Novembre 2006, 15:05 #7
Se prima erano eccezionali... ora che son marchiati MS son diventati delle ciofeche! Scommettete? È successo così per tutti gli altri programmi acquisiti!!
cavaliereombra10 Novembre 2006, 15:10 #8
Originariamente inviato da: schwalbe
Se prima erano eccezionali... ora che son marchiati MS son diventti delle ciofeche! Scommettete? È successo così per tutti gli altri programmi acquisiti!!

L'autoconvincimento è potente nella gente... un po' come credere che tutto il software open source sia perfetto.
DevilsAdvocate10 Novembre 2006, 15:11 #9
Il problema non sta tanto in cosa stiano per diventare, semmai la domanda
fondamentale e':
"Perche' se sono gratuiti (e peraltro molto specifici) si deve sentire il
bisogno di chiudere i sorgenti? C'e' qualcosa da nascondere dentro (sia
spyware, malware, backdoors o quanto altro)?"

Essendo gratuiti e specifici per windows, il problema della concorrenza
non sussiste. Allora perche' cambiare, soprattutto dopo che Microsoft
ha concluso accori multimiliardari con Novell?
jappilas10 Novembre 2006, 15:14 #10
Originariamente inviato da: DevilsAdvocate
Il problema non sta tanto in cosa stiano per diventare, semmai la domanda
fondamentale e':
"Perche' se sono gratuiti (e peraltro molto specifici) si deve sentire il
bisogno di chiudere i sorgenti? C'e' qualcosa da nascondere dentro (sia
spyware, malware, backdoors o quanto altro)?"

il bello è che gratuiti lo sono sempre , anche al nuovo indirizzo
forse intendevi aperti

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^