Singolarità tecnologica entro 7 anni, la previsione di un'azienda italiana: di che si tratta?

Singolarità tecnologica entro 7 anni, la previsione di un'azienda italiana: di che si tratta?

Osservando i progressi nelle traduzioni automatiche la società romana Translated ha stimato che la singolarità tecnologica si concretizzerà intorno al 2030. "Ci stiamo avvicinando alla singolarità nell'intelligenza artificiale. Per la prima volta, siamo stati in grado di quantificare la velocità con cui ci stiamo avvicinando", ha dichiarato il CEO in una recente conferenza.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Scienza e tecnologia
intelligenza artificiale
 

La singolarità tecnologica, il momento in cui l'intelligenza artificiale accelererà andando oltre la comprensione umana, potrebbe essere più vicina di quanto pensiamo. Almeno è quello che dice Translated, una società italiana che offre servizi di traduzione professionale che ha messo a punto un metodo di misura chiamato Time to Edit (TTE) per quantificare i progressi dell'AI nella traduzione linguistica.

"La traduzione linguistica è stata una delle prime sfide intraprese dai ricercatori nel dominio dell'intelligenza artificiale. Rimane uno dei problemi più complessi e difficili per una macchina da svolgere a livello umano", si legge sul loro sito.

"Questo perché il linguaggio è la cosa più naturale per gli esseri umani. Tuttavia, i dati raccolti da Translated mostrano chiaramente che le macchine non sono così lontane dal colmare il divario", ha affermato il CEO di Translated, Marco Trombetti, alla conferenza Association for Machine Translation in the Americas 2022.

Nel mondo dell'IA sono in molti a ritenere che risolvere il problema della traduzione linguistica avvicinerà alla cosiddetta Artificial General Intelligence (AGI), in quanto è un'operazione che richiede una modellazione della realtà accurata. In base alle rilevazioni di Translated sulla riduzione del divario tra ciò che possono produrre traduttori umani esperti e un sistema di traduzione automatica (MT) ottimizzato, sembra che l'AGI non sia così tanto lontana, anche perché nella storia della tecnologia abbiamo visto che basta poco per innescare innovazioni esponenziali.

"I dati consistono nella rilevazione del tempo impiegato per modificare oltre 2 miliardi di suggerimenti alla traduzione automatica da parte di decine di migliaia di traduttori professionisti in tutto il mondo. Queste traduzioni abbracciano più domini disciplinari, dalla letteratura alla traduzione tecnica, e includono campi in cui la traduzione automatica è ancora in difficoltà, come la trascrizione vocale".

Dal 2011 Translated ha iniziato a monitorare la qualità delle traduzioni fatte dai sistemi automatici e ha messo a punto il Time to Edit (TTE) che misura il tempo necessario ai migliori traduttori professionisti per verificare e correggere le traduzioni suggerite dalle macchine. "Da allora, monitoriamo il tempo medio di modifica (TTE) per parola nella lingua di partenza", riporta il post.

"Time to Edit viene calcolato come il tempo totale che un traduttore impiega nel modificare un segmento di testo diviso per il numero di parole che compongono quel segmento. Consideriamo TTE la migliore misura della qualità della traduzione in quanto non esiste un modo concreto per definirla se non misurare il tempo medio necessario per controllare e correggere una traduzione in uno scenario di lavoro reale".

Il grafico diffuso da Translated mostra una tendenza lineare. Se il trend dovesse confermarsi con lo stesso ritmo intrapreso dal 2014, si stima che si arriverà a un secondo entro i prossimi anni, avvicinandosi al punto in cui le traduzioni automatiche forniranno quella che potrebbe essere definita "una traduzione perfetta". Di media, un traduttore umano impiega circa 1 secondo per modificare ogni parola tradotta da un altro umano secondo Translated. Nel 2015, servivano circa 3,5 secondi ai traduttori professionisti per controllare ogni parola suggerita dai sistemi automatici: oggi quel numero è sceso ad appena 2 secondi.

"Questo è il punto di singolarità in cui il tempo speso dai migliori professionisti a controllare una traduzione prodotta dalle macchine non è diverso dal tempo speso a controllare una traduzione prodotta dai loro colleghi che non richiede alcuna revisione. La data esatta di quando questo punto sarà raggiunto può variare, ma la tendenza è chiara".

"Il cambiamento è così piccolo ogni singolo giorno non lo percepisci, ma quando vedi progressi… in 10 anni, è impressionante", ha detto il CEO Marco Trombetti in un podcast pubblicato a dicembre. "Questa è la prima volta in assoluto che qualcuno nel campo dell'intelligenza artificiale ha fatto una previsione della velocità verso la singolarità".

Per quanto il discorso sia molto interessante (e molto vasto, impossibile da relegare in una news) e i progressi evidenti, vi è da dire che è annoso il dibattito su cosa sia effettivamente una AGI - intelligenza artificiale generale - e su quali devono essere essere i parametri per definirla tale. Translated è convinta di poter sintetizzare il concetto in un parametro (TTE), è del tutto legittimo avere qualche dubbio in merito, nonché sulla stima temporale del sorpasso, fissata intorno al 2030.

Allo stesso tempo, la previsione della società non si può derubricare a priori: la tecnologia corre a ritmi velocissimi e il settore dell'AI sforna novità a getto continuo lasciandoci sempre più a bocca aperta, ragion per cui potrebbe bastare un singolo sviluppo per cambiare radicalmente il panorama attuale e la nostra società. 

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
palmy25 Gennaio 2023, 14:29 #1
Suona più come una autocelebrazione ed una sponsorizzazione del loro prodotto che una notizia a canoni oggettivamente scientifici

Per il resto, io spero sempre arrivi Babel Fish (T.H.G.G. cit.)
Notturnia25 Gennaio 2023, 21:54 #2
da qui a dire che entro 7 anni avremo una singolarità il passo è lungo.. ma certo che prima o poi ci sfuggiranno di mano ..
frankie25 Gennaio 2023, 22:38 #3
Bello questo annuncio dopo chatGPT.
Coincidenza?
Io non credo.
Gellison26 Gennaio 2023, 10:29 #4
la penso esattamente come te
TecnoWorld826 Gennaio 2023, 21:01 #5
si diceva per l'auto a guida autonoma che sarebbe arrivata a non aver più bisogno dell'intervento umano già tra il 2020 ed il 2023 e siamo invece molto distanti. Purtroppo più ci si avvicina, più il traguardo diventa difficile da raggiungere (è come un asintoto).
lucap6831 Gennaio 2023, 02:02 #6

Negli anni '60...

...si sosteneva che negli anni 2000 le auto avrebbero volato. Siamo nel 2023 e mi pare volino solo panzane

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^