Mineral, Alphabet vuole rivoluzionare l'agricoltura a colpi di tecnologia

Mineral, Alphabet vuole rivoluzionare l'agricoltura a colpi di tecnologia

Alphabet, casa madre di Google, ha presentato Mineral, il suo nuovo progetto mirato a rivoluzionare l'agricoltura. Un team ha trascorso ultimi anni sviluppando e testando una gamma di prototipi software e hardware figli delle conquiste nel campo dell'intelligenza artificiale, della simulazione, dei sensori, della robotica e in svariati altri settori.

di pubblicata il , alle 18:01 nel canale Scienza e tecnologia
Alphabet
 

Alphabet ha presentato Mineral, il nuovo progetto "Moonshot" di "X", la struttura "segreta" nata dall'unione di Google X Lab e Google X in cui si mettono a punto tecnologie che abbiano ripercussioni a 360 gradi sulla società. Mineral - il cui nome omaggia il ruolo che i minerali giocano nel sostenere la vita sulla Terra - si concentra sull'agricoltura e più in particolare nella progettazione di strumenti e macchinari che consentano di "trasformare il modo in cui viene coltivato il cibo".

Negli ultimi anni, Mineral ha sviluppato "gli strumenti di quella che chiamiamo agricoltura computazionale, in cui agricoltori, allevatori, agronomi e scienziati si appoggeranno a nuovi tipi di hardware, software e sensori per raccogliere e analizzare le informazioni sulla complessità del mondo vegetale. […] Dai campi di fragole in California a quelli di soia in Illinois, abbiamo imparato a conoscere le colture dal germoglio al raccolto, quindi possiamo trovare nuovi modi per aiutare gli allevatori e i coltivatori a capire come crescono le piante e interagiscono con il loro ambiente".

Secondo Mineral, anche se i coltivatori usano strumenti digitali come sensori, fogli di calcolo e GPS, "i loro dati sono isolati o non rappresentano completamente la complessità dell'agricoltura". Per mettere tutto insieme, Mineral ha realizzato una serie di soluzioni, tra cui un macchinario alimentato da pannelli solari, adattabile a colture diverse, dotato di GPS, telecamere e sensori che può analizzare le piante e il campo in cui crescono.

"Combinando i dati raccolti dal campo, come l'altezza della pianta, l'estensione del fogliare e le dimensioni dei frutti, con fattori ambientali come la salute del suolo e il clima, gli strumenti software di Mineral possono aiutare gli allevatori a capire e prevedere come le diverse varietà di piante rispondono ai loro ambienti. Mappando e visualizzando le piante sul campo, i coltivatori possono risolvere i problemi e trattare singole piante invece di interi campi, riducendo sia i costi che l'impatto ambientale. Monitorare come le piante crescono nel tempo può aiutare i coltivatori a prevedere le dimensioni e la resa del loro raccolto, consentendogli di fare migliori proiezioni sulle rese".

2 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Mechano15 Ottobre 2020, 09:37 #1
Questa è l'IA che mi piace. Possibilmente anche studiata per evitare fertilizzanti e pesticidi per quanto possibile.

Meno lavoro nei campi. Più cibo vegetale per tutti.

Sono favorevole sia all'eliminazione del lavoro che dello sfruttamento di migranti disperati.
I robot possono fare tutto.
zappy15 Ottobre 2020, 11:25 #2
Originariamente inviato da: Mechano
Questa è l'IA che mi piace. Possibilmente anche studiata per evitare fertilizzanti e pesticidi per quanto possibile.

Meno lavoro nei campi. Più cibo vegetale per tutti.

Sono favorevole sia all'eliminazione del lavoro che dello sfruttamento di migranti disperati.
I robot possono fare tutto.

sempre che il sw sia open, altrimenti finisce che dalla dipendenza dalle ditte sementiere/chimiche (vedasi il caso del glifosato) passi alla dipendenza dei servizi di G...

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^