La prima immagine di Marte dalla sonda Hope degli Emirati Arabi

La prima immagine di Marte dalla sonda Hope degli Emirati Arabi

La sonda Hope degli Emirati Arabi Uniti è entrata correttamente in orbita intorno a Marte circa una settimana fa. Da qualche tempo è anche disponibile la prima immagine del Pianeta Rosso scattata dalla sonda stessa.

di pubblicata il , alle 13:41 nel canale Scienza e tecnologia
 

Circa una settimana fa la sonda Hope degli Emirati Arabi è riuscita a inserirsi correttamente in orbita intorno a Marte. Operazione complessa a ricca di incertezze, soprattutto quando l'esperienza da parte dell'agenzia spaziale è ridotta. Nonostante tutto gli Emirati Arabi hanno potuto festeggiare e poco tempo fa è anche arrivata la prima immagine ravvicinata del Pianeta Rosso.

sonda hope foto marte

Click sull'immagine per ingrandire

La sonda Hope ha scattato la prima immagine di Marte

Con un breve tweet seguito dall'immagine, l'account ufficiale dello sceicco Mohammed bin Zayed Al Nahyan ha scritto "la trasmissione della prima immagine di Marte da parte della sonda Hope è un momento decisivo nella nostra storia e segna l'adesione degli Emirati Arabi Uniti alle nazioni avanzate coinvolte nell'esplorazione spaziale. Speriamo che questa missione porti a nuove scoperte su Marte di cui beneficerà l'umanità".

Attualmente si tratta di un'immagine inaugurale e in futuro arriveranno altre immagini oltre a una raccolta dati di vario genere che permetterà di conoscere meglio Marte e la sua struttura. Ricordiamo che questa missione non prevede un lander né un rover e quindi rimarrà "solamente" in orbita intorno al Pianeta Rosso.

Si tratta comunque di un successo per una realtà relativamente giovane in questo settore, dove l'esperienza ha un peso enorme. Ricordiamo inoltre che questa sonda ha una dimensione di 3 x 7,9 metri mentre la sua massa si assesta sui 1350 kg. L'alimentazione avviene attraverso grandi pannelli solari che forniscono l'energia necessaria alle batterie e ai sistemi.

marte sonda

Il lancio della sonda Hope è avvenuto lo scorso anno (a Luglio) grazie a un razzo nipponico. L'immissione in orbita è invece avvenuto solamente il 10 Febbraio 2021. Tra gli strumenti a disposizione dei ricercatori ci sono:

  • Emirates Mars InfraRed Spectrometer (EMIRS): spettrometro a infrarossi per l'analisi dell'atmosfera fino a 50 km di quota e per l'analisi delle tempeste di sabbia e della presenza di acqua
  • Emirates eXploration Imager (EXI): per scattare fotografie ad alta risoluzione
  • Emirates Mars Ultraviolet Spectrometer (EMUS): analisi dell'atmosfera superiore per ricercare molecole di ossigeno e idrogeno.

Seguici sul nostro canale Instagram, tante novità in arrivo!

7 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ulisss17 Febbraio 2021, 15:53 #1
si nota che le immagini sono scattate con un ottiche recenti, inizia bene Hope
MaxVIXI17 Febbraio 2021, 16:37 #2
ma solo a me, di anno in anno e di sonda in sonda, il pianeta rosso sembra sempre meno rosso?
raxas17 Febbraio 2021, 16:55 #3
Originariamente inviato da: MaxVIXI
ma solo a me, di anno in anno e di sonda in sonda, il pianeta rosso sembra sempre meno rosso?


E' l'inquinamento terrestre;
si fa sentire anche lì:
poichè Marte si trova in un'orbita esterna, i fumi che salgono dall'atmosfera terrestre vengono spinti sia dalla forza centrifuga del movimento terrestre, e, soprattutto dal vento solare, verso l'orbita di Marte, che li incontra.
Lì le aurore boreali/australi sono di colore marrone [S]mmxxxa[/S] fogna.
Siamo entrati in una fase dell'evoluzione: una civiltà planetaria che riesce ad influenzare, con una ciambella Dysoniana di gas, un altro pianeta.
biometallo17 Febbraio 2021, 17:34 #4
Originariamente inviato da: MaxVIXI
ma solo a me, di anno in anno e di sonda in sonda, il pianeta rosso sembra sempre meno rosso?


Forse perché molte delle vecchie immagini di Marte non erano delle vere foto ma delle ricostruzioni, mi sembra di ricordare che per esempio tutte le immagini che ci sono arrivate con le sonde Viking fossero in bianco e nero e che quindi siano state poi colorate in modo artificioso, e quindi normale che ora che abbiamo vere foto sembrino tanto diverse.

Proprio di recente Adrian Fartade ne ha accennato in un suo video https://youtu.be/C7POJbaVPM0?t=480
raxas18 Febbraio 2021, 03:58 #5
Originariamente inviato da: biometallo
Forse perché molte delle vecchie immagini di Marte non erano delle vere foto ma delle ricostruzioni, mi sembra di ricordare che per esempio tutte le immagini che ci sono arrivate con le sonde Viking fossero in bianco e nero e che quindi siano state poi colorate in modo artificioso, e quindi normale che ora che abbiamo vere foto sembrino tanto diverse.

...

se le foto dell'arcaica Viking erano in b/n, rimane COMUNQUE che: ad occhio nudo, e pure a partire da un piccolo telescopio, il colore di Marte è rosso...
è sempre stato rosso
indipendentemente dal colore aggiunto, suggerito dal colore naturale, alle foto in b/n
per cui la domanda da chiedersi è se la sonda abbia fotografato in qualche banda particolare la luce emessa e visibile al nostro occhio, di Marte
(questo è un post serio ovviamente) ehm : D

e... quanto al video, personalmente posso vedermi i vari prodotti dal tizio Fartade, ma alla fine mi chiedo sull'accento e cadenza vescovili... non mi sembra che sia una cadenza data alla lingua italiana pronunciata da uno di lingua rumena...
sarà un valore aggiunto... magari...:
biometallo18 Febbraio 2021, 12:54 #6
@raxas Non era mia intenzione negare che su Marte il colore predominante sia il rosso, del resto lo è anche in questa foto, non a caso sfuma verso il blu solo sui bordi e da ignorante presumo sia a causa della rifrazione della luce, lo stesso fenomeno per cui sono noti i famosi tramonti blu di Marte inoltre non è che la superficie di Marte sia uniforme, e se nelle ricostruzioni si pitturava tutto di rosso nelle foto reali emergono anche altri colori, non ricordo se in quel video o in un altro (di recente ne ha fatti diversi dedicati proprio alle foto dallo spazio) metteva a confronto due immagini dello stesso bacino, e la differenza fra una vecchia ricostruzione e una foto reale appare piuttosto palese.

Ecco credo semplicemente che questa sensazione che Marte sia meno rosso avvertita da MaxVIXI derivi da qui.
retuor20 Febbraio 2021, 14:45 #7
Originariamente inviato da: ulisss
si nota che le immagini sono scattate con un ottiche recenti, inizia bene Hope


Infatti mi sembra di ricordare che su questi rover quasi sempre se non sempre le ottiche non hanno una grande risoluzione e molto meno sono HD o addirittura nemmeno a colori, come mai? perché magari peserebbero di più?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^