La NASA migliorerà il monitoraggio delle zone costiere dallo Spazio

La NASA migliorerà il monitoraggio delle zone costiere dallo Spazio

Grazie a un nuovo strumento di rilevazione che sarà lanciato nello spazio entro il 2027 si potranno monitorare al meglio le zone costiere determinandone la salute, il grado di sfruttamento e altri parametri fondamentali.

di pubblicata il , alle 13:21 nel canale Scienza e tecnologia
NASA
 

Inviare satelliti nello Spazio può servire anche a salvaguardare la salute del nostro Pianeta? Sì, grazie a sistemi di monitoraggio di diverse tipologie di fenomeni e attività umane. Per esempio la NASA ha appena annunciato uno strumento dedicato all'osservazione delle acque costiere per monitorare e proteggere ecosistemi, migliorare la gestione delle risorse e capire come l'attività umana abbia impatto su questo genere di ambienti.

NASA GLIMR

NASA: GLIMR studierà le zone costiere

Il nuovo strumento che sarà a bordo di un satellite NASA si chiama GLIMR (acronimo di Geosynchronous Littoral Imaging and Monitoring Radiometer) e monitorerà la zona del Golfo del Messico, della costa sud-est degli Stati Uniti e dove il Rio delle Amazzoni sfocia nell'oceano.

Jim Bridenstine (Amministratore della NASA) ha dichiarato "le sue scoperte [ndr. del sensore GLIMR] porteranno anche benefici economici alla pesca, al turismo e alle attività ricreative nell'area costiera". C'è da precisare che questo nuovo strumento è stato realizzato dall'Università del New Hampshire che ha vinto una gara competitiva contro altre sette proposte nel 2018 con un premio da 108 milioni di dollari. Questo permetterà quindi di inserire GLIMR all'interno di un lancio della NASA per l'invio nello Spazio.

Non è la prima volta che dallo Spazio si monitora la salute degli oceani e dei mari. Per esempio in passato sono già stati lanciati satelliti per il monitoraggio della pesca e in particolare della pesca di frodo. Con gli oceani sempre più a rischio per via di diversi fattori, anche una visione dallo Spazio può essere utile.

La NASA cercherà in questo modo di capire come sfruttamento umano, riscaldamento globale, fioriture di alghe (oltre i livelli precedenti), turismo, la pesca e gli esseri umani possano minacciare la salute degli oceani.

Il lancio di GLIMR è previsto per il 2026-2027 e avrà un'orbita geosincrona che consentirà un monitoraggio giornaliero per 15 ore al giorno. Sempre stando a quanto riportato, il sensore che sarà installato sul satellite NASA misurerà la riflettanza della luce solare dei complessi delle acque costiere grazie a un radiometro iperspettrale a bande strette.

Il sistema GLIMR è compreso all'interno del portafoglio di missioni EVI (acronimo di Earth Venture Instrument). Si tratta di missioni relativamente brevi ed economiche che però aiutano a completare il quadro di sistemi di monitoraggio più complessi. Nel 2018 ne sono stati lanciati due che attualmente si trovano sulla ISS: si tratta di GEDI (Global Ecosystem Dynamics Investigation) che misura la salute delle foreste mentre ECOSTRESS misura la temperatura delle piante e in particolare la loro necessità di acqua.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

5 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
nickname8805 Agosto 2019, 17:39 #1
Sarebbe utile una soluzione analoga anche all'Italia per intercettare le imbarcazioni abusive piene di feccia delinquenziale.
GTKM05 Agosto 2019, 17:46 #2
Originariamente inviato da: nickname88
Sarebbe utile una soluzione analoga anche all'Italia per intercettare le imbarcazioni abusive piene di feccia delinquenziale.


Sarebbe inutile. Il problema non è intercettarle, ma decidersi finalmente a fermarle, con qualunque mezzo.
Ma in Italia, figurati..
AlPaBo05 Agosto 2019, 17:47 #3
Originariamente inviato da: nickname88
Sarebbe utile una soluzione analoga anche all'Italia per intercettare le imbarcazioni abusive piene di feccia delinquenziale.


Stai parlando dell'uso illegale delle moto d'acqua della polizia da parte del figlio di Salvini?
CYRANO05 Agosto 2019, 19:57 #4
Originariamente inviato da: nickname88
Sarebbe utile una soluzione analoga anche all'Italia per intercettare le imbarcazioni abusive piene di feccia delinquenziale.


Vero


CIshsksnsdkdn
CYRANO05 Agosto 2019, 19:57 #5
Originariamente inviato da: GTKM
Sarebbe inutile. Il problema non è intercettarle, ma decidersi finalmente a fermarle, con qualunque mezzo.
Ma in Italia, figurati..


Vero anche questo


Codbsosndkd

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^