L'ESO ha scoperto un buco nero in un ammasso stellare fuori dalla Via Lattea

L'ESO ha scoperto un buco nero in un ammasso stellare fuori dalla Via Lattea

Si chiama NGC 1850 BH1 ed è un buco nero di massa modesta che si trova all'interno dell'ammasso stellare NGC 1850. La sua scoperta è dovuta anche grazie alla stella che gli orbita attorno che ne ha rivelato la presenza.

di pubblicata il , alle 13:11 nel canale Scienza e tecnologia
ESO
 

Si torna a parlare di buchi neri e di scoperte legate ai ricercatori dell'ESO (Osservatorio Europeo Australe). Questo genere di corpi celesti, proprio per via della loro natura, sono molto complessi da rilevare e quindi, oltre allo studio teorico, ogni nuova informazione proveniente dalle osservazioni è importante. In questo caso si parla di un buco nero che si trova in un ammasso stellare al di fuori della nostra galassia, la Via Lattea.

NGC 1850 BH1

Per scoprire la sua esistenza è stato impiegato lo strumento MUSE (Multi Unit Spectroscopic Explorer) del Very Large Telescope (VLT) che si trova nell'Osservatorio del Paranal in Cile. Come scoprire un oggetto celeste che non emette di per sé onde elettromagnetiche se non in alcuni casi (come durante la caduta di materia)? Osservando come si comportano altri oggetti vicini, in questo caso una stella che si trova nelle vicinanze.

Il buco nero in un ammasso stellare al di fuori della Via Lattea

Questo buco nero stellare si trova all'interno dell'ammasso stellare conosciuto con il codice di NGC 1850 a sua volte nelle vicinanze della Grande Nube di Magellano. La distanza dalla Terra è stimata in 160 mila anni luce mentre il nome provvisorio è NGC 1850 BH1.

buco nero

Secondo le stime, che si possono trovare nello studio pubblicato recentemente, la massa del buco nero NGC 1850 BH1 è pari a undici volte quella del nostro Sole. Attorno a questo oggetto orbita una stella con una massa di circa 4,9 masse solari che subisce le sue influenze gravitazionali. Ed è proprio grazie alla sua presenza che è possibile scoprire oggetti come i buchi neri stellari che difficilmente emettono emissioni nei raggi X o generano onde gravitazionali.

Come spiegato da Stefan Dreizler (dell'Università di Göttingen) questi buchi neri possono essere trovati solo con analisi della dinamica degli oggetti nelle vicinanze. "Quando formano un sistema insieme con una stella, ne influenzano il moto in modo sottile ma rilevabile, quindi possiamo trovarli con strumenti sofisticati" ha aggiunto.

Grazie a questa scoperta si apre un nuovo Universo di scoperte

Proprio il metodo (dinamico) utilizzato dai ricercatori per scovare NGC 1850 BH1 potrebbe in futuro trovare altri buchi neri. Si potranno così trovare altri oggetti simili presenti all'interno di ammassi stellari e comprenderne le caratteristiche e le possibili evoluzioni.

buco nero

Interessante anche notare come NGC 1850 sia un ammasso stellare relativamente giovane (avendo solo 100 milioni di anni). Questa è la prima volta che un buco nero viene rilevato in questo genere di ammassi. Gli studiosi hanno anche aggiunto che il destino di questo sistema binario è incerto. Il buco nero sta infatti attraendo il materiale della stella (rilevabile nei raggi X) e potrebbe portare in futuro alla sua disgregazione.

In futuro sarà possibile raccogliere nuovi dati da oggetti con caratteristiche simili e confrontarle con quelle di buchi neri più grandi presenti in ammassi più vecchi. Per esempio si potrebbero scoprire le dinamiche di accrescimento dei buchi neri o la loro fusione. Sempre raccogliendo dati sugli ammassi stellari si potranno anche scoprire e comprendere meglio le sorgenti di onde gravitazionali.

Iscriviti subito al nostro canale Instagram!

Perché? Foto, video, backstage e contenuti esclusivi!

0 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^