I ricercatori IBM creano i neuroni artificiali

I ricercatori IBM creano i neuroni artificiali

Grazie ai materiali a cambiamento di fase IBM è riuscita a dimostrare il funzionamento di neuroni artificiali stocastici, che possono rappresentare la base per futuri coprocessori neuromorfici. L'intelligenza artificiale è sempre più vicina

di pubblicata il , alle 18:31 nel canale Scienza e tecnologia
IBM
 

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

18 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Eress06 Agosto 2016, 21:54 #11
Originariamente inviato da: calabar
In realtà esiste una solida base scientifica sull'argomento, poi naturalmente nulla ci vieta di fantasticare per conto nostro.

Vada per le solide basi scientifiche, ma anche quello che avevo citato è uno scienziato, mica un mago ma del resto sono molte le cose che possono essere considerate un esercizio di fantasia, di contro altre sono credute reali, rovesciando il discorso, per esempio noi ci crediamo liberi di agire e di pensare, quando poi un giorno magari scopriremo di essere solo degli automi, come un qualsiasi androide. Tanto per dirne una a caso
ronin78906 Agosto 2016, 23:35 #12
Originariamente inviato da Eress Guarda i messaggi
Guarda che l'autocoscienza è un concetto molto insidioso. In fondo l'autocoscienza scatta nel momento stesso in cui è attivato un circuito. In quei neuroni artificiali scorre corrente elettrica, ma anche azioni e pensieri. Cos'è esattamente pensare, ci hai mai pensato? Io non escluderei aprioristicamente che un androide del genere abbia autocoscienza. E gli animali non hanno autocoscienza? E le piante? E le stelle? Solo l'uomo l'avrebbe? Beh da quel che si vede in giro, semmai a volte dubito che certe persone ce l'abbiano ma andiamo oltre, anche senza avventurarsi troppo nella filosofia della scienza, ricordo le parole di un noto fisico quantistico, che alla domanda precisa, a che cosa in ultima analisi avrebbe paragonato l'universo, con la sua immensa rete di nodi energetici, rispose sicuro: "a una Mente"


Originariamente inviato da: Ermy STi
La coscienza di se stessi avviene solo ad un determinato grado di intelligenza che solo l'uomo e pochi mammiferi hanno. Tutto il resto sono discorsi da bar.



....
...dal mio punto di vista, la diferenza tra macchine e animali (l'uomo è un animale, ed è il più nocivo degli animali) è che gli animali hanno una anima e le macchine no...
...
sbazaars07 Agosto 2016, 00:07 #13
Sicuramente bisognerà rendere diversa la tecnolgia hardware che fino ad ora conosciamo prima o poi. È di notizia di qualche giorno fa il fatto che i processori hanno raggiunto la loro grandezza minima...
Epoc_MDM08 Agosto 2016, 09:44 #14
L'IA sarà veramente IA quando sarà in grado di produrre AUTONOMAMENTE meccanismi di autodifesa per evitare l'estinzione della specie.

E sinceramente spero di non vivere abbastanza da vederlo
Pier220408 Agosto 2016, 14:13 #15
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
L'IA sarà veramente IA quando sarà in grado di produrre AUTONOMAMENTE meccanismi di autodifesa per evitare l'estinzione della specie.

E sinceramente spero di non vivere abbastanza da vederlo


L'istinto di sopravvivenza è comune a tutte le specie animali, poi varia il grado, ad esempio quelle specie che sviluppano un comportamento sociale come la nostra e non solo. Già il fatto di condividere con altri la propria sopravvivenza e organizzazione sociale ê sinonimo di intelligenza,(capire di poter delegare) fino ad arrivare a intelligenze avanzatissime in grado di sviluppare arte e filosofia.
IA di per se non dice nulla se non lo si mette in confronto alla media della specie intelligente contemporanea.
Epoc_MDM08 Agosto 2016, 14:37 #16
Originariamente inviato da: Pier2204
L'istinto di sopravvivenza è comune a tutte le specie animali, poi varia il grado, ad esempio quelle specie che sviluppano un comportamento sociale come la nostra e non solo. Già il fatto di condividere con altri la propria sopravvivenza e organizzazione sociale ê sinonimo di intelligenza,(capire di poter delegare) fino ad arrivare a intelligenze avanzatissime in grado di sviluppare arte e filosofia.
IA di per se non dice nulla se non lo si mette in confronto alla media della specie intelligente contemporanea.


Si ok chiaro ma... cosa c'entra con quello che ho scritto io?
Pier220408 Agosto 2016, 15:02 #17
Originariamente inviato da: Epoc_MDM
Si ok chiaro ma... cosa c'entra con quello che ho scritto io?


Che secondo il tuo punto di vsta la definizione di Intelligenza Artificiale sarà tale solo quando sarà in grado di autodifendersi... se ho capito bene.

Ho aggiunto che non è ben chiaro dove inizia IA, visto che anche l'animale più stupido ha un istinto di sopravvivenza...

O il metro di misura è sbagliato oppure la definizione di IA va rivista...
Epoc_MDM09 Agosto 2016, 09:38 #18
Originariamente inviato da: Pier2204
Che secondo il tuo punto di vsta la definizione di Intelligenza Artificiale sarà tale solo quando sarà in grado di autodifendersi... se ho capito bene.

Ho aggiunto che non è ben chiaro dove inizia IA, visto che anche l'animale più stupido ha un istinto di sopravvivenza...

O il metro di misura è sbagliato oppure la definizione di IA va rivista...


Beh è comunque il mio punto di vista. Anche l'animale più "stupido" sa che deve salvarsi da un predatore e preferisce "morire" per salvare la prole e mandare avanti la specie.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^