XML sarà il formato di default in Office 12

XML sarà il formato di default in Office 12

Microsoft ha annunciato che la prossima versione della suite Office adotterà per i formati di default la tecnologia Extensible Markup Language (XML)

di pubblicata il , alle 14:27 nel canale Programmi
Microsoft
 
Microsoft ha annunciato che la prossima versione della suite Office adotterà per i formati di default la tecnologia Extensible Markup Language (XML).

Questa caratteristica avrà svariati vantaggi tra cui la minor dimensione dei file grazie all'integrazione della compressione ZIP, la semplificazione delle operazioni di recovery di files danneggiati ed ovviamente una miglior flessibilità dell'interazione con altre applicazioni.

La nuova tecnologia Microsoft sarà "fully documented file formats with a royalty-free license", un notevole passo avanti per Redmond.

Office 12 garantirà la compatibilità agli attuali formati ed è previsto un apposito update per le "vecchie" versioni di Office.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

37 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
ChenDream03 Giugno 2005, 14:35 #1
CompreZZione
Fabio, credo che ci sia un errore di ortografia. Ciao
SilverXXX03 Giugno 2005, 14:36 #2
Incredibile....
JohnPetrucci03 Giugno 2005, 14:38 #3
Sembra una buona notizia.
magilvia03 Giugno 2005, 14:38 #4
Sul serio ??? Cioè fatemi capire bene, dopo anni di formati proprietari segreti e il più possibile indecifrabili, ora se salvo un documento di testo o un foglio di calcolo esso sarà in formato XML (cioè testo ASCII) compresso in ZIP ?
Sarebbe una grandissima apertura verso l'open source da parte di microsoft. Quasi impensabile. No dai è impossibile, ho capito male !
sirus03 Giugno 2005, 14:48 #5
OpenOffice.org 2.0.0 lavora già così e io MS Office l'ho cestinato da un po' unica cosa che tengo ancora è Access
sirus03 Giugno 2005, 14:48 #6
comuque era ora che aprissero i propri formati e soprattutto che adottassero uno standard come XML
RaouL_BennetH03 Giugno 2005, 14:50 #7
tanto...quando Microsoft si avvicinerà al mondo dell'open source in questo senso, pur di darle addosso a tutti i costi, l'open source scomparirà per lasciare il posto alla closed-crypted-x2,antani-ma_anche_no-source

Altrimenti...con chi fare un bel pò di flame?

Cmq, buona news a parte gli scherzi
Fabio Boneschi03 Giugno 2005, 14:55 #8
....il caldo fa strani effetti
lepre8403 Giugno 2005, 14:58 #9
XML 5centesimi!

Alex77s03 Giugno 2005, 15:09 #10

Siamo proprio sicuri...

Siamo proprio sicuri che sia una cosa positiva?

Sarei totalmente daccordo a giudicarla una cosa positiva se Microsoft non avesse deciso di brevettare un metodo per la conversione di oggetti in file XML (brevetto 6.898.604 ).
Ma avendo fatto queste due mosse, in rapida successione, brevettare un metodo per la conversione di oggetti in file XML, ed implementare nelle prossime versioni di Office quello che altri software fanno già da tempo utilizzando l'XML, non può che farmi pensar male.

Si è vero il "nuovo" formato sarà libero da royalty, ma questo mi convince ancor di più che non sia tutt'oro quello che riluce.

Io ci vedo una mossa, fra l'altro poco originale, da parte del colosso di Redmond: far diventare il proprio standard il "nuovo" standard, farlo diffondere il più possibile, facendo leva sull'assenza di royalty, per poi tirare fuori comunque la presenza di un brevetto e far sparire la concorrenza nelle aule di qualche tribunale. Insomma non obbliga a pagare le royalty, ma prima o poi potrebbe obbligare qualcuno a difendersi in tribunale.

Come al solito, in queste circostanze, spero di sbagliarmi, e di aver esagerato, ma la successione di questi due eventi a così breve distanza purtroppo mi lascia poco ottimista.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^