Microsoft SharedView beta: prime apparizioni online

Microsoft SharedView beta: prime apparizioni online

SharedView è una soluzione in fase di sviluppo da Microsoft che intende offrire ampie possibilità di collaborazione e condivisione tra due utenti remoti

di pubblicata il , alle 11:54 nel canale Programmi
Microsoft
 

Le possibilità offerte dalla galassia di servizi Live ha come elemento nodale un'unica procedura di autenticazione attraverso l'account Windows Live o il più noto sistema Passport: attraverso tale login gli utenti hanno la possibilità di accedere all'instant messenger, alla posta elettronica di Hotmail e a tutti gli svariati servizi attivati dalla casa di Redmond.

Oltre alle molte iniziative dedicate alla clientela consumer vi sono anche progetti dedicati all'utenza professionale e nel caso specifico riguardano la possibilità di collaborare a distanza in modo efficace. Questo genere di applicazioni è da tempo in fase di sviluppo e parzialmente sviluppato da Microsoft, ma è innegabile che tali tecnologie siano da tenere sotto osservazione per gli eventuali sviluppi futuri.

Microsoft SharedView è un servizio che intende offrire la possibilità a due utenti connessi ad internet di condividere e lavorare contemporaneamente sui medesimi documenti: effettuato l'accesso con le credenziali Windows Live un utente procede ad invitare l'interlocutore online attraverso messaggi IM, mail o via telefono. Qualora l'interlocutore accetti l'invito viene avviata una sessione di lavoro.

I due utenti potranno definire il livello di condivisione da impostare che potrà essere minimale, quindi legato a un singolo file/applicazione, o totale dando libero accesso al proprio sistema. Come avviene in soluzioni simili solo un utente alla volta può avere il controllo del sistema o dell'applicazione mentre l'altro ha solo la possibilità di osservare.

L'utente che detiene il controllo della sessione è anche quello che stabilisce a chi cedere tale privilegio. Ipotizzando quindi di aver instaurato una sessione con un collaboratore sul medesimo documento e di essere in possesso del controllo, per consentire all'interlocutore di effettuare modifiche al documento condiviso dovremo cedere i nostri privilegi. In queste operazioni di coordinamento divengono fondamentali le funzionalità di instant messaging.

SharedView, progetto attualmente in beta test, prevede i seguenti requisiti minimi di sistema:

  • Windows Server 2003 Service Pack 1, Windows Vista Home Premium, Windows Vista Ultimate, Windows XP Service Pack 2
  • Memoria ram: Minimo 256MB di RAM (512 MB recommended)
  • Hard disk: 10MB  di spazio libero su disco
  • risoluzione del display minima: 800x600
  • Almeno le DirectX 8.0 installate sul pc
  • Connessione internet con velocità di almeno 300kbps
  • Windows Live ID valido

Arstechnica.com propone alcune interessanti osservazioni critiche in merito al tool appena descritto e solo lo status di beta può fornire a Microsoft qualche giustificazione. Nelle prove condotte è emerso che il meccanismo di controllo della sessione e di cessione dello stesso all'interlocutore non è estremamente funzionale e in alcuni casi può rendere difficile la collaborazione.

La prova sopraccitata ha inoltre rilevato che condividendo una singola applicazione, ad esempio PowerPoint, e utilizzando Live Messenger per comunicare sul display dell'interlocutore privo di controllo verrà costantemente visualizzata un'area grigia, proprio in corrispondenza della finesta del messenger visualizzata sull'altro pc. Questo difetto ha ovviamente una sua ragion d'essere: lo strumento di messaggistica non è condiviso e quindi non deve essere visualizzato sul pc remoto; è però innegabile che in alcune situazioni il tutto possa risultare fastidioso.

Altre critiche giungono in merito al messaggio pubblicitario costantemente visualizzato nella parte destra dell'interfaccia grafica per il pc master, ovvero quello in possesso dei privilegi di controllo. Questo dettaglio non è però riconducibile a un difetto dello strumento poichè rientra nella precisa logica dei molti servizi Live.

Lo strumento Microsoft, sicuramente perfezionabile, conferma il costante interesse verso questo genere di attività anche per l'impiego in piccole realtà aziendali. Non bisogna dimenticare infatti che Microsoft ad oggi offre già soluzioni dedicate alla collaborazione che però prevedono una precisa e complessa infrastruttura hardaware/software.

SharedView non deve essere paragonato agli strumenti appena citati bensì a quanto ad oggi offerto da Windows Vista in ambito di rete lan locale. Al momento non abbiamo indicazioni precise relative alla data di rilascio del servizio.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

8 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
Paganetor17 Maggio 2007, 11:57 #1
Memoria ram: Minimo 256MB di RAM (512 MB recommended)

ma vista con 256 mega di ram parte?

o sono i requisiti minimi da sommare a quelli di vista?
Paganetor17 Maggio 2007, 11:58 #2
dimenticavo: visto che mettono la pubblicità, il software sarà gratis, giusto?
Crux_MM17 Maggio 2007, 12:11 #3
Paganetor Vista non partirà MAI con 256 di Ram..con 512 mega hai addirittura 16 megabyte per le applicazioni!Minimo un Giga.
Saranno requistiti da sommare[nel caso di Vista].

Sembra un'ottima idea, davvero. Speriamo che sia gratis, e dovrebbe esserlo!
rastapunx17 Maggio 2007, 12:33 #4
Ma una funzionalità simile non è presente già da qualche mese nel messenger ver8.1 e funziona anche bene solo mi sembra presenti lo stesso problema del riquadro in grigio?
adrinano17 Maggio 2007, 12:46 #5
ma mi sembra alquanto evidente che i requisiti minimi riguardano il sistema operativo... Quindi 256 sono i minimi di XP, ovviamente......
elisir199817 Maggio 2007, 13:37 #6

Interessante!!

Il servizio sembra interessante...ma 256 mbyte di ram...forse si riferivano a windows xp sp2...chissà...
brontolo7718 Maggio 2007, 13:37 #7

Ma esiste già.....

Ma scusate FolderShare lo fa di già......e tra l'altro è stata acquisita già da un pò di tempo da Microsoft.
Io condivido con alcuni amici delle cartelle tramite FolderShare.....in pratica un P2P a tutti gli effetti e tra l'altro io ho accesso al mio Pc da qualsiasi postazione che abbia una connessione internet. Tramite interfaccia web navigo nei mie hard disk e se mi serve qualcosa posso pure scaricarmela....beh cosa volere di più....io lo trovo davvero ottimo... e quando inviti gli amici tramite email ad accettare l'accesso alla mia cartella posso decidere io i privilegi che l'utente avrà.
Cosa importante per ora il servizio è gratis.
evildark18 Maggio 2007, 15:38 #8
ma esiste già! ci sono 3 prodotti simili!!

1) Sharepoint da la possibilità di lavorare su di un documento a "n" persone. il tutto non avviene contemporaneamente e non compare sugli schermi in diretta, quindi per fare ciò si può utilizzare su vista l'...
2) ... l'AREA CONDIVISIONI VIRTUALI che permette come il software sopracitato di utilizzare allo stesso modo in cui descritto nell'articolo, un programma o tutta la macchina a 2 persone in simultanea. è possibile inoltre condividere più documenti ed interloquire con la messaggistica integrata in questo software.
3) se ancora non dovesse bastare esiste il LIVE COMMUNICATOR
e se non erro ancora una quarta soluzione per le conferenze...

ne abbiamo davvero bisogno di una quinta versione?

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^