Tablet e Slate PC: "decine di milioni" di pezzi nel 2010

Tablet e Slate PC: "decine di milioni" di pezzi nel 2010

Una previsione di una società di analisi tratteggia un 2010 particolarmente vivace per il mercato delle soluzioni tablet e slate

di pubblicata il , alle 09:25 nel canale Portatili
 

Sembra ormai scontato che la parola d'ordine che caratterizzerà il 2010 almeno dal punto di vista tecnologico sia "tablet". Così scontato che la società di consulenza e analisi di rischio Deloitte ha formulato una previsione riguardante le vendite che questi particolari sistemi potrebbero arrivare a totalizzare nel corso di quest'anno.

Paul Lee, che ha curato la ricerca, afferma che i tablet PC, o slate PC che dir si voglia, potrebbero essere in grado sviluppare un volume di consegne di decine di milioni di pezzi e cioè, stimando un prezzo medio di 600 dollari, si tradurrebbe in un volume di affari di 6 miliardi di dollari.

Secondo Lee un risultato di questo tipo è verosimile poiché i tablet andrebbero ad indirizzarsi ad un particolare profilo d'utenza, composto da individui che desiderano da tempo un dispositivo a metà strada tra lo smartphone ed il netbook, ma che per motivi tecnologici (in primis l'autonomia operativa, ma anche prestazioni e connettività) non è mai potuto arrivare prima d'ora.

Lee osserva che questi dispositivi "via di mezzo" non andranno a costituire comunque un pericolo per le due categorie di prodotti di cui rappresentano il punto medio. Le soluzioni tablet-slate saranno infatti non così portatili da poter rimpiazzare un telefono cellulare e per quanto riguarda la digitazione di testi o la modifica di piccoli documenti, le soluzioni netbook restano ancora preferibili.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

28 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
s0nnyd3marco20 Gennaio 2010, 09:58 #1
Mah, non ne sono cosi convinto. Sono anni che cercano di propinarci questo tipo di soluzioni ma con scarso successo. Vedi gli Origami & co. Gia' allora furono un flop e secondo me si ripeteranno. Tranne che in ristretti ambiti, non vedo l'utilizzo che la gente possa fare di un coso del genere. Gia' per le mail e chattare su msn con il touch e' un inferno. (tastiera owna qualunque touch).
superbau20 Gennaio 2010, 10:04 #2
con l'avvento dei cellulari touch screen, hanno trovato nuova linfa vitale, come l'araba fenice che resuscita dalla sue ceneri; io non sarei tanto convinto delle tua affermazione S0nny3marco.
gavazza20 Gennaio 2010, 10:15 #3
Mia umile opinione è che questi prodotti, quando scenderanno anche poco di prezzo, finiranno col coincidere con gli e-reader (o come si chiamano quei cosi). Già in giro ci si lamenta che le funzionalità internet e multimediali dei reader sono troppo scarse, mentre pare evidente che per altre funzioni i notebook saranno sempre meglio dei tablet. Quindi...
gbhu20 Gennaio 2010, 10:16 #4
Originariamente inviato da: s0nnyd3marco
Mah, non ne sono cosi convinto. Sono anni che cercano di propinarci questo tipo di soluzioni ma con scarso successo. Vedi gli Origami & co...

Il punto fondamentale è il prezzo.
I mini-pc esistevano già da anni, ma non hanno mai avuto molta diffusione in quanto li vendeva la sony a 2000 euro. Non appena la asus (e poi tutti gli altri) ha cominciato a produrre mini-pc a 299 euro sono andati a ruba.
Gli origami e gli altri prototipi di tablepc e umpc sono comparsi qualche anno fa sul mercato ma con prezzi troppo alti. Se riescono a proporli ad un prezzo basso, stile eeepc, è probabile che si possa avere un successo analogo.
quiete20 Gennaio 2010, 10:32 #5
In passato non hanno avuto successo perché tecnologia e mercato non erano ancora maturi. Ora la tecnologia permette di avere prodotti più potenti che possono essere usati anche in ambito multimediale, permette nuovi form factor più sottili e leggeri, più durata delle batterie, più velocità nelle reti 3G e wifi, più software dedicato a specifici settori, più usabilità grazie a schermi capacitivi e nuove gestures.
Il mercato ora è pronto a recepire tali prodotti perché essi saranno più performanti ed usabili. Noi consumatori siamo da qualche anno addestrati ad usare internet sempre di più e non solo per navigare (storage, condivisione, web utility, mail e PEC, ecc.); quindi dispositivi mobili, votati alla connettività e facilmente trasportabili (smartphone, tablet, netbook) saranno, secondo me, sempre + venduti.
s0nnyd3marco20 Gennaio 2010, 10:40 #6
Originariamente inviato da: gbhu
Il punto fondamentale è il prezzo.
I mini-pc esistevano già da anni, ma non hanno mai avuto molta diffusione in quanto li vendeva la sony a 2000 euro. Non appena la asus (e poi tutti gli altri) ha cominciato a produrre mini-pc a 299 euro sono andati a ruba.
Gli origami e gli altri prototipi di tablepc e umpc sono comparsi qualche anno fa sul mercato ma con prezzi troppo alti. Se riescono a proporli ad un prezzo basso, stile eeepc, è probabile che si possa avere un successo analogo.


Chiaramente il prezzo e' un fattore fondamentale, ma non e' l'unico. I netbook hanno spopolato anche perche erano dei mini notebook, garantendo l'usabilita' e l'ergonomia tipica di questi prodotti. Ho provato con il tablet a navigare su internet e personalmente l'ho trovato estremamente scomodo, in quanto i siti sono pensati per un utenza che naviga utilizzando mouse e tastiera, solitamente utilizzando schermi grandi e con risoluzioni alte. Per garantire una buona usabilita' a tablet e slate bisognerebbe ripensare le interfacce sia dei siti che dei programmi. (vedi msn, forum, social network).
Considera anche il fattore forma di un slate rispetto ad un notebook. Se sei seduto in treno devi cmq tenerlo con una mano mentre con l'altra navighi sull'interfaccia, mentre con un notebook lo puoi appoggiare sulle ginocchia e lavorarci con tutte e due le mani.
Secondo me ( IMHO ) il touch e' una sorta di imposizione di una nuova tecnologia che non migliora assolutamente l'usabilita' dei prodotti.
Una cosa simile e' il cinema 3d, assoluta inutilita'.
fgpx7820 Gennaio 2010, 10:48 #7

@gavazza

Hai mai usato un e-reader? Gli e-reader non sono tali se non hanno uno schermo eInk (gli LCD sono monitor, e rovinano la vista leggendo troppo). Gli schermi e-Ink migliori in commercio hanno un tempo di refresh di più di mezzo secondo. Non sono strumenti per navigare né giocare né altro...sono strumenti per leggere.
s0nnyd3marco20 Gennaio 2010, 10:49 #8
Originariamente inviato da: quiete
In passato non hanno avuto successo perché tecnologia e mercato non erano ancora maturi. Ora la tecnologia permette di avere prodotti più potenti che possono essere usati anche in ambito multimediale, permette nuovi form factor più sottili e leggeri, più durata delle batterie, più velocità nelle reti 3G e wifi, più software dedicato a specifici settori, più usabilità grazie a schermi capacitivi e nuove gestures.
Il mercato ora è pronto a recepire tali prodotti perché essi saranno più performanti ed usabili. Noi consumatori siamo da qualche anno addestrati ad usare internet sempre di più e non solo per navigare (storage, condivisione, web utility, mail e PEC, ecc.); quindi dispositivi mobili, votati alla connettività e facilmente trasportabili (smartphone, tablet, netbook) saranno, secondo me, sempre + venduti.


Il discorso non e' (IMHO) la penetrazione di internet nella vita dei consumatori, ma la teconologia per usufruirne. Da quello che ho capito la tipologia slate si basa su tablet privi di tastiera con monitor di circa 10 pollici. Decisamente poco trasportabili. Sicuramente non lo prendi quando esci per farti una birra con gli amici al pub, come se prenderesti un cell o uno smart phone.
gio_8220 Gennaio 2010, 10:51 #9
Io personalmente sono d'accordo con s0nnyd3marco; stavo giusto per scrivere lo stesso esempio che ha fatto lui dell'utilizzo in treno. Secondo me sono degli oggetti molto scomodi per quanto quest'anno un po' tutte le case costruttrici cercheranno di convincerci del contrario. Dal mio punto di vista la soluzione migliore, se proprio è necessaria un'interfaccia full-touch, resta quella "a libro" stile notebook con due schermi.
s0nnyd3marco20 Gennaio 2010, 11:00 #10
Originariamente inviato da: gio_82
Io personalmente sono d'accordo con s0nnyd3marco; stavo giusto per scrivere lo stesso esempio che ha fatto lui dell'utilizzo in treno. Secondo me sono degli oggetti molto scomodi per quanto quest'anno un po' tutte le case costruttrici cercheranno di convincerci del contrario. Dal mio punto di vista la soluzione migliore, se proprio è necessaria un'interfaccia full-touch, resta quella "a libro" stile notebook con due schermi.


Il problema di sostituire la tastiera con un monitor touch e' la mancanza di feedback che solo un tasto puo' dare. Ti faccio un esempio. Su un cell touch devi guardare la tastiera virtuale quando digiti, mentre un un apparecchio tradizionale (sia cell che qwerty puoi anche farne a meno in quanto le tastiere hanno due tacche che ti permettono di posizionare le dita in modo da scrivere senza guardare, se ci fate caso anche sulla tastiera telefoniche a 12 tasti). Senza considerare che quando premi un tasto te ne rendi conto per via "tattile". Alcuni touch invece implementano tale funzione con una vibrazione.
Senza considerare che una vibrazione + il riconoscimento del tocco + animazioni monitor implicano maggiori consumi.
Non vedo la necessita' di sostituire una tecnologia collaudata e funzionante con una priva di sostanziali vantaggi (per il consumatore ovviamente) tranne il fattore coolness.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^