offerte prime day amazon

Intel al lavoro per entrare nel mercato Tablet PC basati su Android

Intel al lavoro per entrare nel mercato Tablet PC basati su Android

L'IDF che si terrà nel mese di aprile a Pechino potrebbe essere l'occasione per Intel di mostrare soluzioni Tablet PC con sistema operativo Android

di pubblicata il , alle 10:37 nel canale Portatili
IntelAndroid
 

Tempo di rimescolamento di carte nello scenario IT, complice il fenomeno Tablet PC e il conseguente adeguamento di molte aziende per assecondare questa fortissima tendenza. Ha iniziato Microsoft in un certo senso, annunciando all'inizio dell'anno il supporto futuro alle piattaforme ARM da parte del proprio sistema operativo Windows, tenendosi quindi aperta una porta verso un mercato dagli sviluppi ignoti, nel bene o nel male.

E' di questi giorni inoltre la notizia, riportata da Digitimes, che anche Intel si sta muovendo per allargare il proprio potenziale portafoglio clienti, proponendo piattaforme compatibili con il mondo Android in ottica Tablet PC. La fonte riporta che gli interlocutori sono di un certo peso, ovvero Inventec e Compal Electronics, di cui si potranno vedere dei prototipi già nel corso dell'Intel Developer Forum asiatico, che si terrà il mese prossimo a Pechino.

Intel avrebbe inoltre invitato 6-8 produttori di notebook a prendere seriamente in considerazione l'opzione Intel/Android, a riprova di come Intel stessa pensi seriamente a questo nuovo sbocco commerciale per le proprie piattaforme, utili a fornire un'alternativa a quanto già si osserva.

Sembra quindi perdere pian piano consistenza lo schiacciante predominio Wintel (Windows + Intel), almeno nel settore netbook e notebook e per estensione Tablet PC, che potrebbe presto trovare nelle numerose alternative alcuni agguerriti avversari. 

Una ulteriore conferma a questo fatto lo troviamo sempre nella news citata, in quanto Intel è attualmente impegnata anche con Google per offrire notebook e netbook basati su hardware Intel e sistema operativo Chrome OS. In questo caso si fanno anche nomi e si tratta di pesi massimi: Samsung, Acer e Asus avrebbero già pronti diversi modelli da lanciare nella seconda metà del 2011.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Leggi la Privacy Policy per maggiori informazioni sulla gestione dei dati personali

12 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
unnilennium16 Marzo 2011, 10:48 #1
se le soluzioni sono su base atom, se le possono tenere strette... sui tablet serve autonomia, che la piattaforma atom non ha nei confronti delle varie incarnazioni arm. meego serviva come alternativa a google, ma visto che nokia ha fatto cia, adesso stanno cercando di attaccarsi a tutto...
mail9000it16 Marzo 2011, 11:13 #2
Piu che una alterazione del dominio Wintel mi sembrano i primi segnali della fine della architettura x86.

Per la prima volta dopo decenni di processori obbligati a mantenere una compatibilità con le istruzioni x86, stiamo osservando i primi passi verso il passaggio ad una nuova architettura (ARM).

Questa mi sembra la notizia anche se siamo agli inizi.

PS. Consentitemi l'uso forse improprio della parola architettura in questo contesto, ma non ho trovato un termine migliore.
monkey.d.rufy16 Marzo 2011, 11:19 #3
android e x86 (sopratutto atom) no grazie
utentenonvalido16 Marzo 2011, 11:22 #4
Mossa scontata questa visto che Microsoft ha dichiarato che supporterà con le prossime versione di Windows i processori ARM.

Intel secondo me in questo nuovo settore ultramobile sta molto indietro. Al livello hardware il mercato oramai se lo spartiscono le soluzioni ARM appunto con tutte le varie declinazioni e customizzazioni (vedi Apple A5 e Samsung) e ultimamente sta prendendo piede la soluzione di nVidia. A livello software poi non credo proprio che intel con questo progetto Meego possa prendersi qualche quota di mercato. Tra l'altro Nokia, che dovrebbere essere il partner di intel con sto fantomatico meego appunto, pare abbia stretto un accordo con Microsoft per mettere Windows Mobile sui suoi smartphone.
supplyplus16 Marzo 2011, 11:59 #5
una prova in più che il mercato di questi table ha un margine di profitto enorme,e avrà un espanzione di massa tanto da poter intaccare lo stesso ecosistema Windows + Intel.
MaxArt16 Marzo 2011, 13:18 #6
Molto strana questa mossa, devo dire. Intel già spingeva su MeeGo, era un proprio progetto. Forse Intel si è rotta le scatole dei ritardi di Nokia?

Originariamente inviato da: unnilennium
se le soluzioni sono su base atom, se le possono tenere strette... sui tablet serve autonomia, che la piattaforma atom non ha nei confronti delle varie incarnazioni arm.
In realtà la cosa può essere interessante. I tablet di oggi sono comunque molto poco potenti rispetto ad un qualunque netbook con Atom, per cui è magari plausibile che alcuni possano sacrificare un po' di autonomia per una maggiore potenza.
Non siamo tutti uguali.
La vera sfida sarà forse riuscire a contenere il calore.

Originariamente inviato da: mail9000it
Piu che una alterazione del dominio Wintel mi sembrano i primi segnali della fine della architettura x86.

Per la prima volta dopo decenni di processori obbligati a mantenere una compatibilità con le istruzioni x86, stiamo osservando i primi passi verso il passaggio ad una nuova architettura (ARM).
Già, come se l'architettura ARM non stesse mantenendo una retrocompatibilità ventennale

Il mondo x86 rimarrà ancora stabile finché si tratta di PC desktop e notebook: la loro potenza elaborativa è nettamente superiore ed i consumi non fanno la differenza finché siamo attaccati alla rete elettrica.
Ci vorrà ancora parecchio tempo perché i due mondi si avvicendino.
JackZR16 Marzo 2011, 13:59 #7
Scusate ma Meego l'hanno abbandonato? Evidentemente gli accordi con Nokia sono saltati e ora non hanno più una piattaforma mobile dove infilarlo, cmq lo possono sempre infilare nei netbook.
sub_seven|netbus16 Marzo 2011, 15:21 #8
Be non proprio abbandonato
MaxArt16 Marzo 2011, 17:14 #9
Originariamente inviato da: JackZR
Scusate ma Meego l'hanno abbandonato? Evidentemente gli accordi con Nokia sono saltati e ora non hanno più una piattaforma mobile dove infilarlo, cmq lo possono sempre infilare nei netbook.
Se va bene il primo cellulare MeeGo arriverà per fine anno. Non credo che l'abbia abbandonato ma che si sia fatta due conti e abbia deciso strategie alternative.
argent8816 Marzo 2011, 22:08 #10
vedremo.
Certo adesso servirebbe il coniglio nel cappello

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^