Acer: focus su notebook e Ultrabook, basta Tablet PC

Acer: focus su notebook e Ultrabook, basta Tablet PC

I vertici dell'azienda indicano un rinnovato interesse per i notebook e per gli Ultabook: gli utenti li vogliono, i tablet non convincono.

di Fabio Boneschi pubblicata il , alle 17:05 nel canale Portatili
AcerUltrabook
 

Doveva essere l'anno dei tablet, con cifre da record e con uno smodato interesse da parte del mercato ma forse qualche previsione gli analisti l'hanno sbagliata e c'è ben poco entusiasmo verso questo nuovo segmento, a parte per le soluzioni iPad di Apple che invece continuano a convincere il grande pubblico.

Nelle scorse ore è Acer a fare un passo indietro preannunciando un cambio, l'ennesimo negli ultimi mesi, di strategia. Il produttore taiwanese, per voce di JT Wang, torna a rifocalizzarsi sui notebook credendo che l'interesse degli utenti per i tablet stia già calando e sia ora rivolto agli attesi Ultrabook di Intel, caratterizzati da un hardware mobile di tutto rispetto, elevata autonomia e dimensioni molto ridotte.

I primi modelli arriveranno nei prossimi mesi e i produttori taiwanesi di componenti hanno già confermato l'inizio di piccole produzioni, e con ogni probabilità già al prossimo IFA di Berlino verrà mostrato qualche sample. Dalle dichiarazioni di JT Wang si apprende che Acer intende avere un approccio molto aggressivo nei confronti di questi nuovi prodotti: 799 dollari è il prezzo previsto per un prodotto che dovrebbe avere SSD da 128GB e un display da 13 pollici.

Questa dichiarazione pare in contraddizione con i precedenti annunci di Acer nei quali deprecava la propria vecchia strategia orientata a margini risicati e grandi volumi. Veniva preannunciata un'importante svolta, con maggior attenzione alla qualità, al design e con l'obiettivo di ricollocare il brand Acer a un livello superiore. Questo cambiamento strategico aveva anche comportanto il cambio al vertice di Acer con la dipartita di Gianfranco Lanci.

Probabilmente le ultime trimestrali di Acer e le perdite subite su alcuni mercati, in particolare a livello europeo, hanno spinto i vertici dell'azienda verso questa nuova soluzione annuncata proprio a ridosso del "back to school", uno dei periodi più importanti per i produttori.

Resta aggiornato sulle ultime offerte

Ricevi comodamente via email le segnalazioni della redazione di Hardware Upgrade sui prodotti tecnologici in offerta più interessanti per te

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

30 Commenti
Gli autori dei commenti, e non la redazione, sono responsabili dei contenuti da loro inseriti - info
pabloski26 Agosto 2011, 17:19 #1
beh è giusto, quando non si è in grado di competere in un settore, bisogna lasciar perdere

l'entusiasmo non manca nei confronti dei pad ma nei confronti dei pad non apple

le parole di acer mi ricordano tanto un bullo che fu pestato a sangue ma conservò la sua arroganza, uscendosene con cose tipo "te la faccio pagare la prossima volta"

ammettere che non sanno fare i tablet è così difficile?
Freaxxx26 Agosto 2011, 17:26 #2
Fanno dei chiodi e li vendono a millemila €, persino Nvidia è intervenuta sui prezzi troppo alti, cioé un fornitore ha messo bocca sul prodotto finale di un suo cliente, e sono dei semplici display portatile con una cornice di plastica e un chipset tutto integrato all'interno, neanche fatto da loro.

Grazie tante che gli utenti non hanno più interesse, gli ultrabook non sono una idea cattiva, ma l'industria deve alzare gli standard di qualità estremamente bassi, è tutto con finiture lucide, tutti i display sono in 16:9 per risparmiare, tutti @ 1366x768, tutti con ancora 1-2 USB 3.0 al massimo ma proprio tirando la corda, problemi di raffreddamento molto frequenti nei subnotebook, etc etc.
Nessuno ci lavora con un 16:9, è semplicemente una tortura e un campionato di scrolling, idem per le altre feature.

Stanno tirando i remi in barca, grazie che il mercato è saturo, vendono la stessa schifezza da anni, provate a fare un portatile con display in 5:4 o 4:3 ad una risoluzione medio-alta e vedrete se non venderete.
nix8726 Agosto 2011, 17:29 #3
non concepisco ancora il successo di ipad...non come prodotto, ma come OS troppo limitato. QNX di RIM e WebOS di HP come OS per tablet sono i migliori, il multitasking vero e le gesture sono cose irrinunciabili per un sistema tablet!
kakaroth197726 Agosto 2011, 17:47 #4
piccolissimi e leggeri , 13" , 128 gb ssd , quindi smesso di produrre simil ipad , cominciano a produrre simil macbook air
Portocala26 Agosto 2011, 17:58 #5
Originariamente inviato da: nix87
WebOS di HP come OS per tablet sono i migliori,


Parli di quel WebOS morto, sepolto, venduto su ebay e dove presente, sostituito con Android?
lo sciocco26 Agosto 2011, 17:59 #6
ma come lo scarso interesse per i tab ...
non c'è ancora cosi tanta scelta per acquistarne uno per me .
NoX8326 Agosto 2011, 19:12 #7
Riassunto dell'articolo, per gli svogliati:

Acer pochi mesi fa (in una straordinaria botta di euforia che per una volta ha prodotto qualcosa di buono): "abbiamo prodotto schifezze per troppo tempo, è ora di iniziare con la roba di qualità per riconquistare prestigio e soddisfare maggiormente la clientela"...

Acer oggi: "effettivamente però le schifezze vendono di più, tanto la gente col pc ci fa giusto quattro cazzate, quindi è sempre meglio puntare a vendere tanto, anche se dobbiamo regalare i pc. Non importa se uno dovrà comprare un pc ogni due anni, tanto per quello che spende..."

Morale: la vicenda di HP non sta insegnando proprio niente a nessuno. E' inutile...produrre schifezza a basso costo è più forte di acer...proprio non ce la fa a cambiare strategia. Anche perchè sa che ormai ha abituato la clientela a prezzi talmente bassi che alzarli sarebbe un azzardo...poveracci loro...
nix8726 Agosto 2011, 19:43 #8
Originariamente inviato da: Portocala
Parli di quel WebOS morto, sepolto, venduto su ebay e dove presente, sostituito con Android?
sepolto si, ma sempre uno dei migliori! HP non si è mai impegnata nel farlo diffondere, basti pensare al fatto che non hanno distribuito in forma ufficiale i Palm Pre 2 e 3 in Italia o altre nazioni. Poi la scarsezza delle applicazioni del market e il marketing praticamente assente hanno distrutto questo ottimo OS! Spero sempre che qualcuno acquisti la licenza per utilizzarlo nei propri device...spero in HTC o Samsung.
Parlo da possessore di Ipod Touch 4gn ed ex possessore di Iphone 2g.
nico_198226 Agosto 2011, 19:49 #9
Dov'è che c'è scritto che produrranno schifezze?

Il costo dei materiali (BOM) fornito da Intel per gli ultrabook varia da 475 a 710 dollari a seconda della dotazione hardware. Al prezzo indicato nella notizia che, è probabilmente per la configurazione minima, hanno praticamente quasi 400 dollari per farci stare assemblaggio e guadagno, una marea.
Se la qualità costruttiva è pari a quella dei Timeline 1810 e 3810 - che avevano prezzi simili, se non inferiori - si parlerà di compromessi, ma non certo di porcheria.

Originariamente inviato da: pabloski
ammettere che non sanno fare i tablet è così difficile?

Probabilmente quanto ammettere di non sapere fare antenne XD
undesaparecido26 Agosto 2011, 21:06 #10
Apple non si deve affrontare sul contenitore, ma sul contenuto. Iphone 3 gs 4 e ipad 1 2 sono, elettronicamente, buone (non dico ottime) chiavi d'accesso ai contenuti e potrebbero farli pagare anche il doppio senza fallire perché non c'è concorrenza sui contenuti. Questa è la filosofia apple. E' per questo che un iphone 3 usato di tre anni costa ancora 200 Euro con il vetro del display rotto.

Devi effettuare il login per poter commentare
Se non sei ancora registrato, puoi farlo attraverso questo form.
Se sei già registrato e loggato nel sito, puoi inserire il tuo commento.
Si tenga presente quanto letto nel regolamento, nel rispetto del "quieto vivere".

La discussione è consultabile anche qui, sul forum.
 
^